Creato da sciffo il 27/09/2005

noeasywayout

Quelli che sognano di giorno sono consapevoli di tante cose che sfuggono a quelli che sognano solo di notte. (Edgar A. Poe)

 

 

« UN'IDEA DA IDIOTA, AS USUALTELEFONA TRA 20 ANNI »

ESTATE, TEMPO DI AMORI GIOVANI

Post n°681 pubblicato il 02 Luglio 2012 da sciffo

Occhi di ragazza
Quanti cieli quanti mari che mi aspettano 

Sabato a mezzogiorno.
C'è un caldo quasi mortale, ma non posso evitarlo, ho un appuntamento.
La location non è banale: incrocio tra corso Ercole d'Este e via Certosa.
Chi conosce Ferrara sa che è un luogo mistico. O almeno lo è per me. 

Sono lì che aspetto, seduto su un fittone all'ombra dei pioppi, e ascolto le cicale.
Butto uno sguardo a destra e a sinistra, con la vista che spazia libera dal Castello fino alla Casa del Boia: non c'è nessuno, proprio nessuno. 
Troppo caldo per starsene in giro.
 
Chiudo gli occhi, tranquillo che, in quel deserto dei tartari, non potrò essere scambiato per un matto.
Mi è sempre piaciuto tanto il frinire delle cicale, è il rumore dell'estate, di quelle estati infinite che c'erano tanti anni fa, e adesso non mi capita quasi mai di potermelo gustare con calma. 

Ogni tanto sollevo leggermente le palpebre, ma poco, quel tanto che basta per distinguere i colori ma non gli oggetti. 
Azzurro, verde, mattone.
Qual è poi la realtà del mondo, gli edifici, le strade o i suoi cromatismi?

Ad un certo punto, sento una risata, anzi due.
Sono risate giovani: una femminile, d'argento, e una maschile, di bronzo.
Limpide e libere, nessun veleno della vita ancora può velarle. 

Apro gli occhi e vedo due ragazzi, sull'orlo della maggiore età, che vengono in bici verso di me. Pedalano sul marciapiede deserto per evitare i ciottoli, e si tengono per mano, e ridono. Ridono.
Manco si sono accorti, loro, che ci sono quaranta gradi. 

Mi passano accanto, un fantasma seduto su un paracarro di marmo, lei mi guarda per un secondo, come a scusarsi, mentre lui, più timido, passa per un attimo ad un sorriso più tenue e silenzioso.

Li osservo ancora per un pò mentre vanno verso la Mura, e li sento ridere ancora più forte, probabilmente per una battuta.
La risata si allontana piano piano, fino a confondersi in quell'ipnotico sottofondo di cicale.

E' un attimo, e sono passati.
Per sempre.
 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

pfg0nuova.abitaregiancarlomassimobellicapellidgl3un_amica_per_tePrima_Kurva_a_DxDuochrometocco_di_principessaMarquisDeLaPhoenixIltuocognatinosciffocorgiancakona74cariomba
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

ULTIMI COMMENTI

...ma la bici aveva la sella?...sennò poteva essere...
Inviato da: Basmal
il 24/11/2014 alle 15:13
 
Spesso penso ad una soluzione del genere, mi piacerebbe...
Inviato da: un_amica_per_te
il 21/11/2014 alle 18:31
 
Bellissimo ....nelle tue parole ho rivisto e risentito...
Inviato da: Andrea Balderi
il 30/09/2014 alle 15:27
 
Ehi, Mr. Marino, dopo questo post... è evidente che non hai...
Inviato da: Jimmy Page
il 24/06/2014 alle 19:31
 
Una delle cose più belle che abbia mai letto. O forse,...
Inviato da: mauropaterno
il 19/11/2013 alle 13:22
 
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova