Blog
Un blog creato da simurgh2 il 29/04/2010

Invidio il vento

ma anche no

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ALMOST BLUE-CHET BAKER

 

 

"In un mondo senza malinconia gli usignoli si metterebbero a ruttare"
(E. Cioran) 

 

Non so se quello che faccio possa chiamarsi "scrivere". Piu che altro confeziono dei brani che possano servirmi a riempire dei buchi (H. Murakami)

 

 

« DISTANZE (Un post di teti)Erano venuti a vedere ch... »

Cecità e cicogne

Post n°270 pubblicato il 25 Luglio 2011 da simurgh2

Cecità e cicogne

a Fatima-Zahra

Io sono Fatima-Zahra e tu sei il mio profeta:
falso e affascinante come tutti i profeti.
Nella mia infanzia non ho avuto un’infanzia.
A tredici anni tu, habibi, leggevi Kafka

Ieri Juan Goytisolo guardava le cicogne da una terrazza di Jamaa el Fna.
La loro casba è un labirinto di rami costruito per noi,
per ostacolarci il cammino verso l’infinito, per ricordarci
che la Terra Promessa non è qui, che viviamo nel deserto

Fra qualche giorno migreranno, dice. Nel frattempo prove di volo. Quale
altro comandamento, mio profeta? Primo: non c’è grazia senza esercizio.
Secondo: non c’è salvezza in nessun luogo. Terzo: l’amore
è non sapere nulla di sé. Quarto: mendicare senza orgoglio

Come il vecchio Hasan. La cecità gli ha tolto lo spettacolo
dei mangiafuoco, dei giocolieri, degli incantatori di serpenti.
Non la grande estraneità. Hasan, che alla scuola del calore
ha imparato la chiaroveggenza dell’insonne

Così le mie gambe sordomute, come le chiamavi,
si affrancheranno dalla schiavitù delle tue parole.
Ma oggi come cicogne mendicanti, alla quinta chiamata,
chiedono tempo, tempo e denaro, denaro e sesso.

Io sono Fatima-Zahra e tu sei il mio profeta:
falso e affascinante come tutti i profeti.
La mia gioventù è stata prostituzione. Come la tua, habibi,
solo che tuo padre, a differenza del mio, la chiamava arte

di Massimo Rizzante

Nota
Queste poesie sono del “il ciclo di Marrakech”, e fanno parte di una più ampia sezione della sua prossima raccolta, intitolata Scuola di calore.

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/simurgh/trackback.php?msg=10452448

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
claudia.sogno
claudia.sogno il 26/07/11 alle 00:37 via WEB
"Sulla strada per Ourika siamo come uccelli notturni che si strappano le ali a vicenda, fino a quando il becco affonda in un organo cieco per molti, soprattutto per coloro che sono stati ciechi a lungo Così l’amore ci chiama.E da uccelli notturni dobbiamo trasformarci...Per questo esiste un incubo chiamato Ourika, dove con i piedi nell’acqua gelata risalgo da sola il torrente, lasciandomi alle spalle accampamenti di cicogne, passerelle per scheletri che scendono dall’Atlante, muri di terra rossa(..)
 
 
simurgh2
simurgh2 il 26/07/11 alle 11:49 via WEB
Sulla strada per Ofra la corriera saliva, il sole si aprì e le nuvole avevano delle forme porporine, fluide.
L'autobus si riempì di lunghe ombre.
Ad una fermata sali Fatima-Zahra. L'autista aveva queste manacce da orso. Prendeva manciate di piccole olive piccanti da un cartoccio vicino al grande volante e se le faceva scivolare in bocca sollevando la testa, poi sputava gli ossi fuori dal finestrino con un fffthciù.
Fatima-Zahra aveva i piedi scalzi, erano bagnati. Doveva aver risalito il torrente.
Ogni cosa ha un significato nascosto.
Cicogne appollaiate sui nidi sopra i pali della linea elettrica osservavano.
Gli uccelli notturni nascosti tra i rami pareva aspettasero il kurshskaya kosà
L'autista durante una curva sputò un'osso e ruttò
L'amore è non sapere nulla di sè, pensò Fatima-Zahra
L'autista accese la radio Ghir Enta CLICCA e Fatima si mise a cantare sottovocechiudendo gli occhi.
Nuovi mondi si andavano formando e, all'improvviso era musica, ritmo, bellezza
Fatima aveva questo pensiero. Era chiamata al sacrificio di diventare una donna. Credeva di dover impazzire per potersi sposare
Pensai che non volevo sapere come andava a finire questa storia. Pensai che qualcuno era cresciuto oscuramente lontano da me, in qualche luogo dove sapevo prima o poi avrei attraversato e che mi sarei fermato per doverla incotrare. Che le musiche, le canzoni che mi avevano fatto piangere o colmato il cuore nelle notti di pioggia le avevo ascoltate senza sapere che le ascoltavo perchè qualcuno era cresciuto oscuramente per aspettare me ed essere pronto
 
   
claudia.sogno
claudia.sogno il 26/07/11 alle 22:34 via WEB
sì quella donna risaliva,ricordava il suo canto nero http://www.youtube.com/watch?v=advL2nf_3D0...sussurrando Im Nin' alu...http://www.youtube.com/watch?v=5px-ppcQDps...alle porte di Ofra
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lancillotta0nicola.scagliusiclaudia.sognoemma01lontradelboscsimurgh2Baccio70lightdewannilinagdacuntocortedeibambiniwillielminatestipaolo40rosselladf79
 

ULTIMI COMMENTI

https://youtu.be/yYHQmjAbwXw
Inviato da: emma01
il 18/04/2017 alle 16:53
 
Indugiò, sempre qua e là muovendo - Poi timidamente Bussò...
Inviato da: lontradelbosc
il 08/04/2017 alle 21:28
 
grazie..
Inviato da: çok güzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 20:30
 
thank you
Inviato da: çok güzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 20:30
 
thank you
Inviato da: diyet
il 10/09/2016 alle 11:26
 
 

DARK PRESENCES

site statistics;1&autoplay=1

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

SAINKTO NAMTCHYLAK

 

I LIBRI SUL COMODINO

-Rilke - Tutte le poesie - Einaudi
-J. Franzen- Zona disagio-
-Jennifer Egan- Il tempo è un bastardo
-Tabucchi- Racconti con figure
-David F. Wallace- Tutto e di piu
-Ingo Shulze-Zeus e altre storie semplici 

 

Chi viaggia odia l'estate. L'estate appartiene al turista. Il viaggiatore viaggia da solo e non lo fa per tornare contento. Lui viaggia perchè è di mestiere. Ha scelto il mestiere di vento. (Mercanti di Liquore)