Creato da gabriele_amore il 16/07/2009

SI SMURA!!

Mr B.? Thanks but no, thanks!

 

 

Berlusconi? Thanks but no thanks!

Post n°74 pubblicato il 30 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Per quelle che vale, provo a spiegarmi.

 

Si smura (?)

Gabriele Amore

 
 
 

Popolo di navigatori, poeti, scienziati(sic!) ...petrolieri e nuclearofili??

Post n°73 pubblicato il 29 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Quanto conta e quanto costa la salute delle persone? Quanto conta la salvaguardia di realtà economiche locali e quanto costa la loro distruzione e quella dell'ambiente? Quanto incide sul maledetto PIL l'abolizione di colture DOP come quelle dell'Abruzzo, della Basilicata? 

Chi lo sa? Intanto mentre tutti si dicono contrari, nessun impedimento viene posto alla costruzione del CENTRO OLII DI ORTONA  per mano dell'ENI.

Una bella storia Italiana.

Volete sentire un'altra bella storia italiana?

Pare che grazie all'ennesimo giro di valzer con piroetta legislativa, sul nucleare il governo deciderà da solo! E il referendum? Il ricordo di un paese lontano lontano: C'era una volta il cantastorie dirà e un'altra favola comincerà! Oooooh! ooooh!

E il PD? Fa la bella addormentata nel bosco...in attesa di un bel principe azzurro (possibilmente di un metro e mezzo) che le dica quando dove come svegliarsi e sopratutto cosa fare e cosa dire

Si Smura

Gabriele Amore

 

 
 
 

Buona Padania Libera a tutti!

Post n°72 pubblicato il 29 Ottobre 2009 da gabriele_amore
 

Io l'ho sentita ieri per la prima volta. Ma ormai da un bel pò di tempo, ogni giorno Radio Padania Libera riempie l’aere nazionale con amenità di vario tipo. In genere si tratta di proclami e dichiarazioni sulla superiorità del Nord sul Sud Italia, sulla necessità della secessione, sul “ognuno rimanga a casa sua”. Su alcune di queste cose e sull’ultima in particolare mi trovo pienamente d’accordo. Magari poter rimanere a casa mia, nella mia città a svolgere il mio lavoro (ricercatore precario, per servirvi). Ma non è andata così. Non che mi lamenti: nella mia vita ho avuto la fortuna di lavorare con personalità eccezionali nel mio campo (Biologia dello Sviluppo, scritto maiuscolo grazie) e non avrei di certo potuto farlo, fossi rimasto a casa mia, nella mia città. Però con buona pace dei leghisti, nei miei pellegrinaggi fino ad oggi non ho mai commesso l’azzardo di superare la  linea gotica: vero è che ho vissuto in California per nove anni, ma in Italia non mi sono mai spinto più a Nord di Formia, che per quello che ne so non è ancora stata annessa alla Padania. Sono se non uno che  “è  rimasto a casa sua” per lo meno uno che  é rimasto rispettosamente al sud.

Lo stesso però non posso dire dei Padani, che se pure non si sognano di emigrare al sud, al sud spediscono da decenni i loro rifiuti. Con l'assistenza "altamente qualificata" degli smaltitori di rfiuti camorristici, certo. Ma pur sempre di rifiuti originati al Nord si tratta.

Non sono fantasie da scrittore in cerca di fama o soldi Sono le risultanze di inchieste della magistratura che se pure pubblicizzate dal libro "Gomorra"  a quanto pare non sono ancora entrate a far parte dell'immaginario del popolo Padano. Né sembrano averne scosso la coscienza civile, pure così sensibile ai temi sociali ed economici. Si tratta di fatti riportati da un giornalista coraggioso che a meno di 30 anni  e da almeno tre anni vive sotto scorta. Eppure in Padania, nella sua radio e nel suo giornale, nessuno ne parla, non se ne trova traccia. E' un piccolo "dirty secret" del quale si preferisce non parlare o del quale se ne ignora del tutto l'esistenza.

Che ne dite cari Padani? Facciamo che ognuno resta a casa sua e a casa sua smaltisce anche i rifiuti (i propri, non quelli degli altri)??

In attesa della "nuova spedizione dei mille" annunciata dal ministro Brunetta,

Buona Padania Libera a tutti!

 

Si Smura

Gabriele Amore

 

 

 
 
 

Non capisco ...E NON MI ADEGUO!!!

Post n°71 pubblicato il 28 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Gentile signor BERSANIDALEMAFRANCESCHINIMARINOFINOCCHIAROECHIPIU'NEHAPIU'NEMETTA

Le scrivo per chiederle spiegazioni in merito a quello che per me é un argomento fonte di molti inerogativi e dubbi amletici: la strategia politica.

Allora: premesso che in Italia un signore di 70 e passa anni, un certo Silvio Berlusconi per capirci, possiede tre televisioni nazionali, una carrettata di giornali e riviste, imprese edili, assicurative, una (mica tanto) piccola banca e un bel pò di altra roba,  e premesso che lo stesso fa anche il Presidente del Consiglio, non le sembrerebbe il caso PER UNA VOLTA (E CHE CAZZO!) mettere da parte il politichese, l'orgoglio di partito o quello che vuole lei, e dire chiaro e tondo che il Paese (quello che non importa soldi con lo scudo fiscale per lo meno) NON CI STA???

Si può sapere che razza di ragionamento (ammesso ce ne sia uno) di "strategia politica" si naconde dietro al Gran Rifiuto di aderire al "No Berlusconi Day" del 5 dicembre???

Guardi, caro sig BERSANIDALEMAFRANCESCHINIMARINOFINOCCHIAROECHIPIU'NEHAPIU'NEMETTA che se pure la memoria sua e dei suoi amichetti potrebbe essere corta, quella della rete non lo é!!! Cos'é avete fatto, un'altra promessa di aumentare ancora di più il fatturato di Mediaset??

 

(vecchio video fa buon brodo)

SI PUO' SAPERE DA CHE PARTE STATE???

In attesa di spiegazioni

 

Gabriele Amore

 

 

 

 
 
 

La donna più bella del mondo

Post n°70 pubblicato il 27 Ottobre 2009 da gabriele_amore

In realtà sono indeciso...secondo me meritano il primo posto tutte e due!

Peccato che il video di Maddalena no si possa caricare direttamente (clicca qui)

 

 

Si Smura anche così!

Gabriele Amore

 
 
 

Un buon inizio...??

Post n°69 pubblicato il 26 Ottobre 2009 da gabriele_amore

"Farò il leader a modo mio" ha detto Pierluigi Bersani. A chi parlava? Che vuol dire? Farà il leader a modo suo in riferimento a D'Alema? A Francechini? Se fosse così, chi se ne frega?

Molto meglio fare il leader a modo proprio e non a modo di Berlusconi.

Molto meglio fare il leader dell'opposizione e non dell'astensione.

Tanti auguri

Io comunque voto Antonio almeno per ora. In futuro se ce ne sarà la possibilità voterò Beppe (o chi per lui). Perchè francamente credo che ci sia bisogno di qualcuno che abbia coscienza di cosa significa vivere e fare politica nel 21esimo secolo, non nel secolo scorso.

 

Si smura

Gabriele Amore

 
 
 

Quelli che l'opposizione...

Post n°68 pubblicato il 26 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Premetto: partecipare alle primarie del PD in posti come Palermo (o la Sicilia) equivale a dire "Non siamo tutti berlusconiani". Per cui va fatto, anche solo per questo. Detto questo, il PD e i suoi affiliati vanno comunque tenuti sotto pressione sempre.

 

Grazie a "Grillo d Palermo" meetup

Si Smura

Gabriele Amore

 
 
 

Salvatore "vasa-vasa" Cuffaro fa la class action al contrario!

Post n°67 pubblicato il 22 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Non so voi, ma io sono stanco della faccia tosta di certi "politici".

Adesso Salvatore "Vasa-vasa" Cuffaro ha persino il coraggio di querelare 4000 internauti per i commenti al video qui sotto...ma che é una "class action" al contrario???

Sapete che vi dico?Nei confronti di certa gente non c'é altro da fare che querelare (ed é poco!) per il danno che fanno LORO alla Sicilia e non solo alla Sicilia!

C'é qualcuno disposto a iniziare questa battaglia? Chi lo sa magari un giorno si arriverà alla querela a Berlusconi per le figure di merda che ci fa fare all'estero!

Si Smura

Gabriele Amore

 

 
 
 

Aiutiamo Radio Radicale

Post n°66 pubblicato il 22 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Aiutiamo Radio Radicale

Che vi piaccia o no radio radicale, che condividiate o meno le battaglie radicali, non importa. Radio Radicale é stata e continua ad essere una voce importante e fuori dal coro.

E adesso é in pericolo.

Cliccate qui e firmate l'appello

Si Smura!

Gabriele Amore

 
 
 

A che gioco giocate?

Post n°65 pubblicato il 22 Ottobre 2009 da gabriele_amore

 

Parlo a voi signori Berlusconi-tremonti-brunetta-gelmini e anche a quegli altri Franceschini-bersani-dalema-veltroni: la smettete di prendere per il culo l'Italia?

A che gioco state giocando? A quello dei due compari che fanno finta di non conoscersi? E che mentre il povero fesso (il solito popolo bue) cerca di seguire le mosse del primo (sempre con la speranza di ricavarne qualcosa di buono, povero scemo!), Zac! Il secondo bello bello gliela mette nel culo?? Di cosa sto parlando? DELL' ENNESIMA, RIDICOLA PUTTANATA: LA “DIFESA” DEL POSTO FISSO!. Con Cheguevaratremonti che esce su tutti i giornali che pare Scrooge dopo la notte coi tre fantasmi, quell'altro che fa il folgorato sulla via di Damasco, mentre Hopresolabilitazioneareggiocalabriaperchèabresciaeratroppodifficilegelmini manco si degna di rispondere ai parlamentari che le fanno notare quanto discriminatori siano i recenti provvedimenti sui precari TD della scuola (per giunta di fronte a non so quante scolaresche presenti in aula!). Aho! E se manco tutelate i precari a tempo indeterminato, ma come cazzo si fa a credere che tutelerete tutti gli altri (cococo, cocopro, cocodé e chicchirichi)??.

Vorrei proprio sapere quale altra leggina (o puttanata, o porcata che dir si voglia), di quelle che sapete fare solo voi, vi preparate a far passare, mentre in questo paese di gente troppo furba per essere intelligente, tutti abboccano all'amo di un posto fisso che sapete benissimo non ci sarà mai. Alla fine ci scommetto: Cheguevaratremonti dirà “mi sono sbagliato”, gli altri diranno “lo sapevamo che finiva così”, quell'altro dirà “mi avete frainteso” e nel frattempo chissà come ci saremo ritrovati sul groppone una bella immunità parlamentare (tanto per dirne una) estesa pure ai portieri dei palazzi di fronte, di lato e di dietro. Oppure qualche provvedimento bello restrittivo sull'uso di Internet (tipo che per scrivere su un blog bisognerà aver prima vinto il Pulitzer). La scelta non manca.

Sentite un po': ma non vi sembra di cattivo gusto giocare con le aspettative della gente? BASTA!! UN PO' DI DECENZA! Ma vi rendete conto che con un decimo dell'energia che impiegate per metterla nel culo a tutta l'Italia, si sarebbero già risolti una buona metà dei nostri problemi??

ANDATE A LAVORARE MA SUL SERIO, FANNULLONI CHE NON SIETE ALTRO!!

 

Si Smura!

 

Gabriele Amore

 

 

 
 
 

Tutti gli uomini del presidente 3: Angelino Alfano e altre considerazioni di carattere generale.

Post n°58 pubblicato il 20 Ottobre 2009 da gabriele_amore

 

Grazie Bebo e grazie Sonia!

Si Smura!

Gabriele Amore

 
 
 

Emergenza Italia: Fermare il piano casa!!

Post n°57 pubblicato il 18 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Altro che ponte di Messina! La vera grande opera, quella che creerà dissesto in tutto il territorio nazionale, che porterà ancora più soldi nelle tasche delle mafie e delle camorre che gestiscono l'ediliza in tutta Italia (compresa l'Emilia Romagna!) é Il PIANO CASA.

L'Italia "vanta" il record dei rischi idrogeologici. Ma nonstante questo su tutto il territorio si costruisce sul greto di fiumi e sui fianchi di colline disboscate come se ci si trovasse nel mezzo del Kansas. E lo si fa con materiali scadenti (sabbie di spiaggia per il cemento armato abbruzzese) e in modo criminale.

E adesso non contenti del terremoto dell'Aquila e dell'alluvione di Messina (tanto per citare gli ultimi esempi di cosa significa in termini pratici dissesto e non rispetto delle regole nel costruire) si ci accinge all'implementazione in varie regioni del Piano casa.

Radio Radicale ha trasmesso oggi il convegno "Fermare il Piano Casa" tenutosi il 10 ottobre scorso.

Eccolo qui

Si Smura!

Gabriele Amore

 
 
 

Decrescita Felice

Post n°56 pubblicato il 17 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Il problema della classe politica (non solo quella italiana) è che è vecchia. Vecchia, perché ragiona secondo schemi che non solo sono stati elaborati 200 anni fa ma che anche si sono rivelati fallimentari.

Sia la destra che la sinistra individuano l'origine del benessere (e della felicità) nella produzione di ricchezza; la differenza tra le due parti consiste solo nel modo (nei criteri) in cui questa ricchezza deve essere ripartita. In ogni caso, condizione necessaria perché si possa avere benessere è che la produzione di beni e di ricchezza sia adeguata alla domanda (sempre crescente) della popolazione. In una parola, benessere e crescita devono coincidere. Come conseguenza, la de-crescita è individuata come un male da evitare, prevenire, combattere. La crisi americana dei mutui è stata determinata dalla politica delle banche di concedere prestiti anche a chi era nell' evidente impossibilità di pagare (erano i cosiddetti clienti “sub-prime” cioè di seconda scelta). Questo per alimentare la richiesta immobiliare e permettere alla sua industria di crescere e quindi di continuare a esistere. Il fallimento di questo modo di ragionare è sotto gli occhi di tutti e si concretizza in quella che è stata definita la peggior crisi dell' era industriale, peggiore persino di quella del 1929.

Esiste però una visione molto diversa delle cose ed è quanto Maurizio Pallante racconta da almeno tre anni (io però l'ho scoperto solo oggi, meglio tardi che mai!) in un libro e in seminari tenuti in giro per l' Italia dal titolo: “Decrescita Felice”. In cosa consiste, come è possibile associare il termine decrescita, che nella testa dei più richiama l'idea di privazione, alla felicità? Si tratta forse dottrina della rinuncia, di una sorta di Francescanesimo versione terzo millennio? Niente affatto. Il ragionamento si fonda su un punto semplice ma cruciale. Crescita e decrescita sono termini che fanno esclusivamente riferimento al PIL (prodotto interno lordo). Questo valore a sua volta misura semplicemente la quantità di merci, di denaro scambiato, o anche la quantità di energia spesa (o sprecata) da una comunità nel corso di un anno. Non quanto “bene” (inteso come servizi e benessere) viene ricavato da quel denaro o da quell'energia. Per cui si può arrivare al paradosso che paragonando due comunità, una in cui tutte le abitazioni sono costruite in accordo con le nuove tecnologie edilizie per il risparmio dell'energia e una secondo quelle vecchie, avremo che la prima ha un PIL più basso (minor consumo di energia per riscaldare le case significa anche minori spese per l'acquisto e il trasporto di quell'energia) e la seconda un PIL più alto. Il fatto che i cittadini della prima comunità saranno riscaldati allo stesso modo (o anche meglio) di quelli della seconda, che il minore consumo di combustibili renderà la qualità dell'aria nella loro comunità migliore, che i soldi risparmiati in bolletta darà loro la possibilità di usarli per altri beni, o anche permetterà loro di lavorare meno e avere più tempo libero, non è conteggiato da nessun indice economico. É chiaro quindi che il concetto di PIL va superato. Ed è allo stesso modo chiaro che decrescita non coincide in nessun modo con privazione, anzi tutto il contrario.

Decrescita nel senso inteso da Pallante (e non solo lui) significa uso migliore, più intelligente delle risorse disponibili al fine di rispondere ai bisogni reali dell'uomo, non a quelli sempre crescenti indotti dall'industria. Ma il problema è che una società il cui sistema economico è fondato sulla produzione industriale per uscire dalla crisi e “rilanciare” la sua economia, deve in qualche modo usare la forza della propria industria. Come si fa a non cadere nella trappola di sostenere la crescita dell'industria ad ogni costo, scambiando questo per la soluzione della crisi? Lo si fa con una politica che sappia guardare al di là del proprio naso. E l' esempio del contrario è quello che viene spacciato come soluzione da quella banda di incompetenti attualmente al governo (purtroppo la situazione non sarebbe migliore se ci fossero quegli altri). Il ragionamento di questi contabili da quattro soldi è: siccome l'industria trainante è quella dell'automobile e quella edile, bisogna incrementare la domanda e il consumo in queste due aree per salvare l'economia del paese. Ecco allora gli incentivi per la rottamazione e i condoni edilizi (leggi sull'aumento del 20% della cubatura e così via).

Per quanto riguarda il primo “rimedio”, Pallante rileva che il mercato dell'automobile si avvia a una contrazione a livello mondiale. L'automobile è morta, dicono addirittura altri (Grillo tra questi). D'altra parte industrie come la Wolks-Wagen stanno convertendo la loro produzione a quella dei co-generatori. Si tratta di macchine basate sul motore di un automobile capaci di produrre calore dai gas di scarico (buono per riscaldare una casa) e elettricità (dal movimento di un volano, anziché energia per lo spostamento), buona per alimentare 10 case. Quello dei co-generatori è un mercato vergine, quindi in espansione. Una riconversione dell'industria automobilistica in questo senso sarebbe facile (non richiede l'acquisizione di know-how radicalmente diversi da quelli già posseduti) e permetterebbe un rilancio del settore vero perché alimentato da una domanda vera. Da un bisogno reale e non indotto dal consumismo. Una politica degna di questo nome, incentiverebbe tali iniziative con aiuti che allora davvero avrebbero senso.

Per quanto riguarda il secondo “rimedio”, sempre Pallante fa notare come nelle città italiane un settimo degli appartamenti siano vuoti. Non solo. Ma quelli occupati e costruiti da 60 anni a questa parte, usano in media 20 litri di gas per metro quadro per il riscaldamento all'anno. In Germania, in Trentino ed in alcuni comuni sparsi per l'Italia, sono state approvate leggi e delibere secondo le quali non si possono costruire case che sprechino più di 7 litri di gas per metro quadro all'anno. E le tecnologie oggi disponibili, permettono la costruzione di abitazioni che consumano 5, 4 anche 2 litri. Con lo stesso rendimento in termini di riscaldamento. E con evidenti vantaggi per chi quelle case le abita.

E allora, perché invece di permettere che si continui a costruire in modo inefficiente, dannoso a spese del territorio e di chi lo abita (vedi effetti del terremoto all'Aquila e dell'alluvione a Messina), non si comincia a chiedere che le industrie edili si riconvertano al mercato dei materiali ecologici sicuri e ad alta efficienza energetica? Perché non si incentivano opere di ristrutturazione che rendano le case più sicure e più ecologicamente efficienti anziché permettere gli aumenti di cubatura? Sarebbe la scelta politica logica e probabilmente vincente (anche per l'industria edile) in un paese normale. Ma certo è difficile che tali scelte vengano fatte da chi governa se poi questi stessi commissionano la costruzione di opere assurde (leggi: ponte di Messina) a imprese indagate e condannate tipo Impregilo. Magari certe indicazioni, certe richieste potrebbero venire da una opposizione degna di questo nome, attenta ai bisogni di chi vive nel 2009 e non infognata in polemiche inutili che no interessano a nessuno. Chi lo sa...

Ma lasciando perdere considerazioni inerenti alla situazione contingente, il discorso che mi sembra cruciale è che tutto lo scenario proposto da Pallante, per quanto attraente si basa comunque sulla fiducia nel sistema industriale. In altre parole la spinta alla riconversione del sistema industriale verso i nuovi settori legati all'ecologia viene dal beneficio che le industrie ne trarrebbero in termini di competitività. Cioè esisterebbe la possibilità di un'industria che cresce producendo qualcosa di oggettivamente “buono”. Quanto è giustificata questa fiducia? In più, la crescita in tali settori (compreso anche quello del riutilizzo dei rifiuti) è oggi possibile data la verginità di questi mercati e dall'esistenza di una domanda che supera di gran lunga l'offerta. Ma che succede nel momento in cui il mercato si satura? Si creeranno nuovi bisogni e nuove domande? Si arriverà al paradosso di un'industria che produce beni ecologici ma che per farlo in modo competitivo distrugge risorse e svilisce il lavoro e la dignità umana di chi vive in un terzo o quarto mondo ancora da individuare (se continua cosi l'Italia potrebbe presto farne parte)? Il punto è che non si può lasciare l'industria alle sue leggi perché evidentemente non mirano al benessere delle persone. E allora deve essere compito della politica (quella di governo o magari in forma di proposta almeno quella dell'opposizione) individuare i modi per “usare” la forza dell'industria, usarne cioè la capacità di innovare e di individuare le risposte ai bisogni della comunità. Questa è Politica. Non le cazzate di Berlusconi e di chi gli va appresso.

 

Si Smura

 

Gabriele Amore

 

 

 
 
 

Tutti gli uomini ( e le donne) del Presidente 2: Stefania Prestigiacomo

Post n°55 pubblicato il 16 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Quando si dice "conflitto di interessi"...!! Che dire di un ministro dell' ambiente che nell'ambiente sversa veleni e tossine allegramente?

Date un'occhiata qui

Compimenti!

Si Smura

Gabriele Amore

 
 
 

FINTI GIORNALISTI DI MEDIASET E DEL GIORNALE: VERGOGNA! GIU LE MANI DA MESIANO!

Post n°54 pubblicato il 16 Ottobre 2009 da gabriele_amore

E poi parlano di "uso criminoso" della televisione!! E quest'aborto di servizio giornalistico (per non parlare delle cretinate scritte dal "Giornale") a quale categoria appartiene ?? A quella delle minacce?? Degli avertimenti mafiosi???

VERGOGNA!

Silvio Berlusconi, dice il buonsenso, ha corrotto un giudice per fregare De Benedetti. Questo dice la sentenza Mills. La sentenza di Mesiano é solo la sua logica conseguenza!

 

ANDATEVENE! (prima pagate però)

 

SI SMURA o SI MUORE!
Gabriele Amore

 
 
 

BERLUSCONI VATTENE!

Post n°53 pubblicato il 13 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Se almeno avessi dedicato un pò del tuo prezioso tempo a FARE qualcosa, non dico per tutti noi ma almeno per alcuni di noi, allora la tua permanenza come capo del governo sarebbe giustificata. 

Invece no. Non fai altro che iniziare polemiche idiote e inutili, anzi dannose per tutti noi, perchè distolgono l'attenzione dai problemi veri. E intanto i tuoi scherani scrivono e approvano leggi che servono solo a te.

Vattene Berlusconi. Sei inutile e dannoso per tutti noi.

Nel frattempo (tra le tante cose) sempre più gente perde il lavoro. Oppure peggio: sul posto di lavoro ci muore.

Guarda qui, Silvio, e se hai un minimo di coscienza (ne dubito)  VERGONATI!

 

Gabriele Amore

 

 
 
 

Tutti gli uomini del presidente, ovvero: la memoria e l'informazione sono i nostri anticorpi!

Post n°52 pubblicato il 11 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Tanto per non dimenticare con chi abbiamo a che fare, ecco un paio di notiziole sul nostro attuale presidente della Camera.

Notizie non freschissime, ma sempre interessanti.

Grazie a:

Antonio Pagliaro,

Giuseppe Lo Bianco,

Il Barba

e naturalmente

Qui Lecco libera

 

Si Smura!

Gabriele Amore

 

 
 
 

Indipendentemente dalle conseguenze

Post n°51 pubblicato il 10 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Grazie Roberto.

Non per il tuo coraggio, non solo per il tuo coraggio. Non per la tua capacità di capire le cose e di spiegarmele, non solo per quello.

 

Grazie per avermi ricordato cosa vuol dire essere un uomo. Indipendentemente dalle conseguenze.

 

Grazie.

 

 

 
 
 

Lodo Alfano Reloaded: armi di distrazione di massa e nuove strategie di Corruttolo.

Post n°50 pubblicato il 09 Ottobre 2009 da gabriele_amore

Arieccoli! Mentre nel paese (in una parte almeno) si festeggia la vittoria contro il Lodo della Vergogna, mentre si discute su chi si debba sentire più offeso, se Napolitano, i giudici della Corte Costituzionale, Rosy Bindy o tutti i premi Nobel per la pace degli ultimi 100 anni (più o meno), insomma mentre tutti sono distratti o in altre faccende affaccendati,  i fedelissimi e silenti servitori di Corruttolo, nell'ombra e nel silenzio preparano la nuova strategia per salvare il culo al loro padrone. Questa volta mentre lui si scaglia contro tutti (ma ci é o ci fa?  ci fa, ci fa!) senza clamore (e senza Lodo) e possibilmente cercando di non farsene accorgere dagli organi di propaganda dell' Internzaionale Comunista (il New York Times, la BBC, la PBS e vari altri) i diligenti gerarchetti apportano gli ultimi "aggiustini" a tutta una serie di provvedimenti. Se approvati (e qui il ruolo degli amici del PD sarà ancora una volta fondamentale: che scuse inventerete questa volta per non votare contro?) daranno un bel colpo a tutti i processi in cui il miglior presidente del consiglio dai tempi di Adamo é coinvolto. Di che si tratta? Ce lo svela Peter Gomez su "Il Fatto Quotidiano" di oggi, 9 ottobre 2009, a pagina 5.

Qui sotto riporto alcuni passaggi molto significativi:

"Nella riforma del codice di procedura... accanto a norme che...ve ne sono altre ritagliate apposta per il premier. Prima fra tutte ... quella che toglierà il valore di prova alle sentenze passate in giudicato: un articolo che allungherà a dismisura la durata del suo processo per la presunta corruzione dell'avvocato inglese David Mills e farà gaudagnare a Berlusconi la tanto agognata prescrizione"

E poi:

"Il centrodestra sta pensando di fare celebrare davanti alle corti di assise i processi per i reati commessi da esponenti del governo. L'idea (tutta da verificare sul campo) é che una giuria popolare possa essere più sensibile alle ragioni degli imputati di quanto non lo siano i giudici togati."

Per finire:

" Ecco allora che arriva una seconda legge, il cui testo é stato depositato l'8 maggio 2008, dal vice presidente della giunta per le autorizzazioni a procedere di Montecitorio, Giuseppe Consolo. L'ex esponente di AN vuole che venga aggiunto un comma all'articolo 420....L'esercizio dell'attività parlamentare costituisce impedimnento a comparire "

 

E scusate se é poco

Grazie, Peter

 

Si Smura!

Gabriele Amore

 

 

 

 

 
 
 

Martin Schulz: "Berlusconi è un pericolo per la democrazia in Europa"

Post n°49 pubblicato il 08 Ottobre 2009 da gabriele_amore

«Berlusconi è una persona che sempre di più diventa un pericolo per la democrazia in Europa. Mi hanno consigliato di non intervenire sulle vicende italiane ma Berlusconi esercita un influsso sbagliato in Europa e perciò noi in Europa dobbiamo opporci». Il presidente del gruppo dei socialisti e democratici al parlamento europeo Martin Schulz, torna ad attaccare, dal palco delle festa del Pd, il presidente del consiglio dopo le polemiche tra il governo e la commissione europea.

«Oltre che su Berlusconi - aggiunge Schulz - bisogna dire qualcosa anche su Frattini che prima di ministro è stato commissario a Bruxelles e la linea seguita da Barrot ora è la conseguenza di ciò che Frattini ha fatto da commissario». Per il presidente del gruppo socialista e democratico a Bruxelles « Berlusconi e Frattini sono non solo antidemocratici ma anche opportunisti e non coerenti e già anni fa dissi che Berlusconi non va sottovalutato perchè sa esattamente ciò che vuole e utilizza gli strumenti solo nel suo interesse politico e personale e questo ad ogni costo».

04 settembre 2009


 
 
 
Successivi »
 

RISPETTO PER L'ART. 3: NO ALLE LEGGI RAZZIALI!

 

 

GINO STRADA PREMIO NOBEL PER LA PACE

BERLUSCOUNTER

Berluscounter!

Questo Blog aderisce alla campagna "Berlusconi Vattene". Attenzione: non si tratta di fomentare odio nei confronti della persona del Sig. Berlusconi. Sono semplicemente convinto che il Sig. Berlusconi non persegua gli interessi collettivi e che debba rimettere il mandato di presidente del consiglio (per ragioni che potete leggere qui o ascoltare qua)  In più penso che molti dei comportamenti adottati dal Sig Berlusconi mettano in ridicolo l'Italia agli occhi della comunità internazionale. Per questo mi unisco all'invito:

"BERLUSCONI VATTENE!"

 

COMBATTIAMO LO SCUDO FISCALE

 

 

BANCA ETICA ha detto no allo scudo fiscale e non aprirà conti correnti con i soldi condonati.

Ieri ho aperto un conto e a breve porterò tutti i miei soldini li. Se lo facessimo tutti, forse riusciremmo a costringere le altre banche ad adottare la stessa prassi di BE (lo farebbero solo per non perdere clienti, ma lo farebbero).

E forse potremmo dare un bel colpo allo scudo fiscale.

In ogni caso, ecco alcuni spunti su cosa significherà Scudo Fiscale

 

 

 

 

CHE BELLO È DI NUOVO NATALE!

E coi regali, le letterine e il panettone torna la classica ricetta della stagione dei doni:

La Dittatura Morbida! Perchè se no che Natale é?

 

 

PANE AL PANE, VINO AL VINO

 

FORZA BEPPE!

 

CANDIDIAMO SILVIO BERLUSCONI ALL'IGNOBEL PRICE!

snoopy

Aderisci anche tu all'iniziativa:

Silvio Berlusconi candidato all'Ignobel prize (premio ignobile) per la pace e per l'economia!

Vuoi saperne di più sull'IgNobel prize? Clicca qui!

 

 

UNA RISATA TI SEPPELLIRÀ!

 

 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gabriele.amoregiovanni.pasqualettigabriel.64maiomologatomeccanicadino.spadaccinomichaelmyers76Maztazbanzaidgl4francesco.damatoterrafuocoventosurf_aceginevra1154gabriele_amore
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom