Creato da stellaserenity il 19/03/2007

LA VOCE INTERIORE

In cammino verso la luce

SCARICA IL MIO LIBRO :)

BENVENUTI

Benvenuti in questo blog!
Con questa finestra invito tutte le persone che hanno voglia di conoscere il loro proprio mondo interiore  a meditare su alcuni argomenti che, secondo me, sono in grado di avvicinare anima, spirito e corpo creando un miglior equilibrio globale nell'individuo.

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 49
 

 

Ricercatori

Post n°299 pubblicato il 18 Gennaio 2016 da stellaserenity
 

I messaggi donati dalle  "guide invisibili"  arrivano  alle persone che cercano la loro ispirazione all'interno di gruppi spirituali volti a mettere ogni individuo nella condizione di saper essere la guida di se stesso. La continua ricerca di nuove verità non può che appagare la sola mente, ma il percorso interiore richiede calma mentale e non fame di conoscenza superficiale di concetti profondi. E' spesso ricordato dalle "guide" il principio per cui essere e pensare non sono la stessa cosa e ciò a cui possiamo credere è spesso disgiunto da ciò che sentiamo dentro di noi.Il vero ricercatore è quello che stimola in sè un atteggiamento propositivo nei confronti della vita, delle cose che accadono, delle persone. Voler comprendere le motivazioni che generano i movimenti interiori è compito dell'enima, non della mente, la mente può collaborare se si mantiene in uno stato di calma, altrimenti sarà un elemento di disturbo volto a mettere in dubbio qualsiasi verità emerga dall'interno. Ciò che avviene fuori di noi è al di là del nostro controllo mentale ma è parte del nostro "circuito vitale", quello in cui ci siamo consapevolmente immessi con il nostro spirito, non con la mente. Più la mente sarà lontana dal dare credito allo spirito e meno capirà le situazioni che vive. Scegliere di non credere nella propria luce interiore vuol dire rinunciare a vivere. Una rinuncia che avviene quotidianamente in molte vite ma che spesso porta a un vicolo cieco in cui la sola via d'uscita sta proprio nel mettere a tacere la mente e iniziare ad ascoltare la propria voce interiore, fatta di emozioni, sensazioni e percezioni.

 
 
 

Siamo tutti dei medium

Post n°298 pubblicato il 11 Gennaio 2016 da stellaserenity
 

Torno a parlare di spiritualità su questo blog.

Inizierò invitando chi legge a mettersi in contatto con la propia voce interiore, l'umica in grado di dare lucidità e di dare risposte adeguate al sentire diverso che ognuno di noi ha. Siamo tutti dei "medium" poiché vibriamo di un energia che ha origine al di là del mondo in cui viviamo, ciò che è vita, quel soffio divino che tutto muove non appartiene alla terra in cui siamo ma a quella da cui proveniamo. Ognuno trasmette al prossimo ciò che riesce ad essere, per questo è importante restare in ascolto del proprio mondo interiore e non confondere i pensieri terreni con quelli spirituali, poiché le due cose possono unirsi solo quando c'è armonia interiore. Durante la guerra tra cuore e mente non è consigliabile credere ai propri pensieri come fossero provenienti dall'anima, piuttosto bisogna prima ripulire la mente dalla malvagità, dal rifiuto di eventi, persone o situazioni. Dove c'è un rifiuto c'è buio, dove c'è buio manca la forza di cercare la luce. Sia la capacità di accorgersi di questa verità a risvegliare la nostra coscienza più profonda, quella che porta all'unione degli uni verso gli altri e non alla separazione.

 
 
 

Per chi usa la fantasia per accedere al proprio mondo interiore

Post n°297 pubblicato il 30 Novembre 2015 da stellaserenity

http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/200453/okeb-vuole-volare-2/

 
 
 

Il fine della ricerca

Post n°296 pubblicato il 29 Maggio 2013 da stellaserenity

Nella ricerca interiore alcuni individui credono di trovare il miglioramento pratico, economico o fisico, applicando regole di cui vanno in cerca. In questo modo la ricerca si trasforma in una ricerca di strade da seguire, regole da applicare o messaggi in cui credere senza un vero trasporto. Ciò che avviene, invece, in chi si dedica alla propria anima non è sempre visibile esteriormente, poiché un cambiamento interiore richiede molto tempo, prima che abbia degli effetti sulla vita di tutti i giorni, un tempo che durerà tanto quanto impiegherà il cambiamento stesso a trasformare quell'individuo in un essere diverso da com'era prima. Nessuna modifica importante avviene repentinamente, ma sempre dopo dei processi interiori che passano da un inizio a un percorso e giungono a un termine.

Dunque, voler avere dei risultati e delle conferme nella propria ricerca è come dire di volersi vedere con il viso truccato senza dover usare i trucchi, i colori. Ogni risposta della nostra anima deve prima essere “incanalata” dal e nel nostro essere e, dunque, non potrà mai giungere in maniera improvvisa.

Capita spesso che ad avvicinarsi alla propria anima siano persone in difficoltà che cercano delle vie d'uscita il prima possibile. Alcune situazioni vanno evitate prima, vanno organizzate meglio, tutta la nostra vita può essere organizzata dalla nostra anima, siamo noi però a dover fare in modo che la nostra anima possa agire per noi e questo significa rinunciare alle nostre convinzioni più grezze, rivedere il valore che diamo ad alcune cose, ridimensionare la percezione del denaro, senza più giustificare qualsiasi cosa ne produca di più. Rivedere anche il nostro ego e imparare a riconoscerlo nei limiti che ci impone quotidianamente rendendoci a volte “orgogliosi”, “presuntuosi” e “insensibili” nei confronti di altri. Tutto ciò non appartiene realmente a noi, è di passaggio e seguirà il tempo della nostra vita terrena, poi non ci sarà più e ciò che resterà sarà difficile da afferrare se non ci siamo “organizzati” per farlo.

La semplicità aiuta sempre, per ritrovare se stessi è sufficiente smettere di essere chi non siamo e dare spazio a quella voce interiore che ci suggerisce sempre strade pacifiche e di ricongiunzione con il prossimo.

 

 
 
 

Lo sguardo sugli altri

Post n°295 pubblicato il 30 Aprile 2013 da stellaserenity

 

Le insicurezze degli altri appaiono chiare ai nostri occhi quando la nostra capacità di intuire gli altrui stati d'animo si fa sentire forte. E' una forma di sensibilità che ci rende più o meno consapevoli di cosa stiano affrontando gli altri. Liberarsi del proprio egocentrismo è molto utile per affinare questo tipo di sensibilità, è infatti molto comune ritenere che il nostro prossimo abbia le stesse insicurezze che abbiamo noi o gli stessi scrupoli o le stesse paure. Spesso il limite dell'ego non fa “percepire” stati d'animo e atteggiamenti diversi dai nostri e, riconducendo tutto al nostro personale modo d'essere, perdiamo il contatto con le realtà altrui, dando poca importanza agli altrui problemi e considerando le nostre problematiche le uniche veramente importanti. E' un discorso generico, ma può essere riportato alla propria esistenza in ogni situazione, in ogni rapporto di vita. La tendenza a disinteressarsi degli altri e dei loro bisogni porta all'esasperazione del proprio sé, della propria persona , come se per dare importanza a se stessi sia necessario non guardare gli altri. Chiunque dimentica di osservare benevolmente il prossimo, dimentica automaticamente di ascoltare la propria anima.

Non c'è altra via per ricongiungersi a se stessi se non quella di dare spazio al proprio mondo interiore, e “il proprio mondo interiore” si riconosce perchè è sempre ben propenso verso gli altri.

La pace e il benessere che cerchiamo possono realizzarsi solo mantenendo vivo il contatto con la propria anima. Solo l'unione con gli altri ci darà pace, tutto il resto sarà illusione.

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

c.isaac2003Cosm0politanSky_Eaglesolo_per_te1961unaseriedinick1962enrico505mihaela_mibellicapellidgl3chiarasanyfrancesca632gioiaamorelubopostellaserenityIrrequietaD
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

TIBET

Di ora in ora la situazione in Tibet si aggrava nonostante
la protesta dei monaci sia pacifica...

I lama chiedono di far girare questo messaggio
tra tutti i buddisti e i sostenitori
perché vengano recitati mille mantra

" OM MANI PEME HUNG " 
(pronuncia di Om Mani Padme Hum)



OM
purifica tutte le impressioni dannose sorte dall'orgoglio

MA
purifica tutte le impressioni dannose sorte
dall'invidia e dalla gelosia

NI
purifica tutte le impressioni dannose sorte dall'attaccamento e dal desiderio

PE
purifica tutte le impressioni dannose sorte dall'ignoranza

ME
purifica tutte le impressioni dannose sorte dall'avidità
e dall'avarizia

HUNG
purifica tutte le impressioni dannose sorte
dalla rabbia e dall'odio


GRAZIE a quanti vorranno diffondere e collaborare..

copiate e incollate nel vostro blog questo messaggio
con il video e la foto.. se volete..


Copiato da JON.L