Creato da: daniela.g0 il 17/11/2013
Tutela dell'ambiente e della salute

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultime visite al Blog

daniela.g0ricciodgl00acquasalata111silvano.minolimarabertowfranko600fin_che_ci_sonoamici.futuroierimagdalene57je_est_un_autreDott.Ficcagliacassetta2thejumpingpower.miind
 

Ultimi commenti

I miei Blog Amici

 

 

 
« Le analisi sui vaccini C...Scie chimiche, ieri come... »

Le bugie sul clima, il piano del WEF per oscurare il sole e le polveri fini iniettate nella stratosfera: cosa vogliono le Úlite?

 

«Chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio» Giovanni 3,21

 

Il World Economic Forum rivela il piano per oscurare il sole con "bolle spaziali"  

Matt Agorist, giornalista indipendente statunitense congedato con onore dell'USMC ed ex operatore di intelligence incaricato direttamente dalla NSA, ha scritto per The Free Thought Project - lo scorso 22 luglio - un articolo molto interessante. 

I cambiamenti climatici, l'argomento di cui si tratta, sono ormai la parola all'ordine del giorno dei media non solo americani, come sappiamo, ma anche europei ed italiani. Ecco perché val bene la pena di fermarsi su un tema che sta condizionando anche normative e leggi dello Stato italiano volte a contenere quello che ormai viene definito comunemente come "il riscaldamento globale". 

«Nel giugno del 2019, il World Economic Forum, un gruppo privato composto da miliardari d'élite, ha firmato una partnership strategica con le Nazioni Unite, un'organizzazione intergovernativa. Questa partnership altamente discutibile è stata costituita con l'obiettivo esplicito di "accelerare l'attuazione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile". 

Questa mossa è stata vista da molti in tutto il mondo come una "acquisizione del controllo aziendale" sulle Nazioni Unite ed è stata contrastata da centinaia di ONG, organizzazioni no profit, gruppi di riflessione e funzionari governativi. Una lettera aperta nel settembre del 2019, firmata da queste organizzazioni, ha avvertito: 

"Le disposizioni della partnership strategica prevedono effettivamente che i leader aziendali diventino 'consiglieri sussurranti' dei capi dei dipartimenti del sistema delle Nazioni Unite, utilizzando il loro accesso privato per sostenere 'soluzioni' - a scopo di lucro basate sul mercato - ai problemi globali, minando al contempo soluzioni reali incorporate in interesse pubblico e procedure democratiche trasparenti"

Da quel fatidico giorno del giugno 2019, l'influenza del WEF è cresciuta e la loro rilevanza e potere all'interno dei governi nazionali sono notevolmente aumentati. 

Durante la pandemia da COVID-19, il WEF ha presentato la propria missione, intitolata The Great Reset, allo scopo di utilizzare l'opportunità della pandemia per promuovere ciò che secondo le élite è necessario, ovvero che "le parti interessate globali cooperino nella gestione simultanea delle conseguenze dirette della crisi COVID-19" per "aiutare a informare tutti coloro che determinano lo stato futuro delle relazioni globali, la direzione delle economie nazionali, le priorità delle società, la natura dei modelli di business e la gestione di beni comuni globali". 

Dopo aver accumulato per anni una massiccia influenza dei governi, il gruppo, che apertamente si definisce come "élite", è giunto alla stessa conclusione a cui Billy Boy era già arrivato anni fa: dobbiamo oscurare il sole per rallentare il cambiamento climatico. 

Diversamente dal piano di Gates di spruzzare particelle di aerosol nell'atmosfera per oscurare il sole, il WEF ha sostenuto la proposta del MIT di utilizzare le "bolle spaziali" per formare uno scudo solare. 

"Le soluzioni spaziali sarebbero più sicure: ad esempio, se deviamo l'1,8% della radiazione solare incidente prima che colpisca il nostro pianeta, potremmo invertire completamente il riscaldamento globale di oggi"

Un altro vantaggio di questo particolare schermo solare è che è reversibile, poiché le bolle potrebbero essere sgonfiate e rimosse dalla loro posizione. 

Le sfere sarebbero realizzate con un materiale come il silicio, trasportato nello spazio in forma fusa, o liquidi ionici rinforzati con grafene. 

Per ora, il piano è un'ipotesi di lavoro e gli scienziati che vi lavorano stanno solo conducendo esperimenti in laboratorio. Citando la natura altamente controversa di tali piani di geoingegneria, il WEF ha fatto ricorso al suo rapporto con l'ONU per giustificarlo.

La geoingegneria si è rivelata controversa, ma il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ha affermato che è un Piano B necessario se l'aumento della temperatura non può essere limitato a un livello gestibile. 

In effetti, indipendentemente dalle assicurazioni dell'élite, molti scienziati ed enti governativi si stanno muovendo per prevenire tali azioni. Alcuni Paesi hanno persino vietato la pratica. 

L'anno scorso, la Nazione svedese ha ritrattato il suo piano per testare il piano di Billy Boy di spruzzare particelle nel cielo per provare ad oscurare il sole, citando disaccordi tra gli scienziati. 

Altri vogliono semplicemente risarcire chiunque sia danneggiato da questi progetti. 

David Keith, professore di Fisica applicata e politiche pubbliche all'Università di Harvard, riconosce le "molte preoccupazioni reali" della geoingegneria, secondo un rapporto di Forbes. Per compensare questi rischi ha proposto la creazione di un "pool di rischio" per raccogliere fondi per i rischi associati a quello che è giocare a madre natura, fino al raffreddamento di un'area in modo talmente elevato che gli abitanti non sarebbero più in grado di coltivare la terra e ottenere cibo. 

Come riporta Forbes

Anche in questo caso, questi cali di temperatura comportano seri rischi. Le temperature gelide nel 1815 portarono a raccolti falliti in condizioni di quasi carestia. Scienziati britannici hanno citato gli aerosol stratosferici emessi dalle eruzioni vulcaniche in Alaska e in Messico come la potenziale causa della siccità nella regione africana del Sahel. Una grave perturbazione del clima globale potrebbe portare a conseguenze indesiderate, con un impatto negativo sulle regioni altamente popolate e progettando un'altra crisi dei rifugiati. 

David Keith ha proposto la creazione di un "pool di rischio" per risarcire le Nazioni più piccole per i danni collaterali causati da tali test, ma un tale compenso potrebbe essere di scarso conforto per coloro che sono sfollati a causa di condizioni invivibili. 

Infatti. Nessuna somma di denaro compenserebbe una famiglia che perde tutta la propria terra a causa delle temperature gelide ed è costretta a trasferirsi in un altro Paese. Ma questi sono alcuni dei rischi connessi alle modifiche meteorologiche, motivo per cui un piccolo gruppo di élite globali che non sono degli scienziati non dovrebbe prendere queste decisioni per 8 miliardi di persone». 

Come ricordavo all'inizio, anche in Italia si parla tanto di riscaldamento globale. E si varano norme volte a contenerlo. Quest'anno in molte città, ad esempio, è vietata per disposizione comunale nelle abitazioni l'accensione dei termosifoni oltre un certo numero di ore e l'impostazione della temperatura oltre i 19 gradi, proprio per contenere il riscaldamento. 

Ma non tutti gli scienziati sono d'accordo sull'esistenza reale di un riscaldamento globale e le prove che vengono addotte a supporto di questa teoria sono state contestate. 

Una rete internazionale di oltre 1100 scienziati e professionisti si è riunita nell'organizzazione CLINTEL (Climate Intelligence) e ha promosso lo scorso agosto un appello urgente a politici, istituzioni e global media: «La scienza del clima dovrebbe essere meno politica, mentre le politiche climatiche dovrebbero essere più scientifiche», la visione e gli studi climatici di questo foltissimo numero di esperti di tutto il mondo, tra i quali si contano anche Premi Nobel, è realista: «non c'è alcuna emergenza climatica». La loro Dichiarazione mondiale sul clima, è un documento vivo, che viene frequentemente modificato sulla base dei contributi di tutti i suoi ambasciatori (professori ed esperti) e di altri esperti di materie attinenti alla Scienza della Terra, come ha riportato La Nuova Bussola Quotidiana alla fine dello scorso agosto. 

Nel documento si ribadisce che «gli scienziati dovrebbero affrontare apertamente le incertezze e le esagerazioni nelle loro previsioni sul riscaldamento globale». Allo stesso tempo, i politici dovrebbero valutare spassionatamente i costi reali e i benefici immaginati delle loro misure politiche. 

Nell'appello del 18 agosto 2022, gli scienziati hanno chiesto al World Economic Forum, il "gotha" del globalismo oligarchico, di organizzare un dibattito aperto e chiaro, fondato su basi scientifiche e trasparente, dopo che proprio sul sito del WEF, il 10 agosto, era stato pubblicato un articolo (un invito) ad utilizzare l'intelligenza artificiale (AI) per censurare «la disinformazione dannosa» online. 

La dissidenza scientifica sulla mitologia globalista del clima e non solo, dovrebbero esser censurata "artificialmente" per lasciare all'unica dottrina lo spazio pubblico. 

Siamo dunque, ancora una volta, al pensiero unico, che le oligarchie mondiali vogliono imporre e a cui si piegano come fuscelli al vento politici e media mainstream, e su cui è vietato dissentire. Tutti devono allinearsi ed obbedire ai proclami propagandistici. 

E si vorrebbe chiudere la bocca ed impedire di scrivere a chiunque non si allinei al pensiero unico dominante. 

Ma la nostra strada, quella che abbiamo deciso di imboccare non senza riflessione, è passare per la porta stretta (cfr. Mt 7,13-14) e non intraprendere la via larga di facile e comune percorrenza.

 

Patrick Moore, ecologista canadese, presidente della CO2 Coalition e co-fondatore di Greenpeace. (Per gentile concessione di Patrick Moore)  

 

Il fondatore di Greenpeace Patrick Moore afferma che il cambiamento climatico si fonda su false narrazioni  

Non possiamo lasciarci sfuggire quindi l'occasione di accennare ad una serie di scambi di e-mail avvenuti tra Patrick Moore, uno dei fondatori di Greenpeace, e il professor sudcoreano Seok-soon Park, professore di scienze ambientali e ingegneria alla Ehwa Womans University di Seoul, Corea del Sud, nel novembre del 2021. Le e-mail sono state fornite a The Epoch Times da Park con il permesso di Moore, il 7 luglio 2022. 

Secondo quanto ha riportato Frontier Centre for public policy, il 16 settembre 2022, Patrick Moore ha affermato in una delle e-mail che le sue ragioni per lasciare Greenpeace erano molto chiare: "Greenpeace è stato 'dirottato' dalla sinistra politica quando si è resa conto che c'erano soldi e potere nel settore ambientale movimento. Gli attivisti politici [di sinistra] in Nord America e in Europa hanno cambiato Greenpeace da un'organizzazione scientifica a un'organizzazione politica per la raccolta di fondi", ha affermato Moore. 

Moore ha lasciato Greenpeace nel 1986, 15 anni dopo aver co-fondato l'organizzazione.

"Il movimento 'ambientale' è diventato più un movimento politico che un movimento ambientalista", ha detto. "Si concentrano principalmente sulla creazione di narrazioni, storie, progettate per instillare paura e senso di colpa nel pubblico in modo che il pubblico invii loro denaro". 

Ha detto che operano principalmente a porte chiuse con altri agenti politici alle Nazioni Unite, al World Economic Forum e così via, tutti di natura principalmente politica. 

L'Intergovernmental Panel on Climate Change [IPCC] "non è un'organizzazione scientifica", ha affermato. "Si tratta di un'organizzazione politica composta dall'Organizzazione meteorologica mondiale e dal Programma ambientale delle Nazioni Unite. 

"L'IPCC assume scienziati per fornire loro 'informazioni' a sostegno della narrativa dell"emergenza climatica". 

Le loro campagne contro i combustibili fossili, l'energia nucleare, la CO2, la plastica, ecc., sono fuorvianti e progettate per far pensare alla gente che il mondo finirà a meno che non paralizziamo la nostra civiltà e distruggiamo la nostra economia. Ora hanno un'influenza negativa sul futuro sia dell'ambiente che della civiltà umana". 

"Oggi la sinistra ha adottato molte politiche che sarebbero molto distruttive per la civiltà in quanto non sono tecnicamente realizzabili. Basta guardare all'incombente crisi energetica in Europa e nel Regno Unito, di cui Putin sta approfittando. Ma è una loro azione rifiutandosi di sviluppare le proprie risorse di gas naturale, opponendosi all'energia nucleare e adottando una posizione impossibile sui combustibili fossili in generale", ha scritto Moore. 

Moore ha anche affermato che "verde" per l'ambiente e "pace" per le persone erano i principi fondanti di Greenpeace, ma la pace è stata in gran parte dimenticata e il verde è diventato l'unico programma. 

Patrick Moore è considerato largamente uno degli esperti di ambiente più qualificati al mondo. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Ecologia presso l'Università della British Columbia nel 1974 e un dottorato onorario in Scienze presso la North Carolina State University nel 2005. 

"Pochissime persone credono che il mondo non si stia riscaldando. Il record è chiaro che il mondo si è riscaldato dal 1700 circa, 150 anni prima che utilizzassimo combustibili fossili. Il 1700 fu l'apice della Piccola Era Glaciale, che fu molto fredda e causò il fallimento dei raccolti e la fame. Prima di allora, intorno al 1000 d.C. era il periodo caldo medievale in cui i Vichinghi coltivavano la Groenlandia. [E] prima di allora, intorno al 500 d.C. c'erano i secoli bui, e prima ancora, il periodo caldo romano, quando faceva più caldo di oggi e il livello del mare era di 1-2 metri più elevato di adesso", ha dichiarato Moore. 

"Anche fino al 1950 circa, la quantità di combustibili fossili utilizzati e di CO2 emessa era molto ridotta rispetto a oggi. Non conosciamo la causa di questi periodici sbalzi di temperatura, ma di certo non si trattava di CO2". 

Moore ha chiarito che l'"opinione di minoranza" non riguarda la storia della temperatura terrestre, ma è il rapporto tra la temperatura e la CO2 che è al centro della disputa. 

Ha continuato Moore: "A questo proposito, sono d'accordo sul fatto che molti credano che la CO2 sia la principale causa del riscaldamento. La CO2 è invisibile, quindi nessuno può effettivamente vedere cosa sta facendo. E questa 'maggioranza' sono principalmente scienziati pagati da politici e burocrati, media che fanno notizia o attivisti che fanno soldi. [Il resto è] il pubblico che crede a questa storia anche se in realtà non può vedere cosa sta facendo la CO2". 

Moore ha fornito un grafico della temperatura misurata continuamente in 350 anni (dal 1659 al 2009) nell'Inghilterra centrale. "Se l'anidride carbonica fosse la causa principale del riscaldamento, allora dovrebbe esserci un aumento della temperatura lungo la curva dell'anidride carbonica, ma non è così", ha spiegato.

 

 

1609-2009 Emissioni di temperatura ed anidride carbonica nell'Inghilterra centrale. (Per gentile concessione di Patrick Moore)  

 

Moore ha descritto la demonizzazione della CO2 come "completamente ridicola". Ha aggiunto che la CO2 è la base di tutta la vita sulla Terra e la sua concentrazione nell'atmosfera oggi, anche con l'aumento, è inferiore a quella che è stata per la grande maggioranza dell'esistenza della vita. 

"Gli allarmisti climatici preferiscono discutere della conoscenza del clima solo dal 1850. Il tempo prima essi lo riferiscono all'era preindustriale. Questa "era preindustriale" durava più di 3 miliardi di anni quando la vita era sulla Terra. Molti cambiamenti climatici [si sono verificati durante quel periodo], comprese le ere glaciali, le serre, le principali estinzioni dovute all'impatto di asteroidi e altre cause sconosciute", ha affermato Moore. 

"Oggi la Terra si trova nell'era glaciale del Pleistocene, iniziata 2,6 milioni di anni fa. ... Quindi, la grande glaciazione più recente, che ha raggiunto il picco 20.000 anni fa, non è stata la fine dell'era glaciale. Siamo ancora nell'era glaciale del Pleistocene, non importa come gli allarmisti climatici vogliano negarlo". 

Secondo Patrick Moore, la grande ironia dell'attuale panico sul clima è che la Terra è più fredda oggi di quanto non fosse per 250 milioni di anni prima dell'inizio dell'era glaciale del Pleistocene. E la CO2 è più bassa ora che in oltre il 95 percento della storia della Terra. 

"Ma non lo sapresti mai se ascolti tutte le persone che beneficiano della menzogna che la Terra presto sarà troppo calda per la vita e che la CO2 diventerà più alta che nella storia della Terra", ha dichiarato ancora l'esperto ambientale. 

Secondo Moore, quasi tutti i coltivatori commerciali di serre in tutto il mondo acquistano CO2 da iniettare nelle loro serre per ottenere raccolti fino al 60% più elevati. 

"Sono rimasto colpito quando ho sorvolato la Corea del Sud [e ho visto] quante serre ci sono nelle valli. Come la Columbia Britannica, la Corea ha molte montagne e non molti terreni agricoli fertili e pianeggianti. 

"Sono sicuro che i coltivatori di serre immettono più CO2 nelle loro serre, fino a raddoppiare e triplicare quella che è nell'atmosfera oggi. Questo perché quasi tutte le piante che crescono all'esterno nell'atmosfera naturale sono affamate di CO2, ed è ciò che impedisce loro di crescere più velocemente", ha aggiunto Moore. 

Ha anche consigliato di "fare riferimento al capitolo intitolato 'Climate of Fear and Guilt' nel mio libro, [Fake Invisible Catastrophes and Threats of Doom], se si desidera raggiungere una piena comprensione di questi fatti".  

 

L'Isde: iniezione di alluminio in aerosol nella stratosfera, tecnica molto pericolosa  

Ma a causa dell'idea ormai fissa del surriscaldamento terrestre, c'è un altro pericolo che incombe sul capo perlopiù ignaro di ognuno di noi: l'iniezione di aerosol di polveri fini nella bassa stratosfera allo scopo dichiarato di riflettere parte dei raggi solari e ridurre così temporaneamente la temperatura terrestre. 

Si tratta di una tecnica di geoingegneria che ha lo scopo di mitigare i cosiddetti "danni" causati dal "riscaldamento globale" (Harvard's Solar Geoengineering Research Program).

Il Dott. Giovanni Ghirga (membro di ISDE Italia) in occasione di Excellence in Pediatrics Conference, tenutasi nel dicembre 2020, in proposito ha affermato: 

«La Geoingegneria solare che utilizza aerosol di ossido di alluminio nella stratosfera è una seria minaccia per la salute mentale globale dei bambini. L'iniezione di aerosol di polveri fini, iniettate nella bassa stratosfera al fine di riflettere parte dei raggi solari e ridurre temporaneamente la temperatura terrestre, è una tecnica di geoingegneria che ha come scopo quello di mitigare i danni causati dal riscaldamento globale (Harvard's Solar Geoengineering Research Program). 

Questa tecnica vuole copiare cosa è accaduto dopo le grandi eruzioni vulcaniche come quella del Mount Pinatubo nelle Filippine. L'eruzione vulcanica fu seguita da una nube di polvere di solfati la quale, in 3 settimane, si diffuse su gran parte della terra e la coprì quasi totalmente in un anno. I due anni successivi all'eruzione, la terra ebbe un abbassamento della temperatura di circa 0.5 gradi Celsius. 

Recentemente è stato dimostrato che gli aerosol con ossido di alluminio potrebbero essere utilizzati al posto dei solfati (anche essi molto tossici) per aumentare drasticamente la quantità di raggi solari che vengono riflessi e non raggiungono così la superficie terrestre. 

Tuttavia, diversi studi epidemiologici suggeriscono che l'alluminio potrebbe non essere così innocuo come si pensava in precedenza. 

L'alluminio è stato incluso tra le 200 sostanze chimiche neurotossiche che stanno silenziosamente erodendo l'intelligenza, modificando il comportamento e mettendo a rischio il futuro dei bambini. Questa è chiamata la "pandemia silenziosa" da sostanze tossiche, la quale compromette un normale sviluppo neurologico dei bambini. 

Recentemente, il contenuto di alluminio del tessuto cerebrale ottenuto da donatori affetti da autismo è stato rilevato essere costantemente elevato. La elevata presenza dell'alluminio intracellulare nelle cellule non neuronali è stata una osservazione straordinaria nel tessuto cerebrale dei soggetti affetti da autismo e può fornire indizi sia sull'origine dell'alluminio cerebrale che su un suo possibile ruolo etiologico nel disturbo dello spettro autistico, in soggetti geneticamente predisposti. Inoltre, la prevalenza del disturbo dello spettro autistico è in aumento. 

In Italia, secondo l'Osservatorio Nazionale per il Monitoraggio dei Disturbi dello Spettro Autistico (2019), un bambino ogni 77 (nella fascia di età 7-9 anni) ha un disturbo dello spettro autistico con una prevalenza maggiore nei maschi (4,4 maschi ogni 1 femmina).

In rapporto a questi dati, una tecnica come la geoingegneria solare che utilizza aerosol di alluminio (ma anche di solfati) può aumentare il rischio di un incremento dei disturbi del neurosviluppo. 

Infatti, il tempo medio di permanenza di una particella nella parte inferiore della stratosfera è di circa 1-2 anni. Dopo l'eventuale trasporto nella troposfera, le particelle subiscono processi di miscelazione relativamente rapidi a causa di eventi meteorologici, turbolenze ed altri fenomeni, i quali causano una rimozione delle polveri iniettate mediante deposizione secca, sedimentazione o altro. 

Alla fine, queste polveri tossiche ricadranno sulla superficie terreste, contaminando però prima l'aria che respiriamo. 

Tutti i giorni assumiamo una certa quantità di alluminio attraverso il cibo. Tuttavia, questa forma di alluminio utilizzata nella geoingegneria solare è diversa perché legata a particelle talmente piccole che possono raggiungere il sistema nervoso direttamente attraverso le terminazione olfattive presenti nelle cavità nasali».  

Ma non soltanto i bambini, come ha affermato giustamente il Dott. Giovanni Ghirga, sono in pericolo, a causa dell'uso di questa tecnica. 

Come più volte ha avvertito un neurochirurgo di grande esperienza e valore, come il Dott. Russell L. Blaylock, tutti, e in particolare gli anziani oltre ai bambini, corrono un grave pericolo a causa dell'uso di queste tecniche. Infatti, nelle persone di una certa età la quantità di alluminio presente nel cervello attraverso l'assorbimento che proviene dall'ambiente è maggiore che nei giovani, per un effetto accumulo negli anni. Per questo gli anziani corrono una probabilità più elevata di sviluppare patologie neurodegenerative, come l'Azheimer, ad esempio. 

Se leviamo lo sguardo verso l'alto nelle belle giornate di sole, non è difficile vedere quasi quotidianamente nei cieli delle nostre città molte striature che spesso si incrociano fra loro. E' il segno della presenza silenziosa ma costante di aerei di tipo militare che lasciano una scia chimica alle loro spalle, con il suo carico di veleni. 

Ma non è inverosimile pensare che lo scopo finale delle élite non sia soltanto il contrasto a quello che ormai chiamano arbitrariamente "riscaldamento globale". 

Non è difficile pensare infatti che un altro degli scopi prefissi, sia invece il controllo delle condizioni meteorologiche di interi Paesi, che come è ormai noto si possono influenzare e controllare mediante tale tecnica, ed infine il controllo e la manipolazione delle masse, attraverso l'irrorazione di alluminio che, abbiamo visto, è un potente neurotossico. 

Bill Gates è deciso ad oscurare il sole, insieme ai potenti del WEF. 

D'altronde chi opera nelle tenebre non viene alla luce, ma la odia, in quanto preferisce l'oscurità per nascondere il suo operato (cfr. Gv 3,19-21). 

Quello che ci conforta sapere, tuttavia, è che la luce vince sulle tenebre (cfr. Gv 1,5); né le tenebre potranno mai sopraffarla, malgrado tutte le macchinazioni dell'uomo.

Il piano delle élite infatti perde già pezzi da molte parti, se avete letto bene. Molti dei Paesi ed enti governativi che avevano offerto il loro sostegno incondizionato per gli esperimenti di oscuramento del sole, come la Svezia, hanno già revocato il loro consenso, mentre si alza la protesta degli scienziati indipendenti. 

In particolare nell'ultimo anno trascorso, il 2022, gli equilibri mondiali stanno cambiando e decretando la fine del mondialismo in favore di un mondo multipolare. 

Se il potere delle grandi famiglie come i Rothschild sta tramontando, anche la grande bugia sul clima, come quella del COVID, è destinata ad avere vita breve, malgrado l'enorme apparato mediatico sguinzagliato a suo sostegno. 

Anche perché a credervi potrà restare solo la vecchia Europa, che pure sta già incassando i primi rifiuti all'attuazione degli esperimenti più folli nella storia dell'umanità.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Ambientesalute/trackback.php?msg=16470988

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento