Creato da leonardo377 il 23/05/2009
Approfondimenti su Astronomia e Fisica.
 

Tag

 

siti migliori

blog.libero.it/astroleo

 

Per chi desidera finanziare le mie ricerche può effettuare un versamento postepay al seguente numero

Postepay

 

Conosci un luogo che ha a che fare con l'astronomia? Sito megalitico, osservatorio, laboratorio di ricerca, etc ? segnalalo a questo blog con un commento.

Hai una meridiana nella parete della tua casa? Manda una foto che la pubblico in un post.

 

Post su ordinazione: per chi ha domande dubbi o un interesse particolare,

sono disposto a studiare l'argomento per voi e pubblicare un post su richiesta.

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Dimensioni dei corpi celesti

 

Viaggi Spaziali Interstellari

 

FACEBOOK

 
 

Nebulosa Occhio di Gatto

Costellazione del Dragone

Occhio di Gatto

Nebulosa Farfalla

Costellazione Scorpione

Nebulosa Farfalla

Nebulosa di Abell

Costellazione del Cancro

Nebulosa di Abell

Nebulosa NGC6751

Cotellazione dell'Aquila

Nebulosa Planetaria NGC6751

Nebulosa del Granchio

Costellazione del Toro

Nebulosa del Granchio

Nebulosa Manubrio

Costellazione della Volpetta

Nebulosa Manubrio

 

Mailing-List dei GS SAF

http://astrosaf.altervista.org

Nella pagina a destra scorrendo verso il basso si trova il box di iscrizione.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Lo scopo di questo blog è di divulgare e di suscitare interesse verso l'astronomia e la fisica, di individuare altri appassionati e creare occasioni per crescere insieme operando uno scambio di opinioni e di informazioni.

 

Ultimi commenti

 

 

 

 

Ultime visite al Blog

squiccio81orsogaantoniod4ruberto_luisailaria_bevacqua_97ornellotofanisara.solomeclo64clocri73bolognaxjkfurnv8978colorediletgiardinoml3993simo0170atangredi
 

Chi pu scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

http://digilander.libero.it/leonardo377/SAF.jpg

Questo è il logo dell'Associazione di Astrofili di cui faccio parte. Se vi interessa conoscerla di più o parteciare alle innumerevoli attività che vengono svolte nei dintorni di Firenze andare sul seguente blog:

http://astrosaf.altervista.org/wordpress/

 

 

Mailing-List dei GS SAF

http://astrosaf.altervista.org

Nella pagina a destra scorrendo verso il basso si trova il box di iscrizione.

 

Meraviglie dal Cosmo

 

Il Sistema Solare

 

Catastrofi Cosmiche

 

Galassie

Galassia Arp148

Costellazione Orsa maggiore

Galassie ARP 148

Galassia NGC_1232

Costellazione Eridano

Galassia NGC1232

Galassia Sombrero

Costellazione della Vergine

Galassia Sombrero

Galassia Ruota di carro

Costellazione Leone Minore

Galassia Ruota di Carro

Galassia Occhio Nero

Chioma di Berenice

Galassia Occhio Nero

 

Supernovae

Nebulosa del Granchio

Costellazione del Toro

Supernova del 1054

Nebulosa del Granchio

 

 

« Buchi Neri, evoluzione s...Buchi Neri, evoluzione s... »

Buchi Neri, evoluzione storica delle Teorie - Parte 4 di 11

Sistema Copernicano

Il primo che ha aperto la nuova strada è stato l’astronomo Polacco Niccolò Copernico che riscopre il sistema eliocentrico, già ipotizzato dal greco Aristarco di Samo nel III secolo a.C. Qualcosa non andava lassù nel cielo, nei calcoli astrologici per costruire delle effemeridi, alcuni moti dei pianeti non erano coerenti con il modello delle sfere di Aristotele e poteva semplificarsi solo se si accettava che tutti i pianeti giravano attorno al Sole e non alla Terra.

Sistema Copernicano - Centro Orbita terra

Può apparire solo una rivoluzione dei moti ma è un terremoto concettuale in quanto cambia anche lo status della terra, tutt’un tratto diventa un pianeta come un altro e peggio ancora teologicamente non siamo più al centro dell’universo. Il passaggio ovviamente non è indolore, la nuova teoria viene pubblicata nel 1543 solo dopo la morte dell’autore, pertanto senza conseguenze nefaste immediate. Il libro “De revolutionibus orbium coelestium” (Delle rivoluzioni dei corpi celesti), l’autore lo dedicò al Papa Paolo III e probabilmente per non considerarlo eretico, nella prefazione, si sosteneva che il modello era semplicemente uno strumento matematico che non voleva rappresentare la realtà. Forse, grazie anche a questo trucco, si concesse uno spazio temporale di circa 60 anni perché la nuova teoria si diffondesse in tutta Europa e minasse le fondamenta dell’imposizione delle idee teologiche dell’universo della chiesa.

Legge di Keplero

La mano passa a Giovanni Keplero, quando nel 1608 scopre che le “stelle erranti” (le divinità dei pianeti) non si muovono di moto circolare ma ellittico intorno al Sole, dimostrando che gli dei non sono poi così perfetti ma anche loro stessi corruttibili. Ma se il loro moto non era più naturale, cosa poteva indurre gli dei a muoversi attorno al Sole? Pensava che il movimento dei pianeti fosse causato da qualche forza proveniente dal Sole, ma non citò la stessa forza gravitazionale della Terra, forse era già troppo aver distrutto la perfezione assoluta e il paragone poteva essere troppo pericoloso. Il modello di Aristotele subisce un altro colpo quando nel 1638 Galileo fa pubblicare a Leida i “Discorsi e Dimostrazioni matematiche attorno a due nuove scienze attinenti alla Meccanica e i Movimenti Locali” dove dimostra che la caduta dei corpi avviene alla stessa velocità indipendentemente dal loro peso. 

Esperimento di Galileo - Caduta dei Gravi

Il colpo finale al sistema Aristotelico venne assestato da Newton nel 1687 quando enunciò nei “Philosophiae Naturalis Principia Mathematica” la legge di “Gravitazione Universale”.    Il termine universale non è inserito a caso ma evidenzia l’estensione della Gravità dalla terra al cielo e tutt’un tratto anche le stelle hanno una massa. Con quest’affermazione opera la prima grande unificazione delle forze della natura e la gravità è considerata una forza che si applica a distanza istantaneamente. Questo è un primo passo verso la teorizzazione del Buco Nero ma per arrivare a concepirne l’idea occorre un altro attore, ovvero identificare una velocità per la propagazione della Luce. Anche per questo concetto la scienza occidentale subisce l’influenza del modello di Aristotele che riteneva la propagazione della Luce essere istantanea e quindi a velocità infinita.

Forza di Gravità

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/AstroLeo/trackback.php?msg=11693986

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Giorgio Goldoni il 12/10/17 alle 21:43 via WEB
Il sistema tolemaico rappresentato nella pagina web del tutto errato: 1) Mercurio e Venere devono avere i centri degli epicicli allineati col sole (devono rimanere sempre entro una certa distanza angolare dal sole); 2) le congiungenti i centri degli epicicli di Marte, Giove e Saturno coi relativi pianeti devono essere sempre parallele alla congiungente Terra-Sole (devono avere le retrogradazioni quando sono in opposizione). P.S. Vedi articolo "Copernicus Decoded"
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.