Creato da leonardo377 il 23/05/2009
Approfondimenti su Astronomia e Fisica.
 

Tag

 

siti migliori

blog.libero.it/astroleo

 

Per chi desidera finanziare le mie ricerche può effettuare un versamento postepay al seguente numero

Postepay

 

Conosci un luogo che ha a che fare con l'astronomia? Sito megalitico, osservatorio, laboratorio di ricerca, etc ? segnalalo a questo blog con un commento.

Hai una meridiana nella parete della tua casa? Manda una foto che la pubblico in un post.

 

Post su ordinazione: per chi ha domande dubbi o un interesse particolare,

sono disposto a studiare l'argomento per voi e pubblicare un post su richiesta.

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Dimensioni dei corpi celesti

 

Viaggi Spaziali Interstellari

 

FACEBOOK

 
 

Nebulosa Occhio di Gatto

Costellazione del Dragone

Occhio di Gatto

Nebulosa Farfalla

Costellazione Scorpione

Nebulosa Farfalla

Nebulosa di Abell

Costellazione del Cancro

Nebulosa di Abell

Nebulosa NGC6751

Cotellazione dell'Aquila

Nebulosa Planetaria NGC6751

Nebulosa del Granchio

Costellazione del Toro

Nebulosa del Granchio

Nebulosa Manubrio

Costellazione della Volpetta

Nebulosa Manubrio

 

Mailing-List dei GS SAF

http://astrosaf.altervista.org

Nella pagina a destra scorrendo verso il basso si trova il box di iscrizione.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Lo scopo di questo blog è di divulgare e di suscitare interesse verso l'astronomia e la fisica, di individuare altri appassionati e creare occasioni per crescere insieme operando uno scambio di opinioni e di informazioni.

 

Ultimi commenti

 

 

 

 

Ultime visite al Blog

squiccio81orsogaantoniod4ruberto_luisailaria_bevacqua_97ornellotofanisara.solomeclo64clocri73bolognaxjkfurnv8978colorediletgiardinoml3993simo0170atangredi
 

Chi pu scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

http://digilander.libero.it/leonardo377/SAF.jpg

Questo è il logo dell'Associazione di Astrofili di cui faccio parte. Se vi interessa conoscerla di più o parteciare alle innumerevoli attività che vengono svolte nei dintorni di Firenze andare sul seguente blog:

http://astrosaf.altervista.org/wordpress/

 

 

Mailing-List dei GS SAF

http://astrosaf.altervista.org

Nella pagina a destra scorrendo verso il basso si trova il box di iscrizione.

 

Meraviglie dal Cosmo

 

Il Sistema Solare

 

Catastrofi Cosmiche

 

Galassie

Galassia Arp148

Costellazione Orsa maggiore

Galassie ARP 148

Galassia NGC_1232

Costellazione Eridano

Galassia NGC1232

Galassia Sombrero

Costellazione della Vergine

Galassia Sombrero

Galassia Ruota di carro

Costellazione Leone Minore

Galassia Ruota di Carro

Galassia Occhio Nero

Chioma di Berenice

Galassia Occhio Nero

 

Supernovae

Nebulosa del Granchio

Costellazione del Toro

Supernova del 1054

Nebulosa del Granchio

 

 

« Buchi Neri, evoluzione s...Buchi Neri, evoluzione s... »

Buchi Neri, evoluzione storica delle Teorie - Parte 5 di 11

Velocità della Luce

Sono in molti gli scienziati che assecondavano la teoria dell’infinità della velocità della luce e persino l’innovatore Keplero non si era spostato da questa affermazione. Ma qualcuno andava controcorrente e in particolar modo la rivoluzione in questo settore parte dagli arabi che riprendono gli studi greci di ottica e li rielaborano. In particolar modo si distingue Alhazen (965-1038) che ritiene la velocità della Luce essere finita. In Italia trova un seguace in Leonardo da Vinci che nel manoscritto F del 1508 trascrive la sua opinione sulla velocità finita della Luce. Andò oltre affermando che la Luce e il Suono potevano viaggiare attraverso un mezzo, mediante quel che descrisse come tremito o una vibrazione, un processo che una volta innescato si ripete trasmettendo un segnale da un punto a un altro, attraverso la propagazione. Con questa descrizione anticipò, di circa due secoli, la “Teoria Ondulatoria della Luce” formulata da Christiaan Huygens nel 1678.

Esperimento Lanterna di Galileo

All’inizio del XVII° secolo, erano già molti gli scienziati convinti dell’esistenza di un limite alla velocità della Luce e Galileo nel 1581 fu il primo a cercare di misurarla realizzando  un esperimento semplice, ma fallì in quanto il metodo non era idoneo per alte velocità. Dotato di lanterne, insieme ad un collaboratore si pose tra due colline opposte fuori Firenze. Scoprendo una lanterna la Luce si sarebbe propagata all’altra collina, uno dei due collaboratori appena vista la Luce avrebbe scoperto a sua volta la sua lanterna, la cui Luce sarebbe ritornata e osservata alla collina di partenza.  Il tempo di ritardo nell’osservazione della Luce, scorporato del tempo di reazione della persona, fornisce l’indicazione della velocità della Luce. Purtroppo il tempo di reazione delle persone è ben notevolmente superiore a quello della Luce e con un simile esperimento non venne evidenziato nulla sennonché la deduzione che la velocità era altissima.

Esperimento Borelli Velocità della Luce

E nemmeno l’esperimento di pochi anni dopo di Giovanni Alfonso Borelli (1608-1679), riuscì ad evidenziare qualcosa benché la distanza di misura fosse più elevata. Intraprese la misura sulla distanza di 35 Km tra Firenze e Pistoia ed utilizzando specchi riflettenti moltiplicò il percorso ma non riuscì a notare delle differenze apprezzabili. Questo metodo ispirò il francese Armand Hippolyte Fizeau che, nel 1849, riuscì a valutare una velocità di 283.000 km/s, molto vicino alla misura esatta. Ma prima di lui riuscì nell’impresa l’astronomo danese Ole Rømer che nel 1676 riuscì a misurare la velocità della Luce, notando delle anomalie nei tempi delle eclissi dei satelliti di Giove. Dopo la grande scoperta di Galileo che Giove era a sua volta un mini sistema planetario composto di varie Lune, l’osservazione aveva evidenziato le loro orbite attorno al pianeta gassoso ed erano state redatte molte effemeridi che prevedevano il loro moto.  I transiti sul bordo del pianeta, ovvero le eclissi delle lune dietro il pianeta e i transiti sulla superficie dello stesso erano le osservazioni che maggiormente erano ricercati.

Esperimento Di Roemer Velocità della Luce

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/AstroLeo/trackback.php?msg=11701348

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback