Danze Storiche

Danze Storiche in rievocazioni e spettacoli (dai balli Medioevali ai Gran Balli di Corte ottocenteschi)

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pingusantMICHI765elebrixiaciribin1crima1964m.evangelistapaghedimerdimerkmtt89bal_zacVB05uomodellanotte5silvenice2webmasternuotosilvy.bdoublelle
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 

I MIEI LINK PREFERITI

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Gran CiambellamoGran Ciambellano »

Gran Ciambellano

Post n°13 pubblicato il 14 Maggio 2007 da Danza.Storica.SP
Foto di Danza.Storica.SP

Etichetta per i balli nell'ottocento

 Regole Generali

 Il primo dovere di un cavaliere, entrando nella sala da ballo con la sua dama, è di procurarle un carnet e di presentarla ai suoi amici.

 Una dama non accompagnata non può entrare nella sala da ballo, deve essere sempre accompagnata.

 Quando si salgono le scale, il gentiluomo deve essere accanto o precedere la dama. Il gentiluomo precede, la dama segue.

 Il maestro delle cerimonie ha il privilegio di poter chiedere a ogni dama e cavaliere con chi vuole danzare e procurare alle dame i cavalieri desiderati.

 Un gentiluomo dovrebbe immancabilmente danzare il primo ballo e il finale con la dama che ha scortato e stare attento che ella sia sempre provvista di cavaliere qualora desiderasse danzare.

 Ricordarsi di trattare con gentilezza la dama offrendole cortesia e protezione.

 Se la dama desiderasse andare via prima della fine del ballo, sarà meglio disdire gli appuntamenti presi per le danze, sia dalla dama che del cavaliere.

  Un gentiluomo non dovrebbe mai chiedere  di danzare a una dama che non gli sia stata presentata.

 Qualora un gentiluomo desiderasse farlo, deve farsi presentare ad ella dal Maestro di Cerimonia.

 Se una dama risponde negativamente alla richiesta di danzare, non bisogna lasciar trasparire segni di disappunto e non può invitarne un’altra. Se poi la dama danza con un altro, ella non dovrà dare spiegazioni.

 Quando la danza è terminata, il cavaliere offre il suo braccio destro e accompagna  la dama al suo posto, farà un inchino e le dirà che è stato un piacere ballare con lei.

Quando si è in compagnia non è richiesto di difendere gli amici, fino a quando non verranno dette delle cose direttamente a noi.

 Tutto nel ballo dovrebbe essere fatto come in casa propria. Nessuno prova piacere se è conscio di essere imbarazzato.

  

Nella promenade e nella marcia non si dovrebbero avere due dame, è distruttivo per la corretta esecuzione dei movimenti. Il braccio destro deve essere porto alla dama.

Riconoscere sempre al maestro delle cerimonie, sia dama che gentiluomo, conveniente cortesia.

Guanti e cappello devono essere rimossi dalla tavola da pranzo.

Se non vi sono carnet, gli appuntamenti non devono essere dati prima dell’annuncio della danza.

Evitate di ballare molto con la stessa dama, potrebbe essere frainteso.

Il vestibolo delle dame è un luogo sacro. Nessun gentiluomo deve sbirciarvi dentro, anche entrarvi è proibito.

Nella Foto componenti del Balletto Storico Possidiese a Trento il 12 maggio 2007

 

 

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Danza.Storica.SP
Data di creazione: 15/11/2006
 

GRAN BALLO OTTOCENTESCO A MATTARELLO (TRENTO)

Società di Danza - Circolo Tridentum

 

GRAN BALLO ESTENSE ACCADEMIA MILITARE MODENA

Visitate il Nostro sito www.danzastoricapossidiese.com