Creato da carrubella il 27/01/2007
E la storia continua
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

carrubellaCarlo_ValleleselviniNarcysseFrancesca.th95acquasalata111falco58dglnonmale43alive_2012antropoeticoperberemeghy1965unamamma1volod_jacristianavilli
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Ultime visite al Blog

carrubellaCarlo_ValleleselviniNarcysseFrancesca.th95acquasalata111falco58dglnonmale43alive_2012antropoeticoperberemeghy1965unamamma1volod_jacristianavilli
 

 

Velo

Post n°130 pubblicato il 06 Febbraio 2009 da carrubella

 

Velo

 

Sbarcati pensieri da viaggi lontani

da terre lontane di oblii reconditi

di popoli  e genti e di quelli vicini

presenti per sempre nel cavo  ricordi.

Ma quando a te pare

che solo contare del ricordare

parlare con te di quello di te

o a coloro che prestan l’orecchio

e allungano l’occhio per dire chi sei,

ti senti rapito da quello che dici

ti senti ancor quello che baldo tu andavi.

Voler cominciar almen una volta

andare per mari o per terre celate

lasciar nei miei occhi ,purtroppo velati,

ancor di quei popoli e genti vicini

che suggeriscan da raccontare.

 

 
 
 

Verità

Post n°126 pubblicato il 02 Febbraio 2009 da carrubella

Verità

 

Ricordo allora, pensare per

dire di cosa sei, parlare

con in mano tutto tu.

Si dimenticano momenti

di confidenze tue  dove

piacere mostri di dare loro

ingenunità sol di piccoli.

Ora ancor pensare di dirla?

Saperne il costo e dirla

anche se rischi d’esser sbranato

da sensi leggeri che giuoco

prenderanno dell’anima tua?

Ma  forte la mano

spinge lontano il riso

m’abbraccia   il cuor.

 
 
 

Fuggiasco

Post n°124 pubblicato il 31 Gennaio 2009 da carrubella

Fuggiasco

 

 

Castelli,prigioni,segrete

padrone di luoghi soli

che invito dà al nuovo sole

d’esser con lui,

quando al riparo non v’ha più la speme

d’esser  plagiato  d’altro che d’umano ha,

esser sol desio  nella sua mente,di vita vera.

Fuggire,errar fin quando,fuor di denari,

trova musa o di tale aspetto

che metta fuori  quei sogni

che lui fino a quel punto

avea serbati fermi in quel cassetto.

Eccoli ,allor, lui stesso a rivederli

gioirne nello spolverare tante verba

che debole  lo fanno al sentimento,

ma, arido  è quel campo che seme

ormai vecchio non impiglia.

Arrender se dovrebbe, lasciando per sempre

che vada alla  ruina

quel che lui tiene in cuor che sempre brilla?

 
 
 

Gitano Zingaro

Post n°123 pubblicato il 30 Gennaio 2009 da carrubella

Gitano Zingaro

 

 

 

Come vento fruscii

arriva con altri.

Sguardi senza parole

nulla dire alla sua gente.

Fermo senza fretta a fare

allora fuma solo

sembra scrutarsi dentro

a ricercar di se.

Masserizie, aspettano,

legati saldi al carro e cenci e corde,

opra sua.

Affonda scarpa al fango

ove abbandona il pasto

consunto del dì prima.

Mentre

loro sul carro guardan

di cosa voglia dire quel pensare

di  marito e padre.

Taccion loro  ancor quando

lo sguardo muto investe loro, come parola fa.

Loro guardan con occhi stanchi

senza lamento e senza far richiesta,

come lecito è loro far per strada,

son essi forgiati a dire niente,

accetta famigliola questo  Re,

che cerca,forse, strade doppie

che dian riparo a tutti,bestie o sé,

cercando tra ricordi di bambino

dove ebbe  a lasciar o fu lasciato,

perché girovagar scelsero i suoi

che tener figli,d’amor oppur d’istinto,

tra le gonne ampie della madre.

E tu zingar gitano dove vai?

Alla ricerca dell’immortalità,

sembr’egli dire,

mentr’esso col suo pensier

viene nel mio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Ex Voto Suscepto Il portantino

Post n°122 pubblicato il 28 Gennaio 2009 da carrubella

 

 

 

Nel mezzo chiuso procede con fatica

per il peso tratto in su le terga,

d’Essa Figura.

Poi che lei a  scorta si pone

accanto  a lui come la madre,

e lui da figlio ne vuole dar compenso

portarla con li altri suoi fratelli

in siti dov’è da benedire

in siti dove preghiera arriva

di voci bisognose  e grida

di gente maltrattata dalla vita.

Allor sebbene rigida in suo stallo

si piega accarezzando quelle terga

raccogliendone  l’umore d’essi  dato

per aspergerlo a perdono

sulla grande folla.

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Frastuono

Post n°117 pubblicato il 09 Gennaio 2009 da carrubella
 
Tag: POESIE

Frastuono

 

 

 

 

Sordo a frastuon  che inganna

isola lontano il pensier mio

ove del silenzio sente l’alma mia

per stare più con me in quella via.

 

Mi serve quel frastuon come di lei

che porge verso  me la mano pia

che trae te salvo solo un sol momento

a sparecchiar la mente dal  colore bigio.

 

S’odia  però il gran silenzio

poiché dentro ti trae in quella cerchia

che solitamente  si chiama riflessione

che paura  a te fa e annera il core.

 

M’illudo dunque di veder lontano

altri che fanno tutto col lor petto

siano dietro, la,dalla mia strada

o nei miei pressi vicini

al sordo lobo del mio grande orecchio.

 
 
 

Il cappio

Post n°114 pubblicato il 05 Gennaio 2009 da carrubella
 
Tag: POESIE

U chiaccu

Sulu sempri prontu a bistimmiari

Sempri ca menti a genti mia luntana

Sempri nirvosu cuomu un jattu straniu

Ca di tutti si senti stramannatu

 

 

A fudda passa, va, curri, e ritorna

Pi dda jurnata ca t’accurza a vita

E, iò, senza vuliri m’arritruovu

Nmienzu sta fudda e chista confusioni .

 

 

Chi fari?

A cu chiamari?

A cu ci u puozzu diri

Ca iò cà un ci vuogliu stari?

 

 

 

 

 
 
 

L'albero nella grotta

Post n°105 pubblicato il 17 Dicembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

L’albero quella notte,

non, linfa,legno vivo nuovo;

m’era di sangue come d’umano uomo.

Anche se piccol picciuolo,

che,stenta a sostener la giovin bacca,

egl’è già grande ,sebben,venuto orora.

Forte ,sostien il peso della gente

che vien ad acclamar lui ,li,nel suo sito,

d’amor sempre portato

da grembo nella paglia da mamma,la Madonna.

E or dopo Gomorra  col cuore piccolino

dal forte lor bisogno d’avere protezione,

per l’anima dei morti e per la loro vita,

d’averla gaia e felice pel  tempo che Dio dona.

Osanna sia di tutti il canto,

averlo sì vicino e starsene ai suoi piè.

 
 
 

"C" Il Contadino

Post n°104 pubblicato il 17 Dicembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

                                                             C 

Canzuni cantati cu cori

Carunu cuomo chiova

Chiurono cieli cu culura cupi

Cavaddu crapa cuntadinu curdati

Cuntono chiazzi chiesi chioschi

Chiddu ca curri casa.

Cunzulati cu cena curcati

Cercunu cientu cumeti

Chiuriennu  cu chidda chiaria.

 
 
 

Cuoreamaro

Post n°101 pubblicato il 10 Dicembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

 

Coriamaru

 

 

Quantu m’ammara l’arma mia

 

quannu ci pruovu a stari cu cuarqunu insiemi.

 

Cu  quarcunu ca pariri ,paria,di gran valuri.

 

Cuomu quannu iò rirannu ciercu l’ aiutu

 

 e vulissi darimillu, chiddu ca nun  viri,

 

ca rapiennu chiddi,a mia, mi fa scantari.

 

Cchiù tiempu passa ancora e cchiù mi scantu

 

picchì,chiddu quarcunu,ancora ,un’eni cunchiu,

 

picchì cerca l’aiutu n’ta la  matri paglia.

 

Allura,allargu i vrazza, no pì rrisa,

 

ma p’abbrazzari chiddi c’hannu n’arma.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

U pricariu

Post n°100 pubblicato il 04 Dicembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

U pricariu

Sunnu di cartuni li me vrachi

pi ghirimi assittari n’ta la rina

dunni mi niniscissi friddu e vagnatu

e cu li funni fatti, iddi, pronti pi l’arripizzata.

Allura stetti n’anticchia a pinzarimilla

di cuomu avissi a fari

pi  mettiri o sicuru li me vrachi

cu la me culotta sciaccha e u sutta puru.

A prima cosa  ca passau a mia n’ta tigna

fui chidda di diri   ca un  m’assiettu  chhiù,

sarvannu tutti li cosi ca pinzaiu prima,

anzi sarvannu a tila e li buttuna

e cu la scrima, rici u me varvieri,

ritta, ritta cuomu di fierru passatu o pantaluni.

Mai, accussì un puozzu stari

tuttu sirratu e strittu

n’ta li me bumetta e d’amitu stiratu.

Avissi  di natra banna suffiriri tuttu lu iuornu e la santa notti

pi  farimi appariri a li cristiani

sciacquatu e tunnu cuomu un principinu?

Ora vulissivu sapiri lu me fazzu:

Mi cuminciu a futtiriminni di me vrachi,

mi rugnu da fari pi purtari intra

senza,mancu,bisuognu cchiù, di dda raccumannata.

Ca m’avissi misu mienzu li lagnusi

e m’avissi ,puru,livatu onuri e facci.

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

HIV 

Post n°99 pubblicato il 02 Dicembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

HIV

 

Assordanti silenzi preziosi

 

ti nutrono adagio

 

per dare compenso e la lode

 

al tuo sangue macchiato d’amor.

 

Sicuro d’amor che non sai

 

e che forse hai mai conosciuto

 

perché ,solo ,cercavi di te?

 

Per dar, solo,motivo e perché

 

al giovane cuore che sboccia quaggiù.

 

Non sai oggi nè mai,poi il perché.

 

Farai i tuoi conti dicendo e pensando

 

ma invano saprai,

 

di quel tanto amor ,che di certo,ancora una volta,

 

per te fu regalo.

 

Oppure  Chi,forse,e dov’è

 

quel tizio che inconscio o incosciente

 

volle di sé regalare qualcosa e per forza,

 

per ripicca al segno d’amor.

 

Ora,viaggio come straniero tra la gente

 

in quella strada ch’è stata sempre mia,

 

ch’essi a vedermi non mi fanno loro,

 

anz’essi van chiedendo chi foss’io.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

La crisi

Post n°98 pubblicato il 28 Novembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

La crisi

Cambiare il colore alle bandiere

indossare il vestito arcobaleno

sentir dentro un cuore batter piano,

che il liquido  rossastro vada

a  far strada solo dolcemente.

Pensieri,pensare ai popoli,

per tutti quelli che si guardano dinnanzi

che non vedono nei pressi un giusto verbo

m’attaccati  solo da un condizionale.

Paure sono per l’antico sposo

che dovra l’altra metà dovrà lasciar sguarnita

e render vita vuota,senza sosta.

Cambiamenti terrestri,scossoni,

vacillano sicure promesse di domani

che a stento si ritrovano.

Bandiere e arcobaleni

presto si faranno cavalcare,

come cavalli bizzarri

lasciandosi guidare nel futuro mar certezza.

 
 
 

Mercato

Post n°97 pubblicato il 21 Novembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

Mercato

Pigne d’usato abbondano piazze di massa

ove gli odori si mischiano a far altri lezzi

che impregnano il passo

d’Uno

segnato al risparmio da sempre per poco.

Lei non s’avvede neanche di quello che fa

pur di  tirare in borsello

e poterlo portar di ritorno con peso.

L’orgoglio l’assale,l’essere stata

ancora bravina con man leggerina,e corto il braccin.

Eccola allora sulla dueruote

a far l’indiana con culto di Budda,

carica zeppa,quasi a cadere,

per i suoi pesi mal sistemati.

Stanca e spossata ringrazia Dio d’avercela fatta.

E  l’altro,

furbo, una volpe,

tutto voglioso di metter la mano

su quella vecchina ancora carina.

Con arte,il maldestro compie lo stesso,

mettendo a vedere cose più belle

e sotto il banco le pezze e il pezzame

miscela facendo dell’uno e dell’altro.

Bella e fregata ,perciò, caralei.

E i suoi bambini così carini

son diventati dei signorini

che non conoscon parola Fatica

ma san ben dire quella del Voglio,

parlano anzi di quel che gli spetta di questo o di quello

che lei non può dare per esser  vecchina e poverina.

M’apre lo stesso la latta serbata

per dare loro quello che c’è.

 
 
 

Vento d'autunno

Post n°96 pubblicato il 19 Novembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

Vento d’autunno

 

Venti impetuosi d’autunno

che tracciano segni

che  lasciano solchi rugosi

nell’aia deserta  da tempo

che un tempo mostrava

della vita gai momenti.

Quel vento che soffia

or plana in luoghi remoti

siti ricchi di gente  radiosa

che vive felice quel tempo.

Quel vento d’autunno

che incrocia quei visi  che

 nullo presagio propone di speme.

Quel vento ti apre le ciglia

ti scuote le fronde

ti narra dell’altra stagione

sussurra all’orecchio

il suo canto d’ottobre

confessa il sentier da seguire

perché trovi la gioia perduta

che venti impietuosi violenti ,rubaro

lino

 
 
 

danza

Post n°94 pubblicato il 18 Novembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

  

Danza

                      

                       Danza davanti allo speccho

                       con passi silenti e felpati

                       ricordo dell’albe fiorite

                       quando braccio forzuto

                       reggeva  la spina fluttuosa

                       la veste setosa carminia.

                       Poi  che danzando quel tango,

                       con foga riserva d’amor

                       che respiro vien meno

                       no  di fatica ma d’emozione

                       d’avere le mani legate

                       al bene prezioso,pur d’oro.

                       Quel passo riflesso

                       quel passo di danza

                       quel corpo che tenta,

                       invano in attesa  ricorda.

    

 
 
 

Pierrot

Post n°89 pubblicato il 16 Novembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

 

                 

Pierrot

Saltimbanchi che circo cresce

sotto teli dipinti e ripinti

per pochi denari

per solo avere sorrisi 

di gente per caso

che  vuole mostrare a se stessi e anche ai bambini

cos’è comprensione

capire i sorrisi d’artisti di strada;

e poi bravo, con tante battute di mani.

Ma loro quel mestiere volevano fare

non trovar comprensione,ne poverino.

Ma di cuor lodati da chi pronti tendon la mano.

Mesto l’artista è allor che si cambia,

lasciando le vesti, d’artista sportivo

per un abito  strano e curioso

fatto a colore di lutto e candore,

e il suo viso dipinto lo stesso di bianco e di nero

di puro e di scuro,

per quella gente che nulla a lui diede.

Con gran delusione

allora  donò

una grossa lacrima stillata dal cuor.

 

 
 
 

Poi lei

Post n°88 pubblicato il 12 Novembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

Poi lei

Poi lei

 

 

Poi lei,la notte,

 

 

che sogni sgomenti ruggenti

spaventano cuor deboli e soli

di donne, di vecchi fanciulli,

invalsi,con tanti timori,

di lacrime bianche;

per l’ora che scorre veloce,

di veste ritinta di nero

per lutto all’amore perduto

per il cuor solo che triste la fa.

Ma quante le notti

che sogno non hanno da dare

che vuote non colman,

senza dare riposo un’istante

prima ancor il levarsi del sol.

 
 
 

Uno sguardo

Post n°87 pubblicato il 12 Novembre 2008 da carrubella
 
Tag: POESIE

Uno sguardo

 

Mandare,donare uno sguardo

a qualcuno lontano di anni

come spinti da teneri ardori,

quei,

che or han passato l’infante,

con rosse le gote,calda la testa;

allor che lo sguardo si ribatte all’altro,

come raggio di luce riflessa,

che abbaglia quegli occhi,

che gonfia quei giovani petti d’amor.

 

Or non puoi,

tu bianco canuto,

anche se il tuo petto

ancor lesto a carpire

quello sguardo fuggente,

quel sorriso che inebria la mente,

regalarti illusioni,

pur sapendo che fa giuco di te.

 
 
 

La dote

Post n°84 pubblicato il 25 Ottobre 2008 da carrubella
 
Tag: La dote

A  roti

 

 

 

Oi cu avi fimmini a maritari

Pinsari avi quali roti fari

Pi sta fimmina un la fari piniari

E a so famiglia faricci guriri .

 

 

 

Talari avi cuomu inchiri u baullu

Di vesti e suttavesti

E di tuvagli i linu ricamati a manu

C’hannu l’uocchi saziari e panzi ruossi fari .

 

 

Pi sapiri fari tagliarini cu sucu di raù

E gadduzzi chini aggrassati chi patati

N’ta la tannura ramu avi ad aviri

E di quartari li misuri un’hannu a mancari .

 

 

Ora si po’ sta pinna cunsigliari

Pigliatili chiù granni chi putiti sti caputi

Non tantu pi mmiti chi si fannu

Ma pi li figli ca cchiù assai sempri iddi vuonnu .

 

 

 

 

 

 

La dote

 

Oggi chi ha figlie da sposare

deve riflettere su che dote deve dare

per non fare soffrire questa  donna

e permettergli di godersi la vita senza problemi.

 

Deve pensare cosa mettere dentro il baule ,

riempirlo, di abbigliamento(vesti e suttavesti)

di tovaglie di lino ricamate a mano,

tanto da essere bellissime per il piacere degli occhi

e invitanti al pasto(pancie grosse fare).

 

In cucina per fare buone pietanze

non devono mancare gli attrezzi

ovvero il pentolame di rame(quartara) di diverse misure.

 

Si consiglia ,comunque, di prenderle

abbastanza capienti queste pentole,

non solo perché devono servire nelle grandi occasioni;

ma, soprattutto per quel più, che richiederanno i figli.