CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Un Festival con due animeEa Sola, la memoria del Vietnam »

La Cina di Lepage tra Mao e McDonald's

Post n°453 pubblicato il 28 Giugno 2011 da arieleO
 

Il tema centrale di «Le dragon bleu» - lo spettacolo di Robert Lepage che ha aperto al San Carlo la quarta edizione del Napoli Teatro Festival Italia - è quello della transizione: sia dal punto di vista della trama e dei contenuti, ovviamente, che (in maniera ancor più determinante) sul piano della forma. E la chiave per «leggere» l'insieme sta nella battuta iniziale circa la linea dell'orizzonte, la linea che «separa il cielo dalla terra, l'alto dal basso, il visibile dall'invisibile».
   Ritroviamo qui il Pierre Lamontagne de «La trilogie des Dragons», che nell'87 rivelò all'Europa l'originale talento del regista canadese. In questa sorta di sequel, si è trapiantato a Shanghai, e interagisce con la pubblicitaria Claire Forêt, anch'ella venuta dal Canada, e con la giovane creativa cinese Xiao Ling, a sua volta in continuo transito da una città all'altra. E sullo sfondo c'è, manco a dirlo, la transizione dalla Cina di Mao a quella del post-capitalismo rampante e dilagante, con gli annessi problemi della crisi della famiglia tradizionale, del traffico delle adozioni, dell'arte prostituita al mercato e, naturalmente, del consumismo drogato di oggi.
   Ma - trattandosi di uno spettacolo concepito e allestito da colui ch'è stato definito «il visionario di Quebec City» - contano soprattutto, come anticipavo all'inizio, gli effetti derivanti dalla commistione dei linguaggi (nella fattispecie quelli del teatro, del cinema, della danza e della pittura) in cui Lepage è maestro. Raggiungono l'acme, quegli effetti, attraverso la combinazione dei corpi degli attori con le immagini proiettate, nelle quali i corpi stessi entrano come se ne costituissero una componente.
   Basterebbe, al riguardo, l'esempio dell'illusione della pioggia creata con la fitta caduta di gocce proiettata su un'attrice in carne e ossa. E il tutto è benedetto da un'ironia tanto lieve quanto decisiva: vedi, poniamo, la fusione tra un tonitruante film cinese d'arti marziali e la pubblicità televisiva di un classico panino McDonald's. Si poteva rendere in maniera più icastica ed efficace la vertiginosa trasformazione economica e culturale che ha investito la Cina?
   Certo, qualche manierismo non manca. Ma, in compenso, gl'interpreti (Henri Chassé, Marie Michaud e Tai Wei Foo) sono bravissimi a rendere il testo (minimale come si conveniva) degli stessi Lepage e Michaud. Applausi dilaganti.

                                                      Enrico Fiore

(«Il Mattino», 28 giugno 2011)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ficone1400leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.ricco
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me č stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom