CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Montesano, amarcord con ...La fine fra Tenco e l'E... »

Se Pirandello finisce in vaudeville

Post n°536 pubblicato il 15 Febbraio 2012 da arieleO
 

Un classico «triangolo» borghese: Giulia tradisce il marito, Andrea Fabbri, con l'avvocato Antonio Serra; e quando Andrea le rivela che sa tutto, si uccide con un colpo di rivoltella.
Non contiene molto più che questo, «La morsa». Databile intorno al 1892, è, se non la prima, una delle prime prove drammaturgiche di Pirandello. Eppure, si rivela di un'importanza straordinaria: poiché, detto in breve, spinge molto oltre il procedimento escogitato da Ibsen per fronteggiare la crisi del dramma moderno.
   Se Ibsen metteva in scena un presente che si riduceva a un processo al passato, Pirandello rinuncia anche a quel processo. Il sottotitolo de «La morsa» recita «Epilogo in un atto», e l'epilogo, ovviamente, implicherebbe un commento a quanto è accaduto prima. Ma qui non si commenta e non si spiega niente: i dialoghi son fatti di battute brevissime, spesso lasciate in sospeso, e che girano intorno ai fatti salienti perdendosi in mille futili particolari.
   Lo stesso colpo di rivoltella che uccide Giulia non esplode a vista, «si ode dall'interno». Penso a ciò che appunto dell'epilogo pirandelliano disse Jean-Michel Gardair: «nell'impossibilità di trasformare il reale, lo nega». E non a caso, sfiorano addirittura il vaudeville le battute conclusive, semplici e ineffettuali variazioni sul tema, che si scambiano i personaggi: Giulia ad Andrea: «Uccidimi!» - Andrea a Giulia: «Ucciditi» - Andrea ad Antonio: «Tu l'hai uccisa!».
   Ma, rispetto a tutto questo, appare piuttosto contraddittorio l'allestimento de «La morsa» che si presenta al Nuovo per la regia di Arturo Cirillo. Vanno bene la sedia, il cappello, i libri, le fotografie imprigionati nelle teche come fossili di una vita ridotta a pura ipotesi. Meno bene va il fatto che i pur bravi interpreti - lo stesso Cirillo (Antonio), Sandro Lombardi (Andrea) e Sabrina Scuccimarra (ovviamente Giulia) - oscillino indecisi fra la sospensione e il risentimento.
   Non sorprende, dunque, che il finale - con Antonio che vede a terra Giulia e corre da Andrea ad informarlo: «Tua moglie si è uccisa» - si volga a un naturalismo narrativo che costituisce l'opposto esatto di quelle teche e, ciò che più conta, dell'assunto pirandelliano.

                                           Enrico Fiore

(«Il Mattino», 2 febbraio 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom