CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Se il ventre materno è un baobabLatella va in Siberia col "Tram" »

Il corpo malato come officina dell'amore

Post n°552 pubblicato il 10 Marzo 2012 da arieleO

Per una volta, l'altra sera, realtà e metafora coincidevano: anzi, erano addirittura la stessa cosa. Mentre in superficie (cioè nei ristoranti e nelle discoteche) si trascinava lo stanco cerimoniale che l'ipocrisia della società dei consumi imbelletta col titolo di «festa della donna», in profondità (cioè nella Sala Assoli del Nuovo) c'era una donna che si spogliava fino a restare completamente nuda. E mostrava un corpo atrofizzato e deformato dalla malattia delle ossa che si chiama osteogenesi imperfetta.
   Quella donna, Chiara Bersani, era l'interprete, insieme con Matteo Ramponi, della performance di Alessandro Sciarroni «Your girl», proposta nell'ambito della rassegna «Non solo solo» organizzata dal Circuito Campano della Danza diretto da Mario Crasto De Stefano. E siccome Sciarroni dichiara d'essersi ispirato a «Madame Bovary» e alla traduzione che ne diede Giovanni Giudici con i versi di «La Bovary c'est moi», non trovo di meglio, per giudicare la sua creazione, che applicarle il giudizio che del romanzo di Flaubert diede Sainte-Beuve: «L'opera è interamente impersonale. È una grande prova di forza».
   Infatti, Merleau-Ponty dice che «il corpo è il veicolo dell'essere verso il mondo». E se si ha coscienza del proprio corpo sino al punto di esibirlo nudo, e nonostante sia ferito dalla malattia, significa che ci si apre al mondo con una dignità ch'è sinonimo di verità. Questo comunicava il lieve sorriso che aleggiava sulle labbra di Chiara: una Gioconda nel museo delle correnti certezze d'accatto, Nostra Signora dell'innocenza.
   Il costume che lei si toglieva finiva in un bidone aspiratutto perché, qui, rappresentava simbolicamente l'immondizia delle sovrastrutture mentali e culturali. Dal canto suo Ramponi si trastullava con corde di calzini che pendevano dall'alto: la terra e il cielo, la camminata e il volo. E solo quando anche lui restava completamente nudo Chiara lo prendeva per la mano.
   Artaud, l'impuro e folle Scriba, osservò che il corpo malato «è come un'officina surriscaldata». E dunque, «Your girl» mi ha ricordato, ancora una volta, le parole di Cendrars: «Solo un'anima piena di disperazione può raggiungere la serenità, e per essere disperati, bisogna aver molto amato il mondo, e continuare ad amarlo».

                                            Enrico Fiore

(«Il Mattino», 10 marzo 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom