CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Latella va in Siberia col "Tram"Lanzetta tra Schettino e... »

"Il vizietto" di parlare francese

Post n°557 pubblicato il 11 Marzo 2012 da arieleO
 

Se nel 1999 Giuseppe Patroni Griffi, regista dell'allestimento de «La Cage aux Folles» di Jean Poiret (titolo italiano «Il vizietto») presentato dall'Augusteo al Politeama con Johnny Dorelli e Paolo Villaggio protagonisti, si concedeva troppo facili ammiccamenti all'attualità, adesso Massimo Romeo Piparo, regista dell'allestimento del musical di Herman e Fierstein tratto da quella commedia e presentato all'Augusteo con Massimo Ghini e Cesare Bocci protagonisti, si concede troppo superflue interiezioni in francese: a Saint Tropez, dov'è ambientata la notissima storia di Albin e di Renato, in quale altra lingua dovrebbero parlare?
   La cosa maggiormente strana, comunque, è che - mentre nelle fotografie del programma di sala e delle locandine Ghini (Albin) e Bocci (Renato) si riferiscono, evidentemente, a Michel Serrault e Ugo Tognazzi, l'Albin e il Renato del film di Molinaro - sul palcoscenico il «femminile» risulta esibito più da Bocci, il «marito», che da Ghini, la «moglie» e, per giunta, la drag queen che, col nome d'arte di Zazà, furoreggia nel night club («La gabbia delle pazze») di cui nel titolo. Un'idea potrebbe essere quella di scambiarsi i ruoli ad ogni replica, come facevano Gassman e Randone nell'«Otello». Troppo difficile?
   In ogni caso, annoto che Bocci si distingue sul piano del canto e Ghini sul versante della recitazione. E quest'ultimo deve pure calarsi, sempre in omaggio alla predilezione di Piparo per il pleonasmo, nei panni della Marilyn Monroe di «Quando la moglie è in vacanza», quella che si ritrova con la gonna bianca sollevatale dal passaggio di un treno della metropolitana. Ma qui è passato solo il tempo, ad esempio per il Jacob di Russell Russell che già compariva nello spettacolo di Patroni Griffi.
   Infine, davvero Ghini e Bocci credono, come dichiarano, che tocchi a «Il vizietto» sdoganare l'omosessualità?

                                                              Enrico Fiore

(«Il Mattino», 11 marzo 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom