CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Lanzetta tra Schettino e...Dieci anni senza Bene »

Albertazzi-Picasso, o del Teatro

Post n°559 pubblicato il 15 Marzo 2012 da arieleO
 

Presentato al Nuovo nell'aprile dell'85, lo spettacolo basato su «Il desiderio preso per la coda», la sofisticata commediola surrealista scritta da Picasso, costituì l'ulteriore conferma del valore di Falso Movimento, il gruppo di giovani, guidato da Mario Martone, che rientrava fra le punte di diamante della più avanzata sperimentazione teatrale italiana. E adesso ritroviamo quel testo come cuore di «Cercando Picasso», lo spettacolo, in scena al Bellini, di cui è protagonista l'ottantottenne Giorgio Albertazzi.
   È di lui, allora, che bisogna parlare, più che dell'accurata regia di Antonio Calenda e delle splendide coreografie offerte dalla Martha Graham Dance Company. In questi ultimi anni Albertazzi sta impegnandosi in uno strenuo a corpo a corpo con la morte, attraverso l'interpretazione (e non a caso con la guida di un regista «estremo» come Antonio Latella) di personaggi, in tal senso assolutamente emblematici, quali Achab e Lear. E dunque, più che l'attore acclarato da una carriera prestigiosa, Albertazzi è - puramente e semplicemente - il Teatro.
   Infatti, quando, nella circostanza, dice con Picasso che ogni opera finita è (come la forma di Pirandello) una morte, allude a quelle che sono - inestricabilmente accoppiate - per l'appunto la grazia e la maledizione del Teatro, costretto a fingere la vita (e cioè a morire) nel momento stesso in cui vive. E quando, poi, si sofferma (stavolta con parole sue) sulla differenza sostanziale che esiste fra il limitato guardare e l'infinito vedere, forse che non riprende l'istanza suprema di Edipo, un altro dei personaggi ultimi da lui interpretati? Il figlio di Laio, dovremmo saperlo, s'acceca non perché non vuole più vedere, ma perché, giusto, vuole vedere oltre il limite dei significati dati.
   Una doppia identificazione, insomma, benedice lo spettacolo proposto al Bellini: quella del pittore Picasso con il proprio testo (vedi la fisicità richiamata dai nomi dei personaggi, Piede Grosso, Cipolla, La Torta, Il Puntale Rotondo…) e quella dell'attore Albertazzi con la propria consistenza d'uomo. Il duende di Lorca diventa, così, lo spirito del dubbio salvifico che sempre sottendono le imprese libere, ed alte perché tali.

                                       Enrico Fiore

(«Il Mattino», 15 marzo 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom