CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Il ritorno di Viviani "A...Un'illusione d'amore u... »

Se Cyrano tocca con "'O sole mio"

Post n°572 pubblicato il 19 Aprile 2012 da arieleO
 

Sarebbe ora di andare un po' oltre gli apostrofi rosa. E non si tratta soltanto del fatto che il Cyrano di Rostand costituisce il trasferimento nella finzione teatrale del personaggio storico di Cyrano Savinien de Bergerac: un intellettuale isolato in perenne tensione con il potere, forse saccheggiato addirittura da Molière e nella cui vicenda pubblica il naso spropositato si pone in termini di emblema e metafora di una «diversità» insieme morale e (nel senso alto dell'aggettivo) politica.
   È questione, in definitiva, di un problema assai più attuale e dilaniante. La vera utopia di Cyrano, infatti, è quella della letteratura: non a caso egli definisce «eroe da romanzo» la creatura «mostruosa» che nascerà dalla fusione della sua anima - anima di poeta, che vive unicamente nella «trasgressione» del verso - con il bel corpo di Cristiano, l'innamorato di Rossana al quale lui presta la capacità del discorso alato e fantastico.
   In breve, siamo di fronte al dramma della condizione schizoide in cui si dibatte tanta parte dell'arte (e in specie, appunto, della letteratura) moderna: il dramma della scissione fra il segno, cioè il codice, e la realtà. Ciò che si traduce, quindi, nell'impossibilità, per l'intellettuale, di modificare quella realtà unicamente con lo strumento della comunicazione.
   Contro i suoi vecchi nemici (la Menzogna, il Compromesso, il Pregiudizio, la Viltà, la Stupidità) Cyrano, insomma, non ha che l'arma delle parole; e non può, di conseguenza, che abbandonarsi a un gioco disperato: proprio «l'insensato gioco di scrivere», per dirla ancora una volta con Blanchot.
   Ma Alessandro Preziosi - regista e protagonista dell'allestimento di «Cyrano de Bergerac» in scena al Bellini - dichiara che questa «non è la storia di un individuo esteticamente brutto: è lui che si sente così, una scusa per difendersi dal rifiuto». Eccolo servito, il povero Rostand. Salvo che non si capisce, poi, perché nella traduzione e nell'adattamento di Tommaso Mattei vengano mantenute, e lasciate assolutamente intatte, tutte le battute sul nasone del celebre spadaccino.
   Certo - nel quadro di uno spettacolo che ha, in sostanza, il tono e i ritmi del più classico sceneggiato televisivo - Preziosi, in quanto interprete, dimostra impegno e una notevole versatilità espressiva. Ma intorno a lui c'è pressoché il deserto. Un deserto strano, in cui Cristiano è interpretato (con la pronuncia che potete immaginare) da un attore danese e il duello di sortita di Cyrano si svolge sulle note di «'O sole mio».

                                      Enrico Fiore

(«Il Mattino», 19 aprile 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom