CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Un'illusione d'amore u...Il teatro di ricerca nel... »

Un Orlando tra il monello e la suffragetta

Post n°574 pubblicato il 25 Aprile 2012 da arieleO
 

«Orlando» di Virginia Woolf - adesso in scena al Diana, col titolo «La commedia di Orlando», nell'adattamento e per la regia di Emanuela Giordano - costituisce l'autoritratto che la scrittrice inglese realizzò guardandosi nello specchio rappresentato da Vita Sackville-West, il suo amore omosessuale. E non a caso, dunque, il personaggio protagonista del romanzo, per l'appunto Orlando, si risveglia da uno dei suoi ricorrenti letarghi trasformato in donna.
   Del resto, il sonno e la mutazione si riferiscono anche all'altro aspetto fondamentale del romanzo, ossia alla struttura e alla scrittura anfibologiche che lo connotano: l'eroe/eroina della Woolf - vivendo dalla fine del '500 all'11 ottobre 1928, data di pubblicazione del libro - riflette le stasi e le capitali trasformazioni sociali e letterarie occorse in Inghilterra durante quei tre secoli e mezzo.
   «Orlando», quindi, procede sul piano di una radicale e onnivora pulsione introspettiva: fino a rivelarsi come un'allegoria della metempsicosi, particolarmente popolare (vedi il «Viaggio dell'anima» di John Donne) nell'epoca elisabettiana. Senza contare la rivendicazione dei diritti delle donne letterate, d'altronde ribadita nel 1981 da «Quim-Quima», la riscrittura di quel romanzo ad opera della catalana Maria Aurèlia Capmany.
   Ma, come volevasi dimostrare, rispetto a tutto questo lo spettacolo proposto al Diana si riduce a un innocuo riassuntino narrativo, calato in una cornice formale a metà fra «Alice nel paese delle meraviglie» e «Le mille e una notte» con annesse pantomime clownesche e il corredo di qualche prevedibile (e datatissimo) pistolotto femminista.
   Dal canto suo, Isabella Ragonese, aggrappandosi alla buona volontà, tira fuori un Orlando che tiene, insieme, del monello bizzoso e della suffragetta svagata. E insomma, non è che gli spettatori ci si raccapezzino molto. In fondo la verità la dice proprio Orlando: «Ah! la trama è un vento che si perde...».

                                            Enrico Fiore

(«Il Mattino», 25 aprile 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom