CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« "Grease" e rock'n'roll...Macbeth nella selva dei mai nati »

Paravidino, la vita e la morte fra parentesi

Post n°637 pubblicato il 01 Dicembre 2012 da arieleO
 

«Per togliere alla morte la sua barbarie, ne feci il mio scopo; e feci della mia vita l'unico modo conosciuto di morire».
   Non so se il medico Mariapia Cristofolini conoscesse questa dichiarazione di Sartre. Ma certo la fece propria, mettendola in pratica, quando - ammalatasi di cancro - decise di scrivere il diario della sua agonia. E la prova lancinante di una simile appropriazione sta nello spettacolo, appunto «Il diario di Mariapia», che Fausto Paravidino presenta alla Galleria Toledo: perché Paravidino è il figlio di Mariapia e fu lui, materialmente, a scrivere quel diario ascoltando le parole della madre.
   Non a caso, infatti, il prologo chiama in causa la Elena e il buffone dello Shakespeare di «Tutto è bene quel che finisce bene». Poiché tenere un diario significa mettersi in scena, e la scrittura, il «gioco insensato» di Blanchot, significa a sua volta mettere fra parentesi la vita e, dunque, sia la malattia, che della vita costituisce una pausa, sia la morte, che ne costituisce il travestimento estremo.
   Non c'era che il teatro, allora, per parlare di quell'ultimo mese e mezzo di Mariapia e del diario che lo riassunse: il teatro che, per sua natura, è costretto a fingere la vita nel momento stesso in cui vive e di fatto muore della sua vita, giacché - per ripetere le parole di Michelstaedter nel ricordo delle pratiche sublimi di Carmelo Bene - «la sua vita è questa mancanza della sua vita».
   Di qui, nello spettacolo in questione, il moltiplicarsi dei ruoli affidati a due degli attori e la sfacciata esibizione degli elementi più vistosi del trucco, tipo i baffoni che a un certo punto s'appiccica Paravidino. E adesso, si capisce, passa in secondo piano la bravura dello stesso Paravidino e, accanto a lui, di Iris Fusetti e Monica Samassa. Conta che «Il diario di Mariapia» - nell'alternarsi, come nella vita, del dolore e dell'allegria (ah, la penna d'oca rossa usata per scrivere!) - somigli in tutto e per tutto all'«unicum» di Paravidino: una faccia d'angelo e un cuore di tenebra.

                                            Enrico Fiore

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom