CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Paravidino, la vita e la...Salemme, una farsa che d... »

Macbeth nella selva dei mai nati

Post n°638 pubblicato il 06 Dicembre 2012 da arieleO
 

Dico subito che quest'allestimento di «Macbeth» - diretto da Andrea De Rosa e presentato al Bellini dagli Stabili di Torino e del Veneto - conduce direttamente al cuore segreto del testo, ossia alle (spessissimo trascurate) implicazioni ontologiche del celeberrimo plot: la «breve candela» s'era già spenta, e molto, molto prima che glielo chiedesse il crudele usurpatore del trono di Scozia; anzi, per essere più precisi, non s'era mai accesa.
   Qui, infatti, tutto è - per l'appunto - già accaduto (nel senso che non poteva non accadere), e addirittura a partire dal concepimento: poiché il capolavoro shakespeariano in parola si configura come una metafora estrema della disgregazione e della degradazione inevitabilmente connesse al viaggio esistenziale; e i suoi personaggi, in altri termini, non sono che ignari fantaccini arruolati, come ricorda il Portiere, nell'esercito infinito di quanti (gli uomini senza eccezioni) percorrono «il fiorito sentiero» della vita solo per arrivare al «falò eterno».
   Sì, cominciamo a morire nel momento stesso in cui nasciamo. E di conseguenza, nello spettacolo di De Rosa dilagano feti morti, giusto l'inizio del viaggio esistenziale votato a finire nel nulla, e bambolotti, la forma (il sogno dell'innocenza) in cui ci s'illude di poter bloccare la trasformazione di quel viaggio nel processo di disgregazione e degradazione accennato.
   Le stesse «Fatidiche Sorelle» - le tre Streghe che, poi, sono evidentemente una riedizione delle Parche - si presentano come bambole, sedute sul divano del soggiorno di Macbeth e della sua Lady accanto all'abat-jour e alle bottiglie di liquore. E due, specialmente, sono le sequenze che icasticamente illustrano tutto questo. Nella prima, a Banquo che, come un disco rotto, insiste a ripetergli: «Il tempo incalza», corrisponde un Macbeth nevroticamente perso a sbaciucchiarsi un altro di quei bambolotti (giacché, qui, il tempo della storia viene schiacciato dal «temps intérieur»); e nella seconda, complementare, la spada di Macbeth rotea, invece che tra gli alberi della foresta di Birnam dietro cui si nascondono i soldati di Malcolm, Siward e Macduff, appunto in una selva di feti morti, che pendono dall'alto come sanguinanti stalattiti del Destino.
   Splendidi, infine, il Macbeth di Giuseppe Battiston e la Lady di Frédérique Loliée. E, fra gli altri, citerei almeno Paolo Mazzarelli (Banquo) e Gennaro Di Colandrea (Seyton). Insomma, uno spettacolo benedetto da un acume alla Ronconi e da una visionarietà alla Nekrosius.

                                         Enrico Fiore

(«Il Mattino», 6 dicembre 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom