CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« La gelosia di Molière a ...Frankenstein come un div... »

Furtwängler fra la musica e il nazismo

Post n°675 pubblicato il 16 Febbraio 2013 da arieleO
 

Dice Wilhelm Furtwängler: «Io credo che si debba lottare dall'interno e non dall'esterno». E precisa: «Io sono rimasto per dare conforto, per assicurarmi che la gloriosa tradizione musicale di cui mi considero fra i custodi rimanesse intatta, perché fosse intatta quando ci saremmo svegliati dopo l'incubo». Ma Steve Arnold gli obietta: «Eri come uno slogan pubblicitario per loro. Questo produciamo, il più grande direttore d'orchestra del mondo. E tu ci stavi. Magari non sarai stato membro del Partito, perché la verità è, Wilhelm, che non avevi bisogno di esserlo».
   Ecco, sono queste le battute-chiave de «La torre d'avorio», il testo di Ronald Harwood in scena al Diana. Si tratta, infatti, dell'interrogatorio a cui, nel 1946, il celebre musicista viene sottoposto da parte del maggiore dell'esercito americano incaricato dal tribunale della «denazificazione» di provare la sua presunta (tenuto conto che altri artisti e intellettuali tedeschi avevano preferito l'esilio) connivenza col regime di Hitler.
   In breve, Harwood si propone - giusta la domanda di un altro personaggio, Tamara Sachs: «Come potete trovare la verità?» - di lasciare che sia lo spettatore a decidere per chi schierarsi tra Furtwängler e Arnold. E per stimolare il pubblico a questa presa di posizione immagina l'ufficio in cui si svolge l'interrogatorio come un'«isola» (leggi: il ring della coscienza) circondata a vista dalle macerie (leggi: la storia) della Berlino rasa al suolo dalle bombe alleate.
   Invece Luca Zingaretti, che non a caso proviene soprattutto dalla televisione e dal cinema, punta sul realismo: sicché, in quanto regista, colloca quell'interrogatorio in un ufficio-ufficio, grigio e asettico come ogni ufficio e completamente chiuso all'«esterno» del mondo e della società; e in quanto attore, fa di Steve Arnold un militare che più militare non potrebb'essere, evidentemente nevrotico e letteralmente murato nelle proprie certezze e nei propri pregiudizi.
   A sua volta Massimo De Francovich, che non a caso proviene soprattutto dal teatro, punta sulla simbolicità: e dunque disegna di Furtwängler un ritratto giustamente e assai efficacemente tramato di accensioni passionali mischiate con allusioni, sottintesi e mezze verità.
   Fra gli altri, si distinguono Gianluigi Fogacci (Helmuth Rode), Peppino Mazzotta (il tenente Wills) e Caterina Gramaglia (Emmi Straube). Gran successo, a riprova che il processo sul palcoscenico (ricordate «La parola ai giurati» di Alessandro Gassman?) funziona sempre.

                                                 Enrico Fiore

(«Il Mattino», 16 febbraio 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

asc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacinefortunato.calvinopaolo.marinapasqualescialo
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom