CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Addio a Jérôme SavaryAnna Maria Ortese tra i ... »

Eduardo fra Pirandello e Duchamp

Post n°681 pubblicato il 07 Marzo 2013 da arieleO
 

Si conferma con «Requie a l'anema soja...» - dà il titolo allo spettacolo di Alfonso Santagata in scena al Nuovo e comprendente anche «Il cilindro» - che gli atti unici inscritti nella «Cantata dei giorni pari» costituiscono il vero e proprio laboratorio (insieme drammaturgico e linguistico) nel quale Eduardo sperimenta i contenuti e le forme di quelli che poi saranno i suoi testi maggiori.
   Basta considerare che la pantomima di Enrico, il commesso viaggiatore rimasto solo e terrorizzato nell'appartamento in cui poche ore prima è morto il suo padrone di casa, anticipa con ogni evidenza quella di Pasquale Lojacono all'inizio di «Questi fantasmi!». E non è un caso che - rispetto a «Requie a l'anema soja...», datato 1926 e ribattezzato nel '52 «I morti non fanno paura» - «Il cilindro», datato 1965, trasformi la morte, che lì risultava depotenziata e svilita da una vita assai più forte e crudele (è l'accoltellamento di un condomino che libera Enrico dalla paura del defunto), nell'artificio (la finta morte di Rodolfo, marito della finta prostituta Rita) inteso, con l'aiuto dell'intimidatorio cilindro da teatro di Agostino Muscariello, a gabbare i gonzi e, quindi, ad assicurare la sopravvivenza quotidiana.
   In breve, «Il cilindro» dimostra come, a distanza di trentanove anni dall'approccio del '26, Eduardo abbia ormai perfettamente appreso la lezione pirandelliana. E Santagata sottolinea tutto questo con invenzioni oltremodo pertinenti: a partire dall'ambiente astratto (è, giusto, l'astrattezza del teorema) in cui viene calata l'azione, con i personaggi e gli arredi che si stagliano nel vuoto e nel nero come i «ready-made» di Duchamp.
   Né da meno appare la prefica «en travesti» Virginia (ancora la maschera pirandelliana!) che fa da collegamento fra i due atti unici in questione. E molto bravi sono gl'interpreti: accanto allo stesso Santagata (Enrico e Agostino), un'eccellente Giovanna Giuliani (Amalia e Rita) e, via via, Massimiliano Poli (Rodolfo e Pietro Tuppo), Johnny Lodi (Virginia e Attilio), Rossana Gay (Carmela e Bettina) e Francesco Pennacchia (il portiere Nicola e i clienti di Rita). Insomma - in questa magrissima stagione - uno dei rari spettacoli da non perdere.

                                                Enrico Fiore

(«Il Mattino», 7 marzo 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacinefortunato.calvino
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom