CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Viviani, l'altra autobiografiaRomeo e Giulietta muoion... »

Se la finestra è lo schermo del computer

Post n°684 pubblicato il 16 Marzo 2013 da arieleO
 

Al posto della finestra lo schermo di un computer. Al posto degli occhi delle webcam. E di conseguenza, è ovvio, al posto del cortile il mondo. Sono queste le coordinate de «La finestra sul cortile», lo spettacolo di Claudio Di Palma che Vesuvioteatro presenta ancora oggi e domani al Nuovo. Ma restano al livello di puri e semplici enunciati, senza un adeguato sviluppo né sul piano drammaturgico né su quello tecnologico.
   Il testo è gravato da una letterarietà pretenziosa che si traduce in locuzioni che parlano, tanto per fare solo due esempi, di «occhi da angelo avvelenato» e di «fonte esuberante di vita». E l'apparato di segni di cui all'inizio si riduce, per suo conto, a qualche innocuo video che di tanto in tanto viene a paralizzare la già minima parvenza di azione. Proprio non ce lo ricordiamo che cosa era capace di fare con i video un certo Fabio Iaquone negli spettacoli di un certo Barberio Corsetti?
   Come se non bastasse, Di Palma dichiara d'essersi ispirato, oltre che al racconto di Cornell Woolrich che diede origine al film di Hitchcock, anche a quelli di Simenon. E vorrei sapere - dato che al riguardo occorre prendere in considerazione «I fantasmi del cappellaio» e, giusto, «Le finestre di fronte» - dove mai stanno, qui, la dipendenza l'uno dall'altro e la complicità che Simenon stabilì fra il piccolo sarto Kachoudas e il signor Labbé o il rapporto complementare fra chi spia e chi è spiato che s'instaura a Batum fra il console turco Adil bey e i suoi dirimpettai.
   Si poteva ricorrere, viste le premesse sciorinate dall'autore e regista, all'interazione virtuale della videochat. Ma lasciamo perdere, via. L'unico elemento rilevante dello spettacolo è la gran bella prova che, rispetto all'ininfluente investigatore di Andrea De Goyzueta, fornisce lo stesso Claudio Di Palma in quanto attore. Ma non è un po' poco?

                                       Enrico Fiore

(«Il Mattino», 16 marzo 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom