CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Tre tifosi del Napoli in...Le "voci" di Eduardo con... »

Dickinson, la poesia al posto della vita

Post n°687 pubblicato il 24 Marzo 2013 da arieleO
 

Lo dico subito. «L'angelo della casa», l'«Omaggio a Emily Dickinson» in scena nel Ridotto del Mercadante, è uno spettacolo importante, perché offre l'opportunità di ripensare a tre concetti-chiave dell'età moderna: la «soglia» (ovvero la dimensione del «transito» e dell'«instabilità»), la frattura tra le parole e le cose determinatasi a partire dal «Don Chisciotte» e il «gioco insensato» in cui, secondo la celebre definizione di Blanchot, consiste lo scrivere.
   Infatti, nel testo di Antonella Cilento, ovviamente tramato di poesie e brani di lettere della Dickinson, sono rintracciabili tutti i particolari decisivi (e radicalmente emblematici) che al riguardo risaltano nella sua vita: l'isolamento per circa trent'anni nella casa di Amherst, il colloquio con i rarissimi visitatori svolto solo attraverso lo spiraglio di una porta e il fatto che (tranne sette, per giunta apparsi anonimi) gli oltre 1700 componimenti della poetessa furono pubblicati quando lei era già morta da anni.
   In breve, per la Dickinson la poesia prese il posto della vita: e ne fanno fede - a prescindere dal rifiuto di pubblicare (giacché, s'intende, la vita non si commercia) - da un lato l'insistita creazione di parole nuove e dall'altro l'assenza quasi completa della punteggiatura (giacché, s'intende anche questo, la vita non conosce né i ricalchi né le pause).
   È a un simile quadro che possiamo riferire l'attenta regia di Giorgia Palombi. Basta considerare la porta montata su ruote (appunto la «soglia» e l'«instabilità») che vaga nello spazio scenico dall'inizio alla fine. E bravi sono gl'interpreti: la stessa Palombi, Susanna Poole, Giancarlo Cosentino e, specialmente, una straordinaria Giovanna Di Rauso/Dickinson, che rende palpabile, fatto carne e sangue, tutto l'umbratile mistero di quella che fu, per dirla con Michaud, «un'anima che fa violenza a se stessa».

                                           Enrico Fiore

(«Il Mattino», 23 marzo 2013) 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom