CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Romeo e Giulietta muoion...Dickinson, la poesia al ... »

Tre tifosi del Napoli in attesa di Godot

Post n°686 pubblicato il 17 Marzo 2013 da arieleO
 

Tre tifosi sfegatati - il nevrotico Aldo, il remissivo Sasą e il mammone Tonino - stanno davanti a un muro. Al di lą c'č lo stadio San Paolo, in cui il Napoli gioca una partita decisiva. I tre non possono entrare perché non hanno i biglietti. Forse li porterą Errico, lo zio di Sasą. Ma costui non arriva, e allora al terzetto non resta che seguire la partita attraverso le urla dei tifosi che sono all'interno dello stadio e per mezzo di una malandata radiolina.
   Questa, in breve, la situazione che si accampa ne «La nostra unica fede», lo spettacolo (č in scena ancora oggi nel Piccolo Bellini) che Marco Mario De Notaris ha tratto dal testo «Abide with me» dell'inglese Barrie Keeffe. E si capisce che di fronte a un copione del genere ci si puņ porre in due modi: o lo si utilizza per ricavarne solo un intrattenimento svagato a metą fra la farsa e il cabaret o se ne colgono ed esaltano i motivi profondi di natura metaforica.
   Per quanto riguarda la seconda scelta, erano a disposizione sul versante del plot il richiamo evidente ad «Aspettando Godot» («Abide with me» significa, infatti, «aspetta con me») e soprattutto, sul piano concettuale, l'acuta osservazione coniata da Musil ne «I turbamenti del giovane Törless»: «[...] tra la vita che si vive e la vita che si sente, che s'intuisce, che si vede di lontano, č una frontiera invisibile; la porta stretta in cui le immagini degli avvenimenti debbono infilarsi, per passare nell'uomo».
   Ma, inutile dirlo, il regista Simone Petrella ha optato per la prima ipotesi, ricavando dal testo specialmente le occasioni per qualche risata a buon mercato e lasciando che siano gli spettatori pił perspicaci e volonterosi a cercarsi una lettura meno evasiva. E non rimane, dunque, che prendere atto della discreta prova fornita dai tre interpreti in campo: lo stesso De Notaris (Sasą), Giampiero Schiano (Aldo) e Tonino Taiuti (Tonino).
   Eppure, ripeto, gli spunti per camminare in un'altra direzione non mancavano. A cominciare dalla pensosa battuta che a un certo punto Tonino rivolge a Sasą: «Io voglio fare qualcosa di buono».

                                                Enrico Fiore

(«Il Mattino», 17 marzo 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

asc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me č stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom