CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Il varietà di Viviani fo...Addio a Rossella Falk »

El Salvador tra la notte e l'alba

Post n°703 pubblicato il 05 Maggio 2013 da arieleO
 

«Sono stato io colui che gridò "libertà, libertà" mentre suonava a distesa la campana, colui che ha celebrato come nessun altro il nostro gol nel mondiale di Spagna e lo stesso che ha difeso la morte e massacrava».
   È questa, senza dubbio, la battuta-chiave de «La Audiencia de los Confines», il testo della salvadoregna Jorgelina Cerritos in scena ancora oggi al Mercadante nell'ambito della Biennale internazionale di drammaturgia femminile: perché sottolinea il groviglio inestricabile di ambivalenza e ambiguità, rivolta e acquiescenza, coraggio ed evasione, denuncia e reticenza qui individuato come connotato fondamentale di una vicenda, appunto quella di El Salvador, sospesa tra le catastrofi delle eruzioni e le stragi della guerra civile.
   Ne discutono, in una dimensione a sua volta sospesa tra la farsa e il pamphlet, tre personaggi - Carola, Alonso e Mauro, che incarnano, rispettivamente, la Verità, la Storia e la Memoria - prigionieri di una notte metaforica e in attesa di un'altrettanto metaforica alba. E il pregio non comune del testo della Cerritos sta nell'assunzione di quello ch'è il tratto comune a tutta la letteratura latinoamericana, la continua escursione del realismo nei territori del sogno e della favola.
   A questa dimensione, del resto, si riferisce anche l'attenta e creativa regia di Alina Narciso: vedi, tanto per fare un esempio, il cibo che nel testo Mauro nasconde sotto una coperta e che nello spettacolo diventa l'oggetto di un pranzo elegante, addirittura segnato da tovaglie preziose e calici. E molto bravi sono i tre interpreti cubani Mayra Mazorra (Carola), Walfrido Serrano (Alonso) e Kelvis Sorita (Mauro), adeguatamente assistiti dal sax di Valerio Virzo, dal contrabbasso di Corrado Cirillo e dalla voce di Maria Carmela Lubrano.
   Uno spettacolo da non perdere, insomma: la scrittura di una donna che parla senza esibirsi e senza divagare.

                                                         Enrico Fiore

(«Il Mattino», 5 maggio 2013)

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

asc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacinefortunato.calvinopaolo.marinapasqualescialo
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom