CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Bruce Springsteen e il r...I linguaggi del Napoli T... »

Franca Rame, il teatro come impegno

Post n°710 pubblicato il 30 Maggio 2013 da arieleO
 

Una «mamma fricchettona» denunciata per abbandono del tetto coniugale dal marito, che si preoccupa soltanto delle avventure di Heidi in tivvù, e dal figlio, un ingrato «estremista». Una casalinga chiusa a chiave dal consorte e, nella prigione stessa, assediata contemporaneamente dal cognato paralitico ma voglioso, da un «porcone» telefonico e da un dirimpettaio guardone. Una donna che resta incinta per colpa del compagno egoista e finisce preda dei medici «obiettori» e del «cucchiaio d'oro» di turno. E infine una novella Medea, che, rispetto a quella di Euripide, uccide i figli per liberarsi dal «basto di legno duro» messo dalla società al collo della donna «per meglio poterla mungere e meglio poterla montare».
   Ricordate? Sono le protagoniste di «Tutta casa, letto e chiesa», e incarnano, al meglio, le diverse facce della complessa personalità d'autrice e attrice di Franca Rame, spentasi ieri, a 84 anni, nella sua casa milanese di Porta Romana, dove già, il 19 aprile dell'anno scorso, l'aveva colta un ictus.
   Nata a Parabiago nel '29, Franca Rame ebbe che fare col teatro fin da bambina, quando - insieme con la compagnia capeggiata da suo padre Domenico - girò in lungo e in largo per le piazze e i palcoscenici di fortuna della Lombardia e del Piemonte. Poi, nel '50, lasciò quelle pratiche da Commedia dell'Arte per diventare attrice di prosa e di rivista. E brava e bellissima com'era, già dall'anno successivo si segnalò fra le migliori soubrette dell'epoca: prendendo parte con Tino Scotti a «Ghe pensi mi» di Marcello Marchesi, del quale, nelle due stagioni seguenti, interpretò anche «I fanatici» e «Papaveri e papere».
   La svolta, e svolta radicalissima, nel '54: sposa Dario Fo, dandogli l'anno dopo il figlio Jacopo. E da quel momento, diventa, nel vero senso della parola, l'altra metà dell'anima e del cervello di Dario, scrivendo insieme con lui non pochi testi e affiancandolo da coprotagonista in quasi tutti i suoi spettacoli. Il primo frutto della svolta in questione venne nel '62, quando - dopo aver portato al successo i paradossi brillanti di commedie quali «Chi ruba un piede è fortunato in amore» e «Isabella, tre caravelle e un cacciaballe» - la coppia abbandona «Canzonissima» per protestare contro la censura imposta alle sue scenette politiche.
   Per Franca Rame cominciò, così, l'impegno militante, addirittura a sinistra del Pci. E usciti pure dal circuito dell'Eti, lei e Dario Fo fondarono prima il collettivo teatrale «Nuova Scena» e poi «La Comune», il gruppo con cui percorsero da cima a fondo l'Italia rappresentando, nelle fabbriche e nelle scuole occupate, spettacoli di satira e controinformazione politica come, tanto per citare solo due titoli, «Morte accidentale di un anarchico» e «Non si paga!».
   Invece lo pagò, Franca, quel suo impegno, e sul proprio corpo: nel '73 dei teppisti di destra, per punirla dell'attività svolta nelle carceri con «Soccorso Rosso», la sequestrarono, la violentarono, la tagliarono con una lametta e la bruciarono con le sigarette prima di abbandonarla senza sensi in un parco. Ne nacque, due anni dopo, il lancinante monologo «Lo stupro»: «Il sangue mi cola dalle guance alle orecchie. È il turno del terzo. È orribile sentirti godere dentro delle bestie schifose».
   Ma Franca Rame non si fermò, il suo impegno politico continuò sul filo di una coerenza e di un'intransigenza esemplari. Nel 2006 venne eletta senatrice con l'Italia dei Valori, e appena diciannove mesi dopo abbandonò Palazzo Madama prendendo in prestito, nella lettera di dimissioni, le parole del suo amico Leonardo Sciascia: «Non ho, lo riconosco, il dono dell'opportunità e della prudenza, ma si è come si è». E quella coerenza e quell'intransigenza, del resto, non l'abbandonarono mai - com'è ovvio - anche sul palcoscenico.
   Tra il '69 e il '71 interpretò, e stavolta senza Fo, spettacoli memorabili come «L'operaio conosce 300 parole, il padrone 1000, per questo lui è il padrone», «Legami pure, tanto spacco tutto lo stesso» e «Tutti uniti! Tutti insieme! Ma scusa, quello non è il padrone?». E ne «L'anomalo bicefalo» suo e di Dario, l'ultimo allestimento con cui venne a Napoli, nel 2004 si calò, sul palcoscenico del Bellini, nei panni di un'improbabile attrice, fanatica sostenitrice di Forza Italia, che a un certo punto diventava Veronica Lario, la moglie del Berlusca.
   Un lungo applauso, con i deputati tutti in piedi, ha salutato Franca Rame alla Camera, e un minuto di silenzio le ha tributato il Senato. Io la rivedo mentre - un anno dopo la fine tragica di Giuseppe Pinelli, in una Milano blindata - al termine della rappresentazione di «Morte accidentale di un anarchico» levava in alto il pugno chiuso cantando «L'Internazionale».

                                                  Enrico Fiore

(«Il Mattino», 30 maggio 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom