CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Un brindisi per il SancarluccioUna "Bisbetica" anni Venti »

Se Brook riduce Beckett a prova di lettura

Post n°713 pubblicato il 08 Giugno 2013 da arieleO
 

In un cilindro di cinquanta metri di circonferenza e sedici di altezza errano senza posa duecento «corpi» dei due sessi e di ogni età (raramente Beckett li definisce come esseri umani) che, mediante delle vecchie scale a pioli, cercano di raggiungere le nicchie aperte nella metà superiore della parete circolare. Ma, spesso, quelle scale non servono, perché i «corpi» in questione ne staccano i pioli e li usano per colpirsi fra loro.
   Questa, in breve, la situazione che si dispiega ne «Lo spopolatore», il «racconto» - in effetti si tratta di un gelido saggio filosofico sulla nostra condizione esistenziale - che Peter Brook mette in scena al Sannazaro, in «prima» mondiale, nell'ambito del Napoli Teatro Festival Italia. E di quel testo, scritto fra il 1965 e il 1970, sono possibili due letture, riferite l'una alla superficie narrativa e l'altra alla profondità concettuale.
   La prima prende in considerazione l'evidente rimando al Purgatorio dantesco o assume il cilindro come una metafora del ventre materno, la seconda chiama in causa la frattura cartesiana tra il corpo e la coscienza di sé oltre che quella cervantina tra le cose e le parole. E s'intende, è questa seconda lettura che rivela la straordinaria modernità del testo di Beckett.
   Infatti, l'interpretazione più vicina alla nostra attuale condizione psicologica, sociale e culturale mi sembra quella che s'incarna nel seguente passo relativo ai «corpi» qui in campo: «Non conoscono la fraternità più di quanto la conoscano le farfalle. E ciò non tanto perché difettino di cuore o di intelligenza quanto perché sono tutti prigionieri del loro ideale».
   Eccolo - trasmesso con la precisione e l'impassibilità di un chirurgo - il messaggio di Beckett: è l'ideologia totalizzante la vera prigione che ci separa dal mondo e dalla vita. Non a caso, nel 1976, e con l'approvazione dell'autore, il gruppo d'avanguardia newyorkese Mabou Mines realizzò un adattamento teatrale de «Lo spopolatore» in cui il pubblico sedeva in uno spazio cilindrico dal quale poteva osservare un cilindro in miniatura perfettamente uguale a quello descritto da Beckett. Si sottolineava, così, la tautologia autoreferenziale che informa il testo, quella mutuata dalla «deiezione nell'esserci» di Heidegger.
   Dal canto suo, Brook riduce tutto all'osso: in scena ci sono solo tre scale, due pioli e lo sgabello destinato alle soste di un'attrice, Miriam Goldschmidt, che legge alla men peggio il copione e condisce quell'incolore lettura con brevi camminate barcollanti e scarni gesti mimetici. E forse la consistenza minima dell'allestimento traduce un'epifania del pessimismo, dichiarato dal regista inglese in contrasto con la propria, e fondatissima, opinione che «non c'è niente di più positivo delle opere di Beckett». Ancora non a caso, del resto, Brook preferisce, riguardo a Dante, scorgere nel cilindro di Beckett un'immagine dell'Inferno.
   Ma la tensione verso l'ascesa è, per l'appunto, delle anime purganti, non può essere di quelle dannate in eterno. E insomma, dopo un mese della cosiddetta «residenza artistica» spesa da Brook a Napoli, avevamo ogni diritto di vedere non una prova di lettura, ma uno spettacolo vero, e degno sia della statura di Beckett, sia della complessità del suo testo, sia della storia prestigiosa del regista.

                                                Enrico Fiore

(«Il Mattino», 8 giugno 2013)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Controscena/trackback.php?msg=12137313

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
floriana il 09/06/13 alle 22:22 via WEB
..premesso di riconoscere pienamente il senso di contraddizione tra le parole spese da Brook per presentare il lavoro e la sensazione di pessimismo avvilente che soffoca lo spettatore per un'ora di spettacolo, Le chiedo, ma a Lei questo sembra un lavoro "compiuto", che Brook presenterebbe tal quale in una stagione ordinaria? io non ci credo, e incomincio a nutrire seri dubbi su questa formula del NTF...dell'ascesa verso la vetta della piramide di cui Brook ripetutamente dice a me pare di aver percorso solo il primo gradino!
 
 
arieleO
arieleO il 10/06/13 alle 10:24 via WEB
Gentile Floriana, sono perfettamente d'accordo con Lei; e, del resto, mi pare di averlo già anticipato in sede di recensione. Qui posso aggiungere che Brook (o, più esattamente, chi lo gestisce, vendendone in giro il nome e la fama) ha rifilato ai napoletani una bella presa per i fondelli. Ci pensino, i responsabili del Napoli Teatro Festival Italia, e stiano più attenti, per l'avvenire, a non strombazzare ai quattro venti (complici i giornali) mirabolanti spettacoli che poi, come in questo caso, si rivelano inesistenti. Enrico Fiore
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ficone1400leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.ricco
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom