Creato da digrumando il 11/03/2015
blog

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

leon29giugnobisturi44ignaziobadalimargherita.citolubopoba.vi60paperinopa_1974digrumandooro.giallodesireeandersonDJ_Ponhzianimalacerata0606margotfleurSky_Eagle
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Il Cardinale bestemmiatore

Post n°211 pubblicato il 02 Aprile 2016 da digrumando

Il cardinale Bertone, indagato dal procuratore del Vaticano per il suo schifosissimo e costosissimo attico  di 296 metri quadrati dall'incalcolabile valore, ha dichiarato che si sente "inchiodato alla Croce".

Non è la prima volta che, per certa gente, mi piacerebbe che ci fosse l'Isis anche in Italia.
Perchè ci penserebbe l'Isis a inchiodarlo veramente, e non metaforicamente, ad una croce.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Alberto Negri

Post n°210 pubblicato il 31 Marzo 2016 da digrumando

Glioccidentali sembrano specialisti nell’arte della guerra stupida.C’è da augurarsi di essere smentiti ma qualche domanda, mentre siprepara l’offensiva su Raqqa, capitale del Califfato e direzionestrategica del terrorismo, bisogna farsela. Cosa sarebbe accaduto sePutin non fosse intervenuto a fianco di Assad? Forse oggi nonparleremmo della liberazione di Palmira, uno degli scoop militari emediatici meglio riusciti a Mosca.

Ecosa sarebbe successo se nel settembre 2013 Stati Uniti eFranciaavessero “punito” Damasco? Bashar Assad stava per fare la fine diGheddafi e il califfo al-Baghdadi avrebbe fatto colazione sullerovine di Aleppo e Damasco. Noi occidentali eravamo saldamentedall’altra parte sostenendo un’improbabile opposizione“moderata”: Francia e Stati Uniti in realtà avevano dato vialibera alla Turchia per aprire l’autostrada del Jihad e faraffluire migliaia di combattenti destinati ad abbattere il regimealauita, alleato dell’Iran e inviso ai sunniti.

Comeè andata è sotto gli occhi di tutti: i jihadisti hanno ingrossatole file dell’Isis e di Jabat al Nusra e si vendicano con i kamikazenelle nostre strade per avere perso la guerra. E ora si aspettano disuscitare reazioni guidate dalla paura non dalla razionalità.

Primadi un’altra guerra al terrorismo l’Occidente dovrà sciogliere lesue contraddizioni altrimenti ne resterà avviluppato. Gli StatiUniti e la coalizione dei “volenterosi”, alcuni dei qualisostenitori di ideologie vicine ai jihadisti, hanno dichiarato guerraall’Isis nel 2014 ottenendo qualche modesto successo in Iraq dovel’offensiva contro Mosul, annunciata da un anno, non si è ancoravista perché l’esercito di Baghdad è costituito soprattutto damilizie sciite. Non solo. Gli occidentali si sono entusiasmati per laresistenza di Kobane ma non dicono una parola sulla Turchia, lalegittimano come un interlocutore privilegiato per tenersi i profughisiriani e i veti di Ankara tengono fuori i curdi siriani dainegoziati di Ginevra. Non c’è da meravigliarsi se Erdogansbeffeggia i diplomatici europei presenti al processo contro igiornalisti di Chumurryet.

Damascoe la Russia hanno dei piani, gli Usa non hanno idea di come“liberare” Mosul che nel 2014 hanno visto occupare dal Califfatosenza fare una piega perché pensavano che ricompensasse i sunnitidella caduta di Saddam. Non si può fare una guerra senza unapolitica. Lo ha detto lo stesso Obama, quando era ancora senatoredell’Illinois: «Non sono contro le guerre ma contro la guerraimbecille, fondata non sulla ragione ma sulla collera».

Mal’Occidente si prepara ad altre guerre insensate. La Libia pone lestesse domande della Siria: interverremo come nel 2011 lasciandocialle spalle un caos irrimediabile? Oppure ingaggeremo un conflitto“cosmetico” per nascondere la sconfitta della Siria dove hannoperso tutti coloro che volevano abbattere Assad: turchi, sauditi,americani, francesi e un corteo di medie potenze, dal Qatar agliEmirati, il cui titolo di merito è investire a casa nostra e fare leguerre in casa d’altri per tenerle lontane da loro. Tra l’altroRiad deve anche occultare il disastro dello Yemen, un Vietnam arabodove ha creato un caos inestricabile. La strategia occidentale basatasui bombardamenti e manovrando i combattenti locali non solo èfallita in Siria, Iraq e Afghanistan ma con il terrorismo è tornataindietro come un boomerang: un’altra guerra inutile sarebbeimperdonabile.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'Italia a Palmyra !

Post n°209 pubblicato il 29 Marzo 2016 da digrumando

Che aspettiamo a mandare i nostri archeologi a Palmyra, a riparare i danni ?

Siamo i più bravi al mondo, che Renzi e Franceschini si diano una mossa.
Da Larderello in Nevada, da Roma e Firenze a Palmyra ! 
Oggi mi sento nazionalista.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Da Larderello in Nevada

Post n°208 pubblicato il 29 Marzo 2016 da digrumando

Fantastico !

Fantastico !
Fantastico !

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

C'è terrorismo e terrorismo.

Post n°206 pubblicato il 28 Marzo 2016 da digrumando

Quos Deus perdere vult dementat prius.

La saggia massima latina, saggia e bellissima, come quasi tutte le frasi latine.

Ma come sono belle, le frasi latine; bellissime e sagge; forse c'è una relazione, tra saggezza e bellezza, e si influenzano a vicenda.

E se non puoi sconfiggere il nemico, fallo impazzire; e si distruggerà da solo; anche questo rientra nel concetto.

Una volta la figura del terrorista aveva un suo fascino; lui, da solo, contro tutti, contro un'intera società, contro un impero , contro un mondo basato sull'ingiustizia; e poi, magari, dal suo gesto derivava una guerra mondiale, ma pazienza!

Non erano solo scemotti quelli che, come me, avevano una istintiva simpatia per il terrorista.

A parte che le Twin Towers furono veramente un capolavoro; la tragedia dei singoli, che si buttavano nel vuoto per non bruciare vivi, non può nascondere il fascino di un avvenimento che andava al di là di qualsiasi spettacolo mai immaginato; mai nulla, creato dall'uomo, fu grandioso come l'attentato delle Twin Towers.

Epperò, come dicevo, non ero solo io scemotto a pensarla così. Una bella figura di intellettuale ebrea, come Susan Sontag, ebbe il coraggio in quei giorni di criticare la solita tiritera del "vile attentato", facendo presente che il termine "vile" proprio non si adattava a chi nella sua impresa sapeva già di dover morire; e aggiungeva che vili erano invece i piloti dei bombardieri che, da migliaia di metri, buttavano gù tonnellate di bombe ammazzando senza alcun rischio, giorno dopo giorno.

Ma "quos Deus perdere vult dementat prius" e il perfido imperialismo ha trovato una sua originale strada per battere il terrorismo, per ora soltanto qualitativamente, poi si vedrà.

L'intelligentissimo e perfido imperialismo, utilizzando quel cretinotto di Bush, ha cominciato a bombardare l'Iraq, a tappeto, fino a distruggere l'intera società e il tessuto connettivo che la sorreggeva; e il terrorismo ha cominciato a impazzire, l'intero Iraq è diventato teatro di innumerevoli stragi terroriste, tutti i giorni a tutte le ore, dove centinaia di terroristi impazziti si facevano scoppiare ammazzando tutti, ma sopratutto ammazzando gli abitanti stessi dell'Iraq, i sunniti gli sciiti, gli sciiti i sunniti, in una folle c arneficina senza senso.

Soltanto in un paio di racconti di fantascienza, e poi nei film sugli zombi, ricordo di aver trovato situazioni del genere: mostri assetati di sangue che si aggirano per le strade massacrando chiunque incontrassero.

Il terrorista "coraggioso" di Susan Sontag, e comunque il terrorista incontrato nei libri di storia, non aveva più niente a che fare con la macelleria terrorista a getto continuo.

E la situazione è rimasta tale. L'Isis è composta tutta da terroristi, e oltretutto sarebbero tutti coraggiosissimi, ma chi può ormai guardare al "coraggio" di gente che in primo luogo è pazza, o rincretinita, o molto spesso drogata dall'ormai famoso captagone.

Anche il terrorismo, tra le vittime del consumismo ?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »