Creato da ecoeconomia il 15/10/2008
Idee per una crescita sostenibile

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 
 

 

« L'inflazione sull'Olim...L'Italia è finita »

La bufala dell'inflazione. Italia: due alternative per non andare verso il default

Post n°91 pubblicato il 27 Settembre 2020 da ecoeconomia
 
Foto di ecoeconomia

Per una nazione come l'Italia cui le stime sul PIL attribuiscono un calo annuale tra il 9 ed il 13% è il tempo delle scelte anche drastiche per evitare il default.

Il default programmato invocato da qualcuno è un'opzione in stile argentino che non vogliamo prendere in considerazione.

Partiamo dal presupposto che un nuovo lock-down, anche parziale o a macchia di leopardo come ipotizzato a palazzo Chigi sarebbe foriero della cosiddetta "botta finale" per la nostra economia già asfittica sotto il dominio euro-teutonico.

Scartiamo anche l’alternativa tecnocratica che vede primeggiare scelte che poco hanno a che vedere con una emergenza sanitaria come la strutturazione della rete 5G come se questo fosse il vero problema del paese e senza contare tutti i dubbi e le perplessità che aleggiano su questa tecnologia su cui nemmeno il senatore Kennedy al parlamento americano è riuscito ad ottenere risposte adeguate.

Quindi che fare?

Una prima alternativa è quella di seguire il modello svedese e in ogni caso riaprire tutto prendendosi gli eventuali rischi sanitari.

Si scrive eventuali perché molti medici qualificati sostengono che il virus si è depotenziato e nel suo continuo modificarsi ora è meno pericoloso.

In questo caso è chiaro che sarebbe necessario fare grossi investimenti preventivi in ambito sanitario sia come medicina di base del territorio da potenziare e qualificare in campo epidemiologico sia come strutture ospedaliere.

Strutture chiuse in anni recenti da riaprire e dedicare specificamente alle malattie infettive.

D'altronde il denaro che sulla carta per ora l'Unione europea ha deciso di prestarci dovrebbe principalmente essere destinato alla sanità, per cui questa sarebbe un'opzione piuttosto logica anche per evitare, come speso accaduto in passato, che l'Italia non sia riuscita a spendere le somme destinatele dall'Europa.

Pare però che non sia questa la via che chi ci Governa vuole percorrere.

L'ipotesi di stampare moneta come ha ammesso candidamente Powell Capo della FED americana e come fanno Cina, Gran Bretagna e tante altre nazioni pare ormai l'unica soluzione.

Altrettanto certo è che l'Unione Europea su questo punto non ci sente. Trincerata dietro l'inesistente assillo di rischi inflazionistici (che poi smentiremo rapidamente) Christine Lagarde si sbarazza senza remore di ogni politica economica alternativa a quella della creazione di nuovo debito e della relativa schiavizzazione progressiva delle nazioni e dei poli sempre più indebitati.

Ma stampare moneta è davvero così pericoloso?

Si dice che aumentando la massa monetaria in circolazione scatta automaticamente l'inflazione...ma cos'è l’inflazione in una formula?

M*V=P*Q

M Massa monetaria
V Velocità degli scambi
P Livello medio dei prezzi
Q Quantità di beni e servizi prodotti e disponibili

Ebbene anche un'idiota può capire che se una nazione immette nuova moneta nella misura esatta dei redditi (ufficialmente dichiarati) venuti a mancare non si genera assolutamente inflazione e nel contempo si evita la disperazione di famiglie e imprenditori che in questo contesto non riescono più a produrre il reddito precedente.

Unica fondamentale avvertenza per evitare che i prezzi salgano è mantenere invariata l'offerta di beni e servizi in modo da evitare che un livello di Q carente automaticamente trascini verso l'alto anche P visto che M rimarrebbe costante e così pure V.

Ma abbiamo già visto in questi mesi che, con opportuni presidi e un minimo di controllo sui prezzi, mantenere i livelli di produzione costanti e prezzi calmierati è assolutamente possibile.

Quindi questo incubo dell’inflazione che serve a giustificare strategie economiche astratte rispetto alle necessità della popolazione è una BUFALA COLOSSALE che ci raccontano per tenere le popolazioni sottomesse.

La cosa triste di questi tempi è che spesso anche giovani neo-laureati che dovrebbero avere la mente aperta e avere chiaro che dopo la scorrelazione della moneta dall’oro si è entrati in una fase dinamica e in continuo mutamento nella creazione del denaro,  replicano a papera le dottrine di docenti imbevuti se non rivestiti da anni da ragnatele cattedratiche: Quando non direttamente al servizio delle lobby che di queste politiche si nutrono.

E' ora di svegliarsi!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog