Creato da Elisabeta_B il 05/01/2011

le labbra del tempo

attimi di emozioni che la parola coglie

 

 

elisabeta109: aspra ho deciso

Post n°114 pubblicato il 09 Gennaio 2013 da Elisabeta_B
 

dolore, solitudine,

 

Aspra ho deciso, dentro il mio deserto
nessuno può  convivermi
mi attendono
torture meditate
affannati respiri
di  claustrale solitudine
tra mura di implacabili
malie.
E le mie ore, le sorelle mie ore
in processione sciupano preghiere
dentro il giallo chiostro di sole
riservato
senza fiato di vento
nel convento che invento
alle mie sere.

 
 
 

Elisabeta 108: Il trionfo della morte

Post n°113 pubblicato il 23 Novembre 2012 da Elisabeta_B
 

trionfo della morte

 

Nell'improvviso spegnersi del sole
in caligini oscure
il gelo ci sorprenderà
rubandoci la vita
e tutto intorno a noi
sarà rovine e pianti
-Madre sei arrivata
nel tuo risveglio
la giusta nostra punizione-
Abbiamo avvelenato i pozzi
scambiando l'acqua con il danaro
abbiamo ucciso i fratelli
lasciandoli alla loro fame
abbiamo mentito sempre
facendo della nostra anima
un deserto.
Ora sei arrivata tu
ed è il giusto trionfo
della morte.

 
 
 

Elisabeta 107: il silenzio delle carezze

Post n°112 pubblicato il 08 Novembre 2012 da Elisabeta_B
 

silenzio

 

Rimbomba il silenzio
negli attimi stanchi del
mio taciturno giorno.
Ascolto la voce di un amore
che nasce,
che mi  inventa un futuro,
creando asimmetriche circonferenze
sulla carta spiegazzata
della mia vita.
Dovrei farla tacere.
Ma è il rumore ossessivo
delle tue carezze
a essermi  canto di sirene.

 
 
 

Elisabeta 106: mi piace Federico Bebber

Post n°111 pubblicato il 22 Ottobre 2012 da Elisabeta_B
 

federico bebber

 

Mi piacciono le creazioni  di Federico Bebber, mi piace quel dolore
scomposto e senza pace
che urla tra nebbie, orridi ghigni, gesti febbrili.
Sono affascinata dai suoi occhi dalle pupille nere assenti, vuote,
dove si riflette l'orrore senza fine di un'anima perduta,
dai capelli di donne trascinate via dall'acqua  di pozzi senza fondo,
capelli che si fanno intrichi di rami di foreste sommerse,
da mani allungate ad artiglio che cercano di afferrare
una qualche salvezza.
Mi piace Federico Bebber

 
 
 

Elisabeta 104: il volo delle parole

Post n°109 pubblicato il 23 Settembre 2012 da Elisabeta_B
 

parole

 

Le parole  cantano, volano,amano 
hanno il potere di mille tempeste
e l'astuzia di cento volpi
ti fanno innamorare le parole
come  vento di carezze appassionate
come l'odore di giunchiglie a primavera.
Le parole sono armi pronte a ferire
si può morire per una preghiera o un insulto
fioriti sulle labbra di un amante.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

oppelamajellawoodenshipAMMICIZZIA2BlueSteeleimperatoreghiaccioTopoCangurokevinlevinmariomancino.mimagomentiscrizigdolceladyyy5anima_on_linealice3161MAN_FLYdolcesettembre.1
 

ULTIMI COMMENTI

senza speranza ma bella.
Inviato da: giampi1966
il 01/04/2014 alle 17:53
 
tra canti e gioie ... felice giorno a te Ely. (clik)
Inviato da: LUNA.ROSSA40
il 11/03/2014 alle 03:35
 
canti di vita ... felice giorno a te Ely. (clik)
Inviato da: LUNA.ROSSA40
il 10/03/2014 alle 02:51
 
felice domenica a te Ely. (clik)
Inviato da: LUNA.ROSSA40
il 09/03/2014 alle 02:52
 
felice fine settimana Ely ... con i principi del 8 marzo...
Inviato da: LUNA.ROSSA40
il 08/03/2014 alle 03:06
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom