FOTOMAGAZINE

Emozioni, istanti catturati in una foto...ed il ricordo sarà per sempre!!

 

CI SONO STATO/A ANCH'IO!

VUOI PUBBLICARE FOTO?

Saremmo felici di poter pubblicare le foto dei tuoi pellegrinaggi, viaggi. Contattaci e invia il tuo materiale!

 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

 

« Festa della mamma: omagg...Atto di affidamento a San Pio »

Uno dei pi¨ grandi arcani dell'antichitÓ ......

Post n°45 pubblicato il 13 Maggio 2013 da fotomagazine

 

 

La tradizione ebraica narra che il popolo ebraico guidato da Mosè scappò via dall'Egitto inseguito dall'esercito egiziano attraverso il deserto del Sinai. Qui, Mosé ebbe da Dio le Tavole della Legge e per custodirle fu chiesto da Dio stesso di costruire un tabernacolo, l'Arca dell'Alleanza: un oggetto ritenuto tra i più sacri della tradizione religiosa ebraica, che oltre a fungere da reliquiario permetteva a Mosè di parlare con Dio.

Questo oggetto, come viene descritto ancora nell'Esodo, era una sorta di "scrigno" lungo 125 cm e alto 75, in legno di acacia e completamente rivestito d'oro sia all'interno che all'esterno.

Al di sopra vi era un coperchio anch'esso dorato sormontato da due "cherubini" alati in oro, con le ali aperte e rivolti l'uno di fronte all'altro.

La Bibbia narra che tra le ali dei due cherubini, Mosè riusciva a "vedere" Dio, descritto da lui come una sorta di bagliore luminoso o scarica luminosa.
All'interno della cassa erano state depositate la Verga di Aronne, le Tavole della Legge (spezzate però da Mosé in un gesto d'ira alla vista del Vitello d'Oro) e un vaso contenente la Manna che nutrì gli Ebrei nel deserto.
Durante l'Esodo Mosè affidò allo stesso Aronne e ai suoi figli la custodia dell'Arca quando questa veniva collocata nel Tempio Tenda durante le soste, ed impose al popolo di non avvicinarsi e di non toccare assolutamente quell'oggetto, tanto che nel viaggio veniva trasportata dai Leviti inserendo due pali in legno nei quattro anelli che erano sui lati della cassa, coperta da un velo.
Solo al profeta era permesso vederla ma solo in particolari momenti, "quando Dio compariva tra i due cherubini".
Si narra che ad un certo punto, durante il trasporto, l'Arca vacillò e per evitare che cadesse, un uomo di nome Oza cercò di tenerla per evitare che si rovesciasse, ma non appena egli la toccò morì folgorato da una potente scarica.
Lo stesso accadde poi ai figli di Aronne. Ad essa si attribuì anche la distruzione della città di Gerico.
Nel Libro di Giosuè, infatti, è scritto che le armate di Israele girarono per sette giorni attorno alle mura della città con l'Arca, guidati da sette sacerdoti, "…e al settimo giorno suonate le trombe le mura crollarono…".
Dopo l'insediamento nella Terra Promessa del popolo d'Israele, lo scrigno fu custodito all'interno del Sancta Sanctorum nel Tempio di Gerusalemme dove non era permesso a nessuno di entrarvi.
Essa è stata conservata in diversi luoghi finché il Re Davide non l'ha collocata nella Rocca di Gerusalemme.

Ma è Salomone, figlio e successore di Davide, a far sistemare l'Arca nel Tempio di Gerusalemme da lui stesso fatto costruire. Questa narrazione s'intreccia poi con eventi storici e altre tradizioni religiose e nazionali. Di fatto l'Arca dell'Alleanza scompare nel 586 a.C. con la conquista di Gerusalemme da parte dei Babilonesi e la conseguente distruzione del tempio di Gerusalemme.

Tuttavia della sua effettiva rovina non c'è testimonianza scritta; da allora l'Arca diventa simbolo eternamente cercato dagli uomini e rintracciato in varie parti del mondo, dall'Africa al Medio Oriente. La tradizione etiope colloca l'Arca nel regno di Axum, dopo che Salomone l'aveva donata al figlio della Regina di Saba, Menelik I.

Qui, sarebbe rimasta nel corso dei secoli protetta dai monaci ortodossi nella citta' santa di Lalibela nei pressi di Axum, dove si troverebbe tuttora.

L'Arca, che non è visibile a nessuno tranne un monaco che la custodisce, viene preservata nel complesso della cattedrale di Santa Maria di Sion, e' dunque nascosta a tutti e viene portata in processione una volta all'anno ma avvolta in un panno.

L'Arca ha acceso la fantasia di archeologi, scrittori, gruppi religiosi, sette di ogni tipo. Nella tradizione infatti si afferma che emana un potere particolare ma anche che chi la tocca veniva fulminato. Un oggetto che data anche la sua collocazione - Il Tempio di Gerusalemme - è stato di volta in volta al centro di storie legate alla Massoneria o ai Templari.

Tuttavia va ricordato che sono molte in Etiopia le chiese nelle quali e' conservata un'''arca'', così come diversi studiosi - muovendosi spesso al limite del mistero e della leggenda - la collocano in varie parti del mondo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: fotomagazine
Data di creazione: 10/12/2012
 

SANTINI DA TUTTO IL MONDO

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TESTIMONIANZE

Hai ricevuto qualche grazia?

Sei stato protagonista di qualche esperienza, ad esempio, con il tuo angelo custode?

Ti è capitato di essere stato aiutato, salvato da un tuo caro parente defunto?

Insomma, se hai vissuto una di queste situazioni o simili, inviaci la tua testimonianza. Potresti aiutare spiritualmente il tuo prossimo!!

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

luciacorticirofusco1963pjno1958scottd123arch.adducipaolo.6260e.esse04castello_nicegheo2008giovanna.malaranata190fulgragranataantoninomina_1959aucelli_angelo