Creato da nataieri73 il 04/12/2006
“Io sto benissimo nel mondo, lo trovo meraviglioso, mi sento attrezzato alla vita, come un gatto. È la società borghese che non mi piace. È la degenerazione della vita del mondo. Hitler è stato il tipico prodotto della piccola borghesia. Anche Stalin è un prodotto piccolo-borghese.” (P.P.P., intervista a La Stampa, 12/07/1968)

proibito il dissenso?

Trieste, 8 denunciati per le contestazioni a Berlusconi
PROIBITO IL DISSENSO
di Margherita Hack
Fra breve succederà come sotto il fascismo: durante le visite di illustri personaggi, i dissidenti, opportunamente schedati dalle questure, erano ospiti per qualche giorno delle patrie galere.

Contestavano Berlusconi: 8 denunce
 

Pino Impastato, ucciso due volte

Alla mafia piace uccidere anche i simboli. Noi alziamo il dito medio come simbolo della nostra lotta, le nostre armi sono il disprezzo, il rifiuto, la denuncia. Mafia, arriverà il giorno in cui sarai inghiottita nel fuoco appiccato da te stessa con l'aiuto di qualche cittadino onesto, magistrato onesto, intellettuale onesto....muori maledetta mafia, una volta per tutte!!!

http://digilander.libero.it/WinstonMontag/immblo_file/querciapeppino.jpg 

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

Ultime visite al Blog

dome.oV1andantehank.buknataieri73emilytorn82diletta.castelliMascherat0lady.vietoltre_ilsognoconoscomaxranLUX_DIAPHANUMangeloo611motototopastoreavvfedele
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Poesia di NataleLa nuova era delle persecuzioni »

Come sei bella Liv

Post n°5 pubblicato il 12 Dicembre 2006 da nataieri73
 
Foto di nataieri73

L’occhio è ancora lì, cerca, legge i nomi sulle lapidi di un cimitero, in un prato discendente verso un fiume e lungo le sue sponde e finalmente, prova a riposarsi.

Non guarda più fuori, adesso, guarda dentro, segue la mano che scrive, prende appunti, in quel momento il fiume di fronte è solo un’immagine proiettata all’interno, acquisita da tempo.

L’occhio si ridesta e continua a scrutare avanti a sé, si ricongiunge di nuovo all’orizzonte e non pensa mai a Dio. Forse potrebbe essersi nascosto all’orizzonte, forse Dio è l’orizzonte.

Per caso è in mezzo alle foreste, in mezzo ai prati ai laghi nel cielo viola nella luce estiva nel buio dell’inverno. Forse è ovunque ma in realtà non esiste, a meno che non si ritiene di esserne degni. Sillanpaa, Undset, il rapporto con Dio che l’occhio fissa da lontano emerge nel ricordo letterario, nella sua essenza.

Dio è il caso che si fonde nella natura delle cose. Dio è nell’occhio che si perde in orizzonti lontani, fusi in un solo colore neutro, nella percezione dell’infinito.

Infine, l’occhio segue gli ultimi caseggiati, scruta ancora in mezzo a pagine scritte, rincorre le radici di un popolo. Scopre lo svedese emigrante, con il suo sacco in spalla, contadino che muore di fame, assieme alla sua famiglia, in partenza per l’America. Lunghi viaggi estenuanti, costellati da indicibili sofferenze, malattie e morti ma alla fine la terra promessa arriva. Il Minnesota.

Come in un film di Bergman, con la Ullman e Max Von Sydow. Su quella nave, mi pare ci fossero un prete e una prostituta, emblema dell’incontro-scontro tra due antitetiche verità e contrapposti valori.

L’occhio prende la sua strada, con malinconia, scruta l’ultimo orizzonte e infine si ferma, ancora una volta, sulle pagine di un taccuino, rientra in sé e lascia che sia la mano a proseguire il viaggio, si addormenta dopo aver acquisito l’ultima immagine.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog