Caos Ordinato

Qualsiasi cosa che nasce dall'animo Umano qui trova spazio. Tutto ciò qui riportato è frutto d'immaginazione e quindi, ogni fatto o riferimento a persone è puramente casuale. Per iniziare la navigazione accedere alla home page e, per cortesia, non pubblicate argomenti, di politica, di gossip e/o nutrienti per le "capre" od ovini in genere. Un ringraziamento a tutti coloro che si soffermano a leggere con lo spirito adatto. Flavourfly

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: flavourfly
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 58
Prov: MN
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« La via del cielo - Capit...La missione »

Il tavolino

Post n°460 pubblicato il 29 Aprile 2012 da flavourfly
 
Foto di flavourfly

Il tavolino d'angolo è la posizione ideale per osservare la sala di questo odoroso Bistrot in cui, una perenne nube di fumo ricopre come un cielo minaccioso gli abituali frequentatori.

Qui, trovo le idee e riorganizzo i miei pensieri traendo ispirazione osservando la gente che vi si affolla e ne ho fatto una nuova dimora forse, perché gli squattrinati come me non hanno neppure i soldi per poter riscaldare le stanze dove dormiamo.

L'arredamento è quanto di più classico dell'epoca con quell'illuminazione da parete costituita da lampade a gas ed il legno che ricopre ogni centimetro quadrato del pavimento, delle pareti e del soffitto.

Specchi e decori di legno intagliato arricchiscono lo squallido panorama di ubriachi e donne di mala fama truccate come maschere.

Qualcuna, molto ubriaca, ha il rossetto sbavato e questo la rende ancora più grottesca.

Un uomo si avvicina chiaramente ubriaco e mi dice:

- Amico, cosa stai lì tutto solo? vieni a farti un goccetto in compagnia...

Gli sorrido e gli rispondo:

- Più tardi! sto aspettando qualcuno.

Si allontana verso il bancone barcollando vistosamente dove tre amici, forse più ubriachi di lui, con gran manate sulle spalle gli offrono un altro paio di bicchieri rasi.

Chloé, la figlia dell'oste che lavora nel locale come cameriera, è una ragazza spigliata ed intelligente.

Capisce subito dall'occhio se un cliente è stretto di cervello e goffo.

Ha una spiccata attrazione per me, forse perché non trova il mio vestire barbaro quanto gli altri e non mi spalmo di burro i capelli.

La chiamo:

- Oilà Chloé!

- Arthur! anche stasera sei solo!

- La mia solitudine non è cattiva compagna è la mia forza.

- Più tardi hai un momento per la tua Chloé?

Gli menai una gran manata sul culo ridendo:

- Quando vuoi lo sai che ci sono per te!

Si allontana ma poi torna quasi subito e mi porta un bicchiere di vino.

- Alla tua salute Arthur questo te lo offro io.

- Grazie mia preziosa fanciulla!

Il chiasso è assordante ma ancora si riesce a cogliere qualche isolato discorso tanto da capire se si discute di soldi, di sesso e di donne o di politica; e che ci si può altro aspettare da questi magnifici esemplari di animali da osteria?

Ma ciò che per me conta è prendere il vento, il vento che come gonfia le vele di un bastimento mi porta lontano e l'occhio coglie ciò che il mondo del cuore a volte non vede.

Temo piuttosto la bonaccia che non spinge più la fantasia verso dove il semplice uomo non può giungere.

Mi piace osservare e tradurre in righe comprendere le loro vite per trovare confronti con la mia che, non è molto diversa, se non per l'amore che ho per l'arte.

Siamo esseri intrisi d'alcol e d'oppio le cui vite s'incrociano forse solo tra i tavoli di un Bistrot e qui, ci riconosciamo.

Se ci incontrassimo sobri per le vie e le strade non credo che neppure ci riconosceremmo.

 

Parigi XIX secolo.

I Bistrot sono affollati da sbandati squattrinati che ci hanno lasciato dei capolavori sia letterari che pittorici.

Nei Bistrot trovavano spesso la scintilla che li portava verso altezze che non avrebbero mai raggiunto se non avessero condotto la vita che hanno invece condotto.

Dai poeti decadenti ai Parnassiani fino agli impressionisti hanno segnato un'epoca che la storia dell'umanità mai dimenticherà.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: flavourfly
Data di creazione: 08/06/2010