Creato da: fct1970 il 20/11/2005
Understanding Food & Packaging Science

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

verapassarellodrparisimarco.deconsolicsaprovenzanoElenoirVenusbiosalimentiprontomarjjdgl4edilfuturounamamma1andreatalzucchero_bluBreak.on.throughbabielanda_virtual_lady
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Aggiornamenti in materia di Food Packaging in Italia

Post n°30 pubblicato il 09 Ottobre 2011 da fct1970
 

Salve a tutti i lettori.

 

Come pare ovvio, da molto tempo non riesco più ad aggiornare il blog ad intervalli "regolari" causa diversi impegni.

Scivo solo per segnalare l'uscita delle Linee Guida: "Aspetti analitici a dimostrazione della conformità del Food Packaging" dell'Istituto Italiano Imballaggio.

Queste Linee Guida sono state pubblicate e presentate il 30/09/2011 a Stresa - Convegno Food Contact Compliance, Quarta Sessione- come sunto della recente attività della Commissione Tecnica Food Packaging dell'Istituto Italiano Imballaggio, Commissione di cui faccio parte.

Consiglio la lettura di questo documento a chiunque voglia approfondire le tematiche della Dichiarazione di Conformità al contatto alimentare dei materiali da imballaggio. In questa sezione vi è anche un accenno importante alla questione dell'Idoneità Tecnologica del Food Packaging, obbligo normativo per gli Operatori del Settore Alimentare (OSA).

 

A breve, spero entro Gennaio 2012, potrò fornire indicazioni più precise sulla questione dei materiali da imballaggio e sulla tematica dell'Idoneità tecnologica.

 

Dr. Salvatore Parisi, PhD

Member of the Editorial Board of Zeszyty Naukowe - Gdynia Maritime University, Poland

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Tripartite Aqueous Structure in Cheeses (TASC) software, Versioni 1.0.1 e 1.0.2

Post n°29 pubblicato il 25 Giugno 2010 da fct1970
 
Foto di fct1970

 

Autore: Dr. Salvatore Parisi, Foodchemtopics

 

Disponibile in: Italiano

 

Condizioni particolari: gratuito.

 

 

Questa descrizione è stata parzialmente estratta da  TASC 1.0.1 e TASC 1.0.2.


Tripartite Aqueous Structure in Cheeses (TASC), nelle versioni 1.0.1 e 1.0.2, è stato creato come strumento didattico e di ricerca per la definizione teorica della struttura acquosa che si viene a determinare nei prodotti caseari a seguito dell’assorbimento idrico da parte delle molecole proteiche, ed in particolar modo la caseina nelle sue varie forme.

Tale software è stato creato con OpenOffice.org 3.1.1 , Sun Microsystems inc., nelle seguenti versioni:

 

DESC 1.0.1 per OpenOffice.org 3.1.1

DESC 1.0.2 per MS Excel

 


Questo programma precompilato è un applicativo simile, come concetto iniziale, ad altri software gratuiti e scaricabili su Internet. Si citano come doverosi esempi (nelle ultime versioni):


-       Risk Ranger (Food Safety Center, Australia);

-       Compact Cheese Spreadsheets 1.1 (S. Parisi, FoodChemTopics);

-       Syncheese Suite 2009 ( S.Parisi et al., Università di Messina, Italia);

-       SAPS 1.1 (S. Parisi, FoodChemTopics);

-       DESC 1.0.1 e 1.0.2 (S. Parisi, FoodChemTopics).

-        

Il software è gratuito a patto che non sia modificato rispetto all'originale. L'utilizzo gratuito è concesso a chiunque richieda TASC 1.0 all'Autore (indirizzo drparisi@inwind.it). 

Sulla base dell’immissione dei soli dati d’Umidità e Materia Grassa Tal Quale, TASC 1.0.1 può calcolare in prima battuta alcuni dati interessanti:


Proteine, MRA (Quantitativo Più Attendibile, secondo il metodo indiretto CYPEP:2006)

Assorbimento idrico Apparente (A%,  secondo il metodo indiretto CYPEP:2006)

Materia Grassa sulla Sostanza Secca (FDC, tale parametro è assolutamente indispensabile come fattore limitante dell’assorbimento idrico)

Totale  numero di molecole d’Acqua per atomo d’Azoto

 

Ed in seconda battuta, una descrizione numerica della tripartizione delle stesse molecole d’Acqua per atomo d’Azoto.

Una funzionalità interessante è stata inserita in TASC 1.0.1 ed 1.0.2 allo scopo di visualizzare in qualche maniera la situazione a livello molecolare. In altri termini, è disponibile una sorta di “visore” che mostra, attorno ad un generico gruppo peptidico –CO–NH– , la disposizione delle molecole d’Acqua suddividendole per livelli.

Va osservato che tale rappresentazione non è scevra di possibili errori (dovuti ad approssimazioni sul filo delle cifre decimali, oppure al tentativo d’esaminare prodotti caseari in cui l’assorbimento idrico non dipende esclusivamente o per la maggior parte dalle caseine). Peraltro la rappresentazione non può affatto essere considerata come una visione stereochimica. La natura bidimensionale del visore non può rendere in alcun modo la complessità spaziale della struttura, e si dovrebbero considerare anche fattori d’ingombro sterico ed inerenti la possibilità di legami d’idrogeno in differenti posizioni dello scheletro proteico. Pertanto, la funzionalità grafica inserita va intesa per quel che è: una sorta di “presa visione” dell’assorbimento idrico a livello molecolare, senza per questo voler avere la pretesa di dare una descrizione esaustiva e formalmente corretta dal punto di vista teorico. Altri programmi ed altre risorse andrebbero impiegati a questo scopo. Tuttavia, trattandosi di un approccio veloce alla tematica, si può ritenere il visore di cui sopra come un primo passo.

È possibile anche segnalare alcune situazioni od irregolarità, se del caso. È pertanto disponibile una Tabella incorporata con la descrizione teorica della tripartizione delle molecole d’Acqua per atomo d’Azoto sulla base della Materia Grassa sulla Sostanza Secca, FDC. Con tale Tabella sarà possibile, situazione per situazione, definire il massimo livello d’assorbimento ed impostare manualmente i livelli con un “visore personalizzabile”.


Chiaramente, i valori di volta in volta ottenuti sono valide approssimazioni al valore determinabile secondo la Bibliografia di riferimento. Le differenze dipendono spesso dai normali procedimenti d'approssimazione tipici dei fogli elettronici.


BIBLIOGRAFIA


Parisi S., Laganà P., and Delia A.S., 2006. Il calcolo indiretto del tenore proteico nei formaggi: il metodo CYPEP. Industrie Alimentari, 462: 997-1010. Chiriotti Editori Pinerolo, Italy.


Parisi S., Laganà P., and Delia A.S., 2007. Lo studio dei profili proteici durante la maturazione dei formaggi tramite il metodo CYPEP. Industrie Alimentari, 468: 404-417. Chiriotti Editori Pinerolo, Italy


Parisi S., Laganà P., Stilo A., Micali M., Piccione D., and Delia S., 2009. Il massimo assorbimento idrico nei formaggi. Tripartizione del contenuto acquoso per mole d'azoto. Industrie Alimentari, 491: 31-41. Chiriotti Editori Pinerolo, Italy.

 

Parisi, S.,  Delia S., Cannavò G., Pino R., Mauro A., and Laganà, P., 2009. Validazione della raccolta software SynCheese Suite 2009, versione 1.0, per il calcolo di vari parametri analitici dei formaggi. Relazioni tra assorbimento idrico e alterazione microbiologica dei formaggi confezionati. Igiene e Sanità Pubblica n. 5/2009, Supplemento, pag.  394.

 

Parisi, S., 2009. New Compact Cheese Spreadsheets (CCS) software, Version 1.1. A software designed to study cheeses in a simulative way. FoodChemTopics, http://libero.it/blog/foodchemtopics.

 

Parisi S., Delia S., Ceccio C., Crupi D., Quartarone F., and Laganà P., 2010. Piani analitici ridotti nel rispetto del Reg. CE 1441/2007. Industrie Alimentari, 499: 19-31. Chiriotti Editori Pinerolo, Italy.

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il software “Deductive Evaluation of Shelf-Life: Cheeses” (DESC),versione 1.0.2. Descrizione generale

Post n°28 pubblicato il 31 Marzo 2010 da fct1970
 

Il software “Deductive Evaluation of Shelf-Life: Cheeses” (DESC),versione 1.0.2. Descrizione generaleAutore: Dr. Salvatore Parisi, Università di Messina, ItaliaDisponibile in: Italiano. Condizioni particolari: gratuito, per utenti Microsoft Excel.Questa descrizione è stata parzialmente estratta da DESC 1.0.2.Deductive Evaluation of Shelf-Life: Cheeses 1.0.2, in appresso DESC 1.0.2, è stato creato come primo passo per l'automatizzazione dei calcoli utili per la definizione a priori della data di scadenza minimale d'alcuni formaggi,in special modo di tipo molle e semiduro. La degradazione del prodotto deve essere considerata uniforme. Inoltre, ogni previsione è legata al rispetto delle temperature previste (2° ± 2°C;10° ± 2°C; 1/3 del tempo a 2° ± 2°C e 2/3 del tempo a 10° ± 2°C).La durabilità calcolata è ottenibile nelle seguenti modalità:Shelf Life a 0°-4°C Shelf Life a 8°-12°C Shelf Life adattata secondo la norma francese AFNOR V01-003 A questo stadio il programma può essere usato solo per i seguenti campioni:a) formaggi molli confezionati con indice MFFB (Moisture on Free Fat Basis,Umidità sulla Materia Esente da Grassi) maggiore di 70 %;b) formaggi di tipo semiduro, con indice MFFB (Moisture on Free Fat Basis, Umidità sulla Materia Esente da Grassi) maggiore od eguale al 63 %.In ogni altra condizione le previsioni devono essere ulteriormente testate, anche se è possibile che i risultati siano generalmente corretti per i prodotti molli e semiduri, purché imballati. Va notato che non dovrebbero essere considerati i seguenti campioni analitici:1) formaggi con particolari caratteristiche derivanti dall'assorbimento idrico, ossia prodotti conservati "in acqua";2) altri formaggi che sono trattati e/o confezionati in condizioni particolari (esempio: prodotti affettati, cubettati, in atmosfera modificata, ecc.). DESC 1.0.2 è da considerare come un programma adattato alla ricerca ed alla sperimentazione, pertanto i suoi risultati - valutati positivamente per determinate classi di formaggi, anche i tipi fusi - dovrebbero essere rivalutati e rivalidati nel tempo rispetto a situazioni reali e per classi di prodotti differenti.Questo software, come altri programmi gratuiti e scaricabili su Internet (si citano come esempi: Risk Ranger, Food Safety Center, Australia; Compact Cheese Spreadsheets 1.1, S. Parisi, FoodChemTopics; Syncheese Suite 2009, S.Parisi et al., Università di Messina, Italia) è gratuito, a patto che non sia modificato rispetto all'originale. L'utilizzo gratuito è concesso a chiunque richieda DESC 1.0.2 all'Autore (indirizzo drparisi@inwind.it). Qualunque risultato ottenibile con DESC 1.0.2 dovrebbe essere ricontrollato causa possibilità d'errori dovuti ad approssimazione matematica.I valori di volta in volta ottenuti sono valide approssimazioni al valore determinabile secondo la Bibliografia di riferimento. Le differenze dipendono spesso dai normali procedimenti d'approssimazione tipici dei fogli elettronici.BIBLIOGRAFIA Parisi S., 2001. Profili evolutivi dei contenuti microbici in prodotti lattiero-caseari. Records Book of the Tenth National Conference “ I rischi microbiologici del 2000 nel settore alimentare”, pp.105 - 110. Chiriotti Editori Pinerolo, Italia.Parisi S, 2002. Profili evolutivi dei contenuti batterici e chimico-fisici in prodotti lattiero-caseari. Industrie Alimentari, 412: 295 - 306. Chiriotti Editori Pinerolo, Italia.Parisi S., 2002. The prediction of minimum durability in dairy products through analysis of bacterial and chemical - physical contents. Italian Food Technology, 29: 5- 14. Chiriotti Editori Pinerolo, Italia.Parisi S, 2004. The prediction of Shelf Life about cheese on the basis of storage temperature. Italian Journal of Food Science, Special issue, 11-19. Chiriotti Editori Pinerolo, Italia.Parisi S., 2003. La previsione della minima durabilità degli alimenti: principi fondamentali ed applicazioni pratiche. Master Universitario 2° livello I.A.L.A., Messina., Italia. 70 pp.Parisi S., 2003. Evoluzione chimico-fisica e microbiologica nella conservazione di prodotti lattiero - caseari. Industrie Alimentari, 423: 249- 259. Chiriotti Editori Pinerolo, Italia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Simplified Analytical Planner Spreadsheets (SAPS) software, Version 1.1

Post n°27 pubblicato il 31 Marzo 2010 da fct1970
 
Foto di fct1970

Simplified Analytical Planner Spreadsheets (SAPS) software, Version 1.1DESCRIPTIONAuthor: Dr. Salvatore Parisi, University of Messina, ItalyLanguages: Italian, English. Particular conditions: free of charge.This description has been partially extracted by SAPS 1.1.Simplified Analytical Planner Spreadsheets (SAPS) 1.1 has been created to turn normal "three classes"-Sampling Plans (reference: Commission Reg. No 1441/2007) into less expensive and "lighter" plans (SAPs) with the same warranty about Food Safety. This software - created in a multi-spreadsheets form like other free tools (Risk Ranger, Food Safety Center, Australia; Compact Cheese 1.0, S. Parisi, FoodChemTopics; etc.), can operate under definite conditions. In other terms, SAPS 1.1 allows to establish two "simplified analytical plans"- "N in 1" (N samples and one analysis only) and "N in 2" (N samples and two analyses) - with related Conformity and Unconformity levels, r and R. Four data are requested: n, c, m and M.Naturally, all calculated results should be intended as valid approximations to the real value (see the references to determine exact results). Please consider that SAPS 1.1 can be used to convert exclusively the Plans related to 17 Food Categories, according to Commission Reg. CE No. 1441/2007 (Annex 1, Chapters 1 and 2). The detail of these Food Categories is shown into SAPS 1.1 and the first Reference. On the other hand, SAPS 1.1 cannot convert certain Sampling Plans. Reasons are fully explained in the first Reference. However, this paper is in Italian language (English & Italian summaries). Consequently, SAPS 1.1 shows synthetically all possible exceptions in form of mathematical rules. Next SAPS versions might show the basis of the procedure and related exceptions according to the first Reference and other future papers. STRUCTURE OF SAPS 1.1SAPS 1.1 software contains eight pre-compiled spreadsheets. Excluding the Introduction (Italian and English languages), other spreadsheets are:a) "SAPS N in 1". Two spreadsheets (ITA is for: Italian, ENG is for: English);b) "SAPS N in 2" Two spreadsheets (ITA is for: Italian, ENG is for: English); c) finally, two References for the comprehension and Official Sampling Plans (two spreadsheets).All calculations and results should be intended as valid approximations to the real value.Actually, the normal procedure should be made "step-by-step" or without automated methods. The first reference (Italian language, in press) can be helpful for this. In particular, the paper shows all possible"3-classes" Sampling Plans - according to Reg. (CE) No 1441/2007 - and simplified versions. Every User should be able to use these Plans by means of synthetic Tables. Anyway, new sampling Plans may be possible in the future. Consequently, the original procedure should be always used. It should be possible to publish a new paper about SAPs in English language within 12 months. However, this deadline could be anticipated because of detailed requests about the creation of SAPs. Every SAPS spreadsheet can furnish different information. Results depend on inserted data: n, c, m and M (INPUT zone). Obtained data are subdivided in three zones:Simplified Analytical Plan. Obligatory conditions (samples and analyses to be carried out)Original and/or Official Plan. Obligatory conditions (mathematical equations)Conformity and Unconformity limits. Automated setting(new values for microbiological and/or chemical data)A "Decision" box (rules to be applied - Conformity, Unconformity or Inconclusive Evidence) is shown to the end of the spreadsheet. Finally, some notes are mentioned because microbiological data may be expressed (Reg. CE 1441/2007) in the following way: "<10 C.F.U./g ". SAPS 1.1 should be released very soon (18-20th September 2009). Because of the deadline, this description will be soon integrated with the software.REFERENCES Parisi S., Delia S., Ceccio C., Crupi D., Quartarone F., and Laganà P., 2010. Piani analitici ridotti nel rispetto del Reg. CE 1441/2007. Industrie Alimentari, 499: 19-31. Chiriotti Editori Pinerolo, Italy.Commission Regulation (CE) No 1441/2007 of 5 December 2007 _n microbiological criteria for Foodstuffs. Official Journal, L series 322 of 07 December 2007>

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Simplified Analytical Planner Spreadsheets (SAPS) software, Versioni 1.0 e 1.1

Post n°26 pubblicato il 31 Marzo 2010 da fct1970
 
Foto di fct1970

Simplified Analytical Planner Spreadsheets (SAPS) software, Versioni 1.0 e 1.1DESCRIZIONEAutore: Dr. Salvatore Parisi, Università di Messina, ItaliaDisponibile in: Italiano, Inglese. Condizioni particolari: gratuito.Questa descrizione è stata parzialmente estratta da SAPS 10 e SAPS 1.1.Simplified Analytical Planner Spreadsheets (SAPS) 1.0, e la sua versione bilingue 1.1 (Italiano/Inglese) è stato creato come uno strumento adatto a trasformare I normali Piani di Campionamento “a Tre Classi” (riferimento: Reg. CE n. 1441/2007) in piani più “leggeri” ed economici (SAPs), laddove possibile, con le stesse garanzie offerte in quanto alla Sicurezza Alimentare. Questo software – creato come insieme di fogli elettronici, similmente ad altri programmi gratuiti (Risk Ranger, Food Safety Center, Australia; Compact Cheese 1.0 e 1.1, S. Parisi, FoodChemTopics; ecc.), può operare sotto condizioni ben definite. In altri termini, SAPS permette di stabilire due piani analitici semplificati -"N in 1" (N campioni e solo un rapporto di prova) e "N in 2" (N campioni e due analisi) – con i relativi livelli di Conformità e Rifiuto, r and R. Sono chiaramente richiesti quattro dati: n, c, m e M.Chiaramente, tutti i risultati calcolati dovrebbero essere intesi come valide approssimazioni al valore reale (vedere le bibliografie per la determinazione dei risultati esatti). Si consideri che SAPS può convertire, in riferimento al Reg. CE No. 1441/2007 (Allegato 1, Capitoli 1 e 2), solo I Piani proposti per 17 categorie alimentari. Tutte le eccezioni e gli accorgimenti d’utilizzo sono spiegati esaurientemente nella prima referenza bibliografica segnalata, da cui deriva tra l’altro il SAPS. SAPS 1.0 e 1.1 sono gratuiti. Basta chiedere tramite e-mail una copia protetta all’Autore all’indirizzo drparisi@inwind.it.BIBLIOGRAFIA Parisi S., Delia S., Ceccio C., Crupi D., Quartarone F., and Laganà P., 2010. Piani analitici ridotti nel rispetto del Reg. CE 1441/2007. Ind. Aliment, 499: 19-31. Chiriotti Editori Pinerolo, Italy.Commission Regulation (CE) No 1441/2007 of 5 December 2007 on microbiological criteria for Foodstuffs. Official Journal, L series 322 of 07 December 2007.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »