SPAZIO VITALE

CONTRIBUIRE AL SOCIALE

Creato da locurtogiovanni il 29/01/2009

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

 

« Nella seconda Repubblica...Su PAPA BENEDETTO XVI »

Roma capitale

Post n°69 pubblicato il 06 Aprile 2011 da locurtogiovanni
 

 

 

 

ROMA CAPITALE


Nun è er campanilismo a famme sentì romano

è er core mio che lo strilla anche si batte piano

ce sò nato, qui a Roma; e la cosa sa de strano,

da madre mia ch'è veneta e da padre sicijano.

M'hanno fatto fiorì artista, pittore e poi scultore,

e intanto come poeta, tu me cullavi drent'ar core.

Spadroneggeno ne li palazzi 'mbriachi de potere,

Li barbari, non più romani, lasciannoce ner dolore

Eterna Roma, sei stata der monno la padrona

e tanta gente dei continenti hai messo prona,

ma mò assomiji tanto a 'na vecchia brontolona;

mò, sarvognuno, t'additeno pè come 'na ladrona.

Dimme, Amor, quarcosa de mejo, nun potevi fà?

'Stì barbari nostrani, nun li potevi accurturà?

Mò come vipere, te mordeno che te vonno avvelenà,

mentre 'na muta de canacci te vorebbe sderenà..

'Stì coscritti, ce penzeno ar bene de la gente?

Mah! si er popolo soffre, nun je ne frega gnente!.

Aregala frizzi e frallazzi, sturbannoce la mente,

l'omo che in da st'Itaja se crede l'Onnipotente.

Seconno me, però, lui, de corpa ce n'ha poca

é la gente tua, Roma, che starnazza come n'oca.

E er cicisbèo che sur fatto der potere ce arioca

t'arintuzza sempre, senz'avecce le voce fioca:

-El popol re, me lo g'ha dà, me, non ho le borie,

parlemo sì noantri, ma anca femo; son minga storie-

Così le Romane genti s'embriacheno de vanaglorie

e de la democrazia nun arimangheno che scorie.

Aspetto un grande omo che nun è arisuscitato;

però me rendo conto ch'oramai se n'è annato

er tempo delli fasti e der Cesare 'ncoronato,

c'è solo un re ch'è travicello e puro scojonato.

Mia Roma; e abbasta! Te lo dico cò le bone

daje er senso der diritto a tutte queste jene!.

Er Tevere ha da strillà:- Boni! che viè la fine,

v'appozzo in quanti sète e ve darò le pene.-

Però, questo, tutti lo sanno, è solo un sogno,

'stà manfrina dura secoli e me ne vergogno.

E' ben artro, er destino che pè te agogno,

Devi arisorge; de te er monno, cià bisogno!.


Spiegazione di alcune parole:

Amor=invertibile di Roma; sderenà= sgretolare, frantumare

sti coscritti= rappresentanti al Parlamento;

aregala frizzi e frallazzi= regala questo e quell'altro mondo;

sturbannoce=stordendoci, facendoci trasognare;

canacci= uomini malvagi; cicisbèo=accompagnatore di dama, damerino;

ce arioca=c'insiste; t'arintuzza=ti controbatte;

v'appozzo in quanti sète sète= vi affogo tutti quelli che siete;

'sta manfrina=é il far finta di fare, con l'intento di far trascorrere il tempo;


locurtogiovanni

Commenti al Post:
Nessun commento
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

peppeluongolocurtogiovanninonmale43amorino11caddinaskhenanMarquisDeLaPhoenixThe.TrAnSpOrTeR.MaNmariocasale39carlo.capra27mrjnksmary.cit1976mmmmmmm1980Narciso_Ale
 

Ultimi commenti

mi permetto di scriverti qui,hai la casella piena,dopo...
Inviato da: faaalc0
il 10/02/2010 alle 14:35
 
ciao, un saluto, Giuseppe.
Inviato da: principe69_9
il 05/01/2010 alle 13:45
 
...ecchime giova'... pe' fatti l'auguri mia...
Inviato da: lelelele54
il 24/12/2009 alle 18:04
 
ciao Giovanni, ben trovato, un sincero augurio di Buon...
Inviato da: principe69_9
il 22/12/2009 alle 22:10
 
Ciao Giovanni, un caro saluto e buon pesce...
Inviato da: principe69_9
il 01/04/2009 alle 12:40
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom