Creato da lukyll il 19/08/2008
GIRO INTORNO AL MONDO IN BARCA A VELA
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

skipper101marcoupugiovanniliberatoritroccaioli.manuelaligny64vivicoppcodinobaggio1roberto.dellattelukyllperte46melongeo.agigipentagiuvesempreavanti2009casumarcello2005
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« FIJI MALOLO LAILAIFIJI- Isola di NAVITI »

FIJI- ISOLA NAVANDRA

Post n°71 pubblicato il 11 Luglio 2009 da lukyll

Giovedì 2 Luglio

 

Tempo bellissimo, finalmente si parte! Non ci viene detto dove e a Peter non gliene frega niente. Lui legge il suo ventesimo libro. Invece io mi voglio rendere conto ma , nonostante domandi le risposte sono evasive, non si sa esattamente, ci sono due opzioni, dipende dal vento. Scopro infine che siamo diretti a Navandra e mi viene detto che l’isola è disabitata. Arriviamo verso le tre del pomeriggio,dopo una navigazione con il solo fiocco perché non valeva la pena issare la randa per così poche miglia da percorrere.

L’isola è bellissima. Ci sono grandi rocce nere e rosso ruggine che si protendono fuori dalla ricca vegetazione, rocce e colline sono irte e danno la sensazione di una isola primordiale. L’isola è bella solo per questo, per il senso di primitivo, di selvaggio ma soprattutto di primordiale. Disabitata. Solo delle capre si vedono in lontananza, che scorrazzano a cercare l’ultimo filo d’erba fra quei dirupi rossastri. La spiaggia è bianca, come tutte, perché corallina. Solo un gommone di un’altra imbarcazione si trova su di un lato della spiaggia. Si getta l’ancora ed io non resisto di fronte a tanta bellezza. Prendo la maschera, senza pinne perché i miei bagagli superavano già il limite stabilito, e mi tuffo.

Il mare è blu ma il fondale non si vede. Solo quasi a riva si intravedono le gorgonie che ansimano mosse dalle correnti e dalle onde, pesciolini di vari colori, gialli, a strisce come la zebra oppure piccoli e di un blu elettrico, insomma come si vedono in qualche acquario. Nel fondale altre piante dalle più svariate forme, qualcuna tendente al violetto, alle volte larghe fino ad un metro di diametro.

Arrivo sulla spiaggia, di colore rosa, non ci sono impronte, la sabbia è liscia come l’onda l’ha lasciata. Mi sembra di essere il primo uomo a mettervi piede. Sono presenti tante conchiglie, alcune si muovono, evidentemente contengono ancora l’animale vivo dentro. A poca distanza inizia la vegetazione, palme ed altri alberi a me sconosciuti, qualcuno con dei frutti. In terra tante foglie, qui è inverno! Giro un poco da solo per la spiaggia, poi vado nell’altra che da sul versante sud da dove si vede l’isola di Malolo. Mi addentro fra le piante, nel bosco che sembra vergine. Rami rotti dal vento, qualche albero caduto, una capretta bianca e marrone mi guarda e si allontana. Il sole filtra a malapena fra le mille foglie degli alberi.

Dopo un’ora rientro a nuoto alla barca, contento e soddisfatto, con due conchiglie in tasca.

 

 

Venerdì 3 Luglio

 

passiamo la giornata sempre su questa isola. Andiamo con il gommone fino alla spiaggia. E poi la giriamo per bene a piedi, quasi tutta, saliamo su un enorme masso, una collinetta dal quale possiamo vedere il mare ed un bel panorama. Alcune foto e via si riparte per andare oltre la collina a vedere altre spiagge. Il mare è azzurro in alcuni punti mentre in altri è verde. Comunque molto bello. Peter mi viene incontro sulla spiaggia perché spera che abbia con me il coltello per rompere delle noci di cocco e bere il latte. Ma non l’ho portato. Allora ci arrangiamo cercando di romperle sulle rocce più taglienti ma la cosa e lunga e difficile. Io dopo un poco rinuncio anche perché mi ero portato dietro una bottiglietta di acqua. Peter invece alla fine, dopo mezzora di duro lavoro è riuscito a bere mezzo bicchiere di liquido e poi ci siamo mangiati anche il cocco dentro. Buono. Ritorno in barca nel primo pomeriggio dopo una mia seconda sguazzata ad ammirare i fondali della barriera corallina.

 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: