Creato da tetsuronoci il 08/11/2007

Galaxy Express 999

"Prima che l'uomo comparisse sulla Terra, le stelle già risplendevano..."

AREA PERSONALE

 

LA GRANDE ABBUFFATA

CIAO PICCOLA
CI RITROVIAMO
ANCORA QUI
NELLA NOSTRA SOLITUDINE
CON IL CUORE SANGUINANTE
TU CON LA TUA CONFUSIONE
ED IO CON LE MIE CERTEZZE

I TUOI SOGNI INFRANTI
LA RABBIA DI UN AMORE
CHE NON VUOL MORIRE
LE MIE DELUSIONI
E LA STANCHEZZA DI VIVERE
UNA VITA ORMAI SENZA SENSO
CI RIPORTANO QUI
IN QUESTA STANZA

IO IN COMPAGNIA DEI MIEI FALLIMENTI
DEI MIEI ERRORI
CHE AFFONDONO IN UN BICCHIERE

E TU COI TUOI VENT'ANNI
DESIDEROSA DI RICOMINCIARE
DI RIPRENDERTI LA TUA RIVINCITA

EPPURE ENTRAMBI SAPPIAMO
CHE L'AMORE E' COME UN PRANZO DI NATALE
DOPO LA GRANDE ABBUFFATA
CI SI SENTE COSI' PIENI
DA NON VOLERNE PIU'

MA TU NON FERMARTI QUI
TU VA AVANTI
HAI ANCORA MOLTO DA ASSAPORARE
TI VERRA' ANCORA FAME
E PER MOLTO TEMPO NON TI SENTIRAI MAI SAZIA

IO ORMAI SONO ALLA FRUTTA
E LA MIA COMPAGNIA
NON SI ADDICE A UNA COME TE

CIAO PICCOLA
GODITI LA VITA
E NON FERMARTI MAI
ALLA GRANDE ABBUFFATA DI NATALE

gg

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 

STAZIONI E FERMATE

Citazioni nei Blog Amici: 6
 

 

HE THE...

Post n°24 pubblicato il 25 Gennaio 2011 da tetsuronoci
Foto di tetsuronoci

Quando aprì gli occhi era giorno già da un bel pezzo.
Nina giaceva prona al suo fianco con la testa che sprofondava tra i due cuscini, prima di alzarsi resto un bel po’ a guardare quel culo che faceva capolino tra le lenzuola… Poi si infilo i boxer e grattandosi il sedere, esercitando una leggera pressione con il dito medio sullo sfintere, si avvio verso il bagno.
Dopo aver orinato si fermò dinanzi allo specchio fece delle smorfie per cancellare i segni della notte dal volto, poi mostro i denti al suo doppio riflesso nello specchio.
I denti erano ricoperti da una patina bianca, li accarezzò con la lingua come se bastasse un colpo di spugna per renderli lucidi.
Poi fu la volta del viso, lo avvicinò alla superficie riflettente e passandosi più volte la mano sulle guance, passando per il mento. La barba poteva attendere un altro giorno prima di cadere sotto i colpi delle lame rotanti del rasoio elettrico….ma i polpastrelli delle dita avevano captato una piccola imperfezione all’altezza dello zigomo sinistro, un punto nero, si avvicinò ancora di più allo specchio e si sbarazzo di quella imperfezione.
Si gratto nuovamente il sedere e si diresse verso il soggiorno, si versò del bourbon in uno dei due bicchieri che giacevano sul tavolino dalla sera prima.
Sorseggiando il suo whiskey ritornò in camera da letto, si soffermo ancora una volta a guardare il corpo di Nina che giaceva sul suo letto…sembrava che dormisse, ma non era così.
Poi sprofondò sulla poltrona e con lo sguardo sul soffitto iniziò a canticchiare “Please allow me to introduce myself       I'm a man of wealth and taste        I've been around for a long, long years          Stole many a man's soul and faith……….”

Da lì a poco si sarebbe sbarazzato del corpo di Nina… e recuperato una nuova “bambola” con cui giocare.

“Pleased to meet you        Hope you guessed my name, um yeah
(who who)      But what's puzzling you          Is the nature of my game, um mean it, get down         (woo woo, woo woo)"

 
 
 

INCUbus

Post n°23 pubblicato il 14 Gennaio 2010 da tetsuronoci
 
Foto di tetsuronoci

Mi trovo in una casa che non ho mai visto prima ad ora!
Una casa sconosciuta, mi verrebbe da dire, ma stranamente ho la sensazione di viverci da un bel po’ in quest'abitazione.
Fuori i lampi squarciano le tenebre della notte e la pioggia batte rumorosa sui vetri.
Sono nervoso, o meglio sono in ansia per qualcosa o qualcuno, non so ben definirlo questo mio stato. Una cosa è certa... passeggio su e giù per il salotto con lo sguardo fisso sul display del telefonino.
Tutto è racchiuso in un SmS ricevuto un paio di ore prima.
"TESORO TRA POCO SONO DA TE! T.V.B."
Sto aspettando qualcuno, una persona cui tengo molto, una persona che tarda ad arrivare...mi sento imprigionato, sono tentato nel precipitarmi in macchina e andarle in contro, ma il mio pollice destro quasi inconsciamente compone un numero sulla tastiera del cellulare.
La mancanza di segnale mi fa udire per l'ennesima volta quel odioso messaggio preregistrato "IL CLIENTE DA LEI CHIAMATO E' AL MOMENTO IRRAGIUNGIBILE, SI PREGA DI RICHIAMARE PIU' TARDI...”.
Una luce folgorante seguita da un cupo boato assordante sposta la mia attenzione verso la finestra, noto in lontananza dei fari che si dirigono verso casa.
Mi avvicino alla finestra e con la testa appoggiata ai vetri e lo sguardo fisso in direzione di quei fari che si avvicinano sempre più fino a scorgere la sagoma di un’automobile. E' un taxi. Mi precipito fuori non curandomi della pioggia battente che continua a venir giù.
L'autista si affretta a portare i bagagli sotto la veranda, mentre io ignorandolo completamente corro tra le braccia di SIMONA...un tenero bacio sulle labbra bagnate e poi di corsa verso la veranda dove il tassista attende il pagamento della corsa.
Liquidato il tassista e abbandonati i bagagli al centro del salotto ci abbandoniamo sul divano.
Avevamo molte cose da dirci, tante cose da raccontarci; andiamo avanti a parlare fino a notte fonda del suo nuovo lavoro, di come si era sistemata a Londra, di quanto fosse felice di rivedermi fino a, quando non siamo sopraffatti dalla stanchezza.
Saliamo le scale e ci rechiamo verso la stanza da letto, nell'aprire la porta vedo un'ombra che attraversava la stanza...ma m'illudo che sia dovuto al solito odiosissimo disturbo della vista che mi porto dietro da anni.
Entriamo in camera e ci sistemiamo per la notte o meglio per quel che resta della notte.
Sono a letto, nel nostro letto e seguo Simona con lo sguardo fino a quando non scompare dietro la porta del bagno, sono felice e mi godo questa felicità ammirando compiaciuto la fede che avvolge il mio anulare destro.
E' l'ultima immagine che ho, dopo di che il buio mi conduce tra le braccia di Morfeo.
Ma strani rumori provenienti dalle stanze sottostanti mi riportano alla realtà...con la mano, avvolto dalle tenebre, cerco la mia Simona, ma la sua parte di letto è vuota e fredda.
I rumori sono cessati, senza accendere la luce mi dirigo verso il bagno.
Sto per chiamare Simona, quando scivolo sul pavimento bagnato, cado in avanti e mi ritrovo per terra con le mani e parte del corpo completamente bagnati...mi rimetto in piedi e accendo la luce.
Le immagini che si presentano mi fanno sobbalzare e mi ritrovo attaccato con le spalle al muro.
Una scia di sangue si muove dalla porta del bagno verso la porta della camera da letto...cerco di coprirmi gli occhi con le mani, ma anche le mie mani sono piene di sangue così come il mio pigiama.
Voglio urlare, chiamarla, ma la mia voce è soffocata e l'unica cosa che riesco a far uscire sono solo dei colpi di tosse seguiti dal vomito che si riversa sul pavimento mischiandosi alla scia di sangue.
Tremante e terrorizzato mi avvicino alla porta del bagno, la apro e una nuova scena raccapricciante si presenta ai miei occhi.
Sangue ovunque ed evidenti segni di lotta...Pian piano inizio a razionalizzare tutto e se pur una parte di me si rifiuta di crederci, inizio a capire che cosa è successo.
Mi precipito verso le scale urlando, ma appena fuori sul corridoio scivolo nuovamente e mi ritrovo in fondo alle scale. Cerco di rimettermi in piedi, ma barcollo e mi ritrovo nuovamente per terra. Ho la gamba sinistra rotta. Mi trascino sui gomiti verso il divano, quando mi sento trattenere per la caviglia, con il cuore in gola cerco di voltarmi lentamente...un urlo più forte del precedente….e poi buio solo buio.
Mi sono risvegliato con una forte sensazione di nausea e tutto l’ambiente circostante che mi ruotava sulla testa.
A fatica mi sono tirato su e restando seduto sul letto ho riconosciuto la mia stanza, mi sono guardato le mani ed erano pulite, e l'anulare destro non aveva più la fede.
Ho tirato un sospiro di sollievo "ERA SOLO UN INCUBO" mi sono detto compiaciuto di essere ancora felicemente single.
Sono stato ancora un po’ a letto fino a quando non ha squillato il cellulare.
NUOVO MESSAGGIO...
VISUALIZZA...
OK...

"TESORO STASERA SONO DA TE! SIMONA"

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!
G. G.

 
 
 

SEMPRE NUOVA E’ L’ALBA

Post n°22 pubblicato il 29 Luglio 2009 da tetsuronoci
 
Foto di tetsuronoci

Associazione Artistico Culturale "GRUPPO AKIRA"
Segnala


SEMPRE NUOVA E’ L’ALBA IV edz.
Libera notte di  poesia

Nell’ambito della rassegna estiva “Nocincanta 2009”, organizzata dall’Amministrazione Comunale, anche quest’anno torna l’appuntamento con la Poesia. Ormai giunta alla sua quarta edizione la manifestazione “Sempre nuova è l’alba” diretta da Antonio Natile promette nuovamente di coinvolgere e stupire attraverso due personalità originalissime del panorama poetico nazionale e non solo: Maria Grazia Calandrone, poetessa e performer romana che conta numerosissime presenze su riviste letterarie tra cui Nuovi Argomenti, Gradiva, Sud, Le Fram e notevoli pubblicazioni, sua ultima fatica “ La macchina responsabile” Crocetti 2007 e Giovanna Marmo, attrice, poetessa ed artista figurativa napoletana autrice di “Fata morta” Emilio Mazzoli 2005 opera vincitrice del premio Antonio Delfini 2005 e del cd audio “Sex in Legoland” presentato alla BIG (Biennale Internazionale Giovani) nel 2002.
Altri autori presenti saranno Biagio Lieti, giovane poeta de “Le Battaglie i robusti no” del 2008 per Poiesis Edizioni e Luciano Provenzano autore di "Tempo liberato" , Pensionante de’ Saraceni , 1985 ).
Per concludere Irene Leo, autrice e performer di prossima pubblicazione il suo “Sudapest” Besa 2009, & Elisabetta Liguori autrice di “Il credito dell’imbianchino” Argo edizioni 2005.
Incursioni musicali a cura di Checco Curci.

Organizzatore::     
Antonio Natile
  
  
Inizio:                    
venerdì 31 luglio 2009 alle ore 21.00
Fine:
sabato 1 agosto 2009 alle ore 0.00
Luogo:
Scalinata della stazione
Indirizzo:
Cesare Battisti
Città/Paese:
Noci, Italy
 

 
 
 

INCONTRI CON BARBARA BARALDI

Post n°21 pubblicato il 15 Giugno 2009 da tetsuronoci
Foto di tetsuronoci

L’Associazione culturale TEATRO DEL V.A.G.O. e l’Associazione Artistico Culturale GRUPPO AKIRA, in collaborazione con la LIBRERIA ARCADIA e LIBRERIA MINERVA di Gioia del Colle e il NOMINA ROSAE, Bar – Libreria di Castellaneta, nonché con il supporto del GRUPPO PERDISA EDITORE, propongono una serie di incontri con Barbara Baraldi, autrice del romanzo intitolato “La casa di Amelia”, edito da Perdisapop.
CASTELLANETA(TA), 25 GIUGNO 2009, ore 19.00
Nomina Rosae, Bar – Libreria, via Del Mercato, 59;

NOCI (BA), 26 GIUGNO 2009, ore 19.00
presso la Sala di Musica, via Armonia (nei pressi di S. Domenico);

GIOIA DEL COLLE, 27 GIUGNO 2009, ore 19.00
Arco S. Nicola n. 5 (nei pressi dell’INPS).

Barbara Baraldi racconta nei suoi testi le inquietudini e il lato oscuro della quotidianità. Esordisce con “La ragazza dalle ali di serpente” (Zoe, 2007), pubblicato con lo pseudonimo di Luna Lanzoni e di grande successo negli ambienti alternativi. Tra il 2006 e il 2007 vince alcuni premi letterari, tra cui il prestigioso Gran Giallo Città di Cattolica. “La bambola di cristallo” (Mondadori, 2008) la consacra come rivelazione del thriller gotico italiano. Per PerdisaPop, in una collana a cura di Luigi Bernardi, è uscito nel 2007 “La collezionista di sogni infranti”.

Nel corso degli incontri verranno letti alcuni brani dell’ultimo libro dell’autrice modenese con gli interventi sonori ed umorali di Dante Spada.

 
 
 

BUONA PASQUA!!!

Post n°20 pubblicato il 12 Aprile 2009 da tetsuronoci

 

L’UOVO

rappresenta la Pasqua in tutte le sue forme: di cioccolato zucchero o cartapesta. Le uova hanno rivestito il simbolo della vita in sé, del mistero, della sacralità. Secondo culti pagani, Cielo e Terra erano due metà dello stesso uovo; Greci, Cinesi e Persiani scambiavano uova per le feste Primaverili; gli Egizi vi identificavano il fulcro dei quattro elementi dell’universo; gli Israeliti donavano uova agli amici per i compleanni. Gli antichi Romani dicevano: "Omne Vivum Ex Ovo"(Ogni
Essere Vivente Deriva Dall’Uovo). Le uova erano viste come simbolo di fertilità e dotate di poteri speciali: interrate sotto casa per tenere lontano gli spiriti maligni, portate in grembo dalle madri per sapere il sesso dei figli e calpestate dalle spose prima di entrare nella nuova casa. Con l’avvento del Cristianesimo divennero simbolo della Risurrezione di Cristo, della rinascita dell’uomo stesso. Si narra che Maria Maddalena si presentò all'imperatore Tiberio per regalargli un uovo dal guscio rosso, testimonianza della Resurrezione di Gesù e che Maria, Madre di Cristo, portò in dono a Ponzio Pilato un cesto di uova per implorare la liberazione di Suo Figlio. Oggi ritroviamo in molte tradizioni l’uso delle uova per celebrare la Pasqua: i popoli slavi le dipingono per donarle come simbolo di buon auspicio e fertilità; in Germania si nascondono uova colorate nel giardino o in casa e si invitano i bimbi a cercarle, dicendo loro che le hanno lasciate i leprotti. Anche in Francia si nascondono uova dipinte e si narra ai bimbi che sono state lasciate dalle campane volate a Roma la notte del Venerdì Santo. Nei Paesi Scandinavi è tradizione di fare giochi con uova sode; andare in chiesa con un uovoaiuta a smascherare le streghe; mentre un uovo, lasciato nel campo arato aiuta ad avere un abbondante raccolto. Gli Ortodossi celebrano la ricorrenza dei morti il venerdì dopo Pasqua; in tale occasione si colorano le uova di rosso per depositarle sulle tombe, come augurio di felice vita ultraterrena per i cari estinti. Questa tradizione è legata ad una leggenda che narra di Maria, abituata a far divertire Gesù Bambino con delle uova colorate: il giorno di Pasqua,
torna sul sepolcro, lo trova aperto e sul ciglio scorge. Uova rosse

BUONA PASQUA!!!

 
 
 
Successivi »
 
 

COSI' 10 ANNI FA

ANCORA UN PASSO
E VARCHERO' LA PORTA
ANCORA UN PASSO
VERSO CASA
            LA NOSTRA?
SE COSì FOSSE
            SAREBBE STUPENDO
 ANCORA UN PASSO
E SARESTI MIA
ANCORA UN PASSO
PER ABBRACCIARTI
ACCAREZZARTI
BACIARTI
AMARTI
ANCORA UN PASSO
VERSO CASA
            LA MIA
ANCORA UN PASSO
CHE MI ALLONTANA
ANCORA UN PASSO
NELLA NOTTE
NELLA SOLITUDINE
          CHE MI ASPETTA OGNI VOLTA
          CHE MI LASCIO ALLE SPALLE LA TUA PORTA
L'ULTIMO BACIO
L'ULTIMO ABBRACCIO
L'ULTIMA CAREZZA
        
"BUONA NOTTE AMORE MIO"
"MI PENSERAI?"
         "TI PENSERO' "
 "MI SOGNERAI?"
         "TI SOGNERO' "
E POI? E POI TI PORTO DENTRO
DENTRO IL MIO CURE
ANCORA UN PASSO
E VARCHERO' LA SOGLIA
                 MA DALL'ALTRA PARTE
                 NON CI SEI TU
                 AD ASPETTARMI
 MI STRIGE IL CUORE
E QUASI SENTO LE TUE MANI
ATTORNO AL COLLO
LA TUA TESTA SUL MIO PETTO
TUTTO MI SEMBRA PIU' DOLCE
ANCHE L'ULTIMO PASSO 
VERSO LA MIA STANZA
               C' E' UN ABISSO
               CHE CI DIVIDE
MA CONTINUO A SENTIRE
LA TUA PRESENZA
MA NON TROVO LE TUE MANI
PRONTE A STRINGERE LE MIE
NON TROVO I TUOI OCCHI
CHE MI ENTRANO DENTRO
CHIUDO GLI OCHHI
E FINALMENTE TI VEDO
IL TU SORRISO
I TUOI SGUARDI
LE TUE MANI
IL TUO CORPO
TUTTO MI SMBRA REALE
            IL MIO CUORE S'INFIAMMA
            E IL TEPORE M'INVADE
            E  TI AMO
                 TI AMO
                  TI AMO
ANCORA UN PASSO
E LA NOTTE NON SARA' MAI ESISTITA
ANCORA UN PASSO
E IL TEMPO NON SARA' MAI TRASCORSO
ANCORA UN PASSO
VERSO TE CHE MI ASPETTI
SULLA TUA NAVE DI CRISTALLO
ANCORA UN PASSO
E SALPEREMO INSIEME
VERSO LA FELICITA'
ANCORA UN PASSO
VERSO L'AMORE ETERNO
ANCORA UN PASSO
ANCORA UNO
VERSO IL MIO AMORE

 



 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

peocle1strong_passiongruppoakiratetsuronocisasacinemanpiaccabal_zacHarlock500Butturfly66BaRdaMu82psicologiaforenseWIDE_REDStayin_aliveunamamma1
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie MiLady!
Inviato da: tetsuronoci
il 26/12/2010 alle 19:51
 
Grazie Diana!
Inviato da: tetsuronoci
il 26/12/2010 alle 19:50
 
intendevo domenica...non ho fatto a tempo a salutare tutti...
Inviato da: Principessa.Smeralda
il 26/12/2010 alle 18:35
 
ciao carissimo sei gentilissimo a darmi gli auguri,...
Inviato da: Principessa.Smeralda
il 26/12/2010 alle 18:34
 
Ciao, ti lascio un saluto e i miei auguri per le feste...
Inviato da: semprepazza
il 20/12/2010 alle 20:17
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom