Area personale

 

Contatta l'autore

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

FACEBOOK

 
 
immagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagine
 
Citazioni nei Blog Amici: 26
 
 

Ultime visite al Blog

simonadimitrimarkk74damico7danny2477_1977tarzan.66angie_plissettaPsycokiller53dennisnarutomonique93alessiafiamMaestraPepeej92lucypottTuxiaMarcia
 

Ultimi commenti

Grazzie!
Inviato da: Un jour, une recette
il 10/08/2013 alle 10:21
 
Ma che cavolo dici?Silente muore nel 6 aho! Il nostro...
Inviato da: FoodIsLife
il 15/08/2012 alle 18:07
 
forza grifondoro!mi potete dare la coppa delle case di...
Inviato da: miss sara
il 20/02/2012 alle 14:45
 
ciao,chi è appassionato/a di lily è 1 grande
Inviato da: miss sara
il 20/02/2012 alle 14:41
 
mimmy. mi puoi dire la storia di lily evans. secondo me...
Inviato da: lily
il 14/01/2012 alle 18:43
 
 
immagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagineimmagine
 
Creato da: MissPotter il 21/12/2005
Tutto il mondo di Harry Potter!

 

 
« Mago del MeseChi morirà nell'ultimo libro? »

Intervista a J.K. Rowling

Post n°228 pubblicato il 01 Luglio 2006 da lilith2803
 
Tag: Varie

Riporto la traduzione di una recente intervista a J.K.R. riportata su Lumos.it

Richard: Una delle cose più belle dei libri è vedere Harry crescere e diventare un adolescente scontroso. A cosa ti sei ispirata per descrivere Harry e i suoi coetanei?

JK
: Mia sorella era molto scontrosa negli anni dell'adolescenza!

Judy: So cosa voglio che accada alla fine della serie: che Hermione sposi Ron e Ginny sposi Harry! Sarò disperata se non dovesse succedere. Al momento l'ultimo capitolo dell'ultimo libro è al sicuro nella tua cassaforte, vero?

JK: Sì, l'ultimo capitolo è già scritto ed è nascosto in cassaforte; però nel frattempo è un po' cambiato.

Judy: Ah, davvero?

JK: Sì, uno dei personaggi è stato graziato.

Richard e Judy: Graziato? In che senso?

JK: Due personaggi muoiono, e non avrei voluto farli morire; mentre un altro, che sarebbe dovuto morire nelle mie intenzioni originarie, non muore più.

Judy: Sono personaggi particolarmente amati?

JK: Beh, è una sofferenza, ma andava fatto. D'altronde, abbiamo a che fare con il Male Puro, quindi... Il Male non colpisce le comparse, sai com'è.

Richard: L'hai detto a tuo marito, ovviamente...

JK: Non gli dico proprio tutto.

Richard: e pare che lui abbia risposto "Oh no, non quel personaggio!"

JK: In effetti non è stato molto felice della mia scelta.

Richard: Tutti i giornali si domandavano se oggi avresti dato una risposta alla domanda: Harry morirà? Ed è ridicolo, perché non credo che tu sia disposta a darci un sì o un no. Ma ti chiedo: hai intenzione di fargli ancora del male?

[tutti ridono]

Judy: Perché, non ha sofferto già abbastanza, poverino?

JK: Ogni anno Harry salva il mondo, e poi torna a scuola e si ritrova vittima del bullismo...

Richard: Ma sei mai stata tentata di farlo morire?

JK: Certo non prima del settimo libro, perché sapevo fin dall'inizio che ce ne sarebbero stati sette. Ma comprendo bene la mentalità di quegli scrittori che fanno morire il loro protagonista: così sono certi che dopo la propria morte nessuno scriverà un sequel! Così ha fatto, per esempio, Agatha Christie con Poirot. Ma questo non vuol dire che anch'io farò così.

Judy: Quando hai iniziato a scrivere, da dove sei partita? Dalla magia, dal collegio, dal personaggio di Harry?

JK: Harry e la magia, insieme. L'idea di partenza è stata: un ragazzo, che è un mago, ma non lo sa. Questa era la premessa, e da qui ho proceduto a ritroso, per costruire tutti gli antefatti, che come sapete sono tanti e complessi. Soprattutto nel settimo libro, perché ho ancora molte cose da spiegare.

Richard: Ti è capitato di pentirti di aver scritto una certa cosa, poniamo, nel secondo libro, perché poi ti ha impedito di far succedere una certa altra cosa in un libro successivo?

JK: Sì, è successo, per fortuna non con punti essenziali della trama. Ma un paio di volte mi sono andata a cacciare in un vicolo cieco, e mi sono detta: se solo non avessi rivelato questo dettaglio così presto, poi mi sarei trovata meno in difficoltà. Ma credo sia normale, essendo la trama dei libri così complessa.

Richard: Hai finito di scrivere il settimo libro?

JK: L'ultimo capitolo è scritto - l'ho scritto negli anni Novanta, forse addirittura nel 1990 - ma il libro non è finito. Però sono a buon punto.

Judy: Ma davvero? Quindici anni fa sapevi già come sarebbe finita la storia?

JK: Sì, e sono stata rimproverata da un paio di persone. Mi dicevano che ero arrogante a pretendere di scrivere il finale quando avevo appena iniziato la serie, e non avevo ancora neppure un contratto con un editore! Ma sai, quando non hai niente da perdere, ti butti: cos'altro puoi fare?

Judy: E quando hai iniziato a sviluppare i temi più cupi, il lato oscuro, il male? Secondo me la svolta c'è stata nel terzo libro, con i Dissennatori. Questo aspetto è sempre stato nel progetto, o è emerso durante la scrittura?

JK: Era previsto, perché crescendo Harry diventa un mago sempre più potente, e Voldemort riacquista il suo potere, e la sua consistenza corporea. Sono d'accordo, i libri diventano progressivamente più cupi; ma penso ancora che la scena di Voldemort sulla nuca di Raptor nel primo libro sia una delle cose più angoscianti che io abbia mai scritto. E anche la figura incappucciata che beve sangue di unicorno, sempre nella Pietra filosofale. Sono immagini piuttosto macabre, quindi non penso si possa dire che il tono dei libri cambi in modo repentino con il terzo libro. Quello di cui scrivo è un mondo in cui succedono cose molto brutte. Harry entra a far parte di un mondo straordinario e affascinante, ma viene anche subito in contatto con gli aspetti meno belli.

Richard: Che gioia hai provato quando hai finalmente ottenuto un contratto con l'editore? Devi aver fatto salti di gioia...

JK: E' stato incredibile. Poi l'euforia è diventata... terrore.

Richard: Ma quando ti sei resa davvero conto che non si trattava di semplici bestseller, ma di un fenomeno senza precedenti? Un fenomeno storico, davvero: tu passerai alla storia dell'editoria!

JK: Per i primi tre libri, non ci credevo. Negavo l'evidenza a me stessa. E questo non ha fatto bene alla mia reputazione, perché ero come un cervo accecato davanti ai fari di una macchina: mi rifiutavo di credere che stesse accadendo davvero, e minimizzavo la situazione. Ma poi i giornalisti sono sul tuo zerbino, leggi di Harry Potter sui giornali, ed è una sensazione surreale. Un giorno ho letto sul giornale il resoconto di una partita di tennis con Venus Williams, e uno dei suoi tiri era paragonato a un Bolide del Quidditch. E il giornalista dava per scontato che i lettori sapessero cos'era un Bolide! Non credevo ai miei occhi.

Richard: L'improvvisa ricchezza ha cambiato la tua vita?

JK: Francamente, è una gran bella cosa! Se hai passato anni difficili, e io ne ho passati... [JK balbetta, non trova le parole, sembra un po' in imbarazzo, NdT] A volte i giornalisti se ne escono con cifre assolutamente sovrastimate: quando hanno iniziato a definirmi milionaria, non lo ero affatto. E' strano, quando fino a un momento prima contavi ogni penny.

Judy: In pratica, diventi un'altra persona.

JK: Mi sono sentita come se un riflettore mi fosse stato puntato addosso all'improvviso. Mi sono sentita in debito verso la persona che ero stata fino al giorno prima.

Judy: Come l'ha presa tua figlia Jessica?

JK: Puoi immaginare: essere la figlia di JK Rowling... Gli altri ragazzi a scuola cercavano di estorcerle il titolo del prossimo libro. Ma lei è straordinaria.

Richard: Prima di incontrare tuo marito dicevi che trovare un uomo era difficile...

JK: Soprattutto per via dei bambini piccoli. E di nuovo, negavo a me stessa la realtà, e insistevo nel non volere bambinaie e babysitter...

Judy: Ora sei felice, hai una bella famiglia...

JK: Sono così fortunata.

Richard: Tua madre è morta a 45 anni mentre stavi scrivendo il primo libro, e tu hai detto che il tema portante dei libri è la morte. E' stata la scomparsa di tua madre a ispirarti?

JK: Sicuramente. Nella prima stesura ho fatto morire i genitori di Harry con molta leggerezza. Poi mia madre è morta, e io non potevo più sopportare che James e Lily morissero in quel modo stupido.

Judy: E' per questo che lo spirito dei genitori rimane una presenza costante nella vita di Harry? Nelle foto, e nello specchio...

Richard: Non mi stupirei se mi dicessi che hai versato qualche lacrima mentre scrivevi la scena dello Specchio delle Brame.

JK: Quello è uno dei miei capitoli preferiti.

Judy: I tuoi libri parlano del Male, ma c'è anche molto humour (per esempio, io adoro Gilderoy Allock!). Sono due aspetti della tua personalità?

JK: Sì, credo di sì.

Richard: Il settimo libro sarà davvero l'ultimo?

JK: Ho sempre detto che mi piacerebbe scrivere un'enciclopedia di Harry Potter per beneficenza. Ma è una cosa ben diversa da un romanzo.

Richard: Ma perché proprio sette?

JK: Perché credo che quando hai detto quello che avevi da dire, sia ora di mettere la parola fine. La cosa migliore è smettere quando la gente non si è ancora stufata di te.

Richard: L'ho letto su "Tatler"... E' vero che hai già scritto un altro libro, un racconto per bambini?

JK: Sì, non è terminato ma ne ho scritto una buona parte. E' una specie di fiaba, per bambini piccoli. Ed è molto più breve dei libri di HP. Sarà bello, dopo Harry, avere a che fare con un progetto di proporzioni meno vaste.

Richard: Scriveresti un'altra saga delle dimensioni di HP?

JK: Mi piacerebbe, ma non credo di potermi inventare un'altra storia così complessa e lunga.

Judy: Eppure io credo che prima o poi, non potrai evitare di tornare a Harry, in qualche forma o modo...

JK: Sì, "Harry Potter e la Crisi di Mezz'età"!

Nella seconda parte dell'intervista, l'autrice risponde ad alcune domande poste da un gruppo di bambini.

Judy: Più persone hanno acquistato un libro di HP dell'intera popolazione di Francia, Italia e Germania messe insieme! Ecco oggi con noi l'inventrice della scuola più pericolosa dell'intero sistema educativo britannico: Hogwarts!

[E' proiettato uno spezzone del quarto film. Iniziano le domande dei bambini]

Domanda: Se tu fossi un personaggio dei tuoi libri chi saresti?

JK: Probabilmente Hermione. Il suo personaggio è vagamente basato su me stessa quando ero giovane. Ero abbastanza antipatica e rompiscatole, e amavo studiare. In realtà Hermione è una fusione di me e mia sorella.

Judy: Ma eri tu quella che se ne usciva con citazioni da libri che aveva letto?

JK: Non credo di essermi mai spinta così lontano! [ride] Ma ero secchiona. Mia sorella invece era l'attivista politica, la paladina degli Elfi domestici insomma! Io sono stata caposcuola, ma nella mia scuola non era segno di grande popolarità...

[Una bambina dice che il suo personaggio preferito è Harry]

JK: Oh, è strano, tempo fa in un sondaggio è risultato che non molte persone preferiscono Harry... Qualcosa come il 2 per cento! Ron è molto più popolare. Anche Hagrid ha molti fan!

Domanda: Cosa vedresti in un Molliccio?

JK: Quello che vede la signora Weasley: la mia famiglia morta. So che è terribile, ma è la paura più grande di ogni genitore.

Domanda: Qualcuno dei tuoi personaggi è basato su persone esistenti?

JK: Allock è basato su una persona che conosco. Un quotidiano credette di individuare la persona in questione, ma si sbagliarono. La persona che avevo in mente io era davvero simile ad Allock, nei libri ho aggiunto molto poco alla realtà! E' stata l'unica volta in cui ho inconsciamente deciso: "ora inserirò la persona X nei miei libri".

Richard: Ti piaceva X?

JK: No, detestavo X! Cosa che penso si intuisca dal personaggio di Allock... X è l'egocentrismo fatto persona: scommetto che ora penserà: "Oh, JKR mi adora, mi ha dedicato un personaggio! Voleva sposarmi ma le ho detto di no..."

Richard: Sai che un giorno Carly Simon rivelò chi era la persona che aveva ispirato la canzone "You're So Vain"? Dovresti fare la stessa cosa con X!

JK: Non voglio rovinargli la vita!

Domanda: Cosa scriverai dopo Harry Potter?

JK: Devo terminare di scrivere un libro per bambini.

Judy: Ti dispiacerà molto quando l'ultimo libro sarà uscito?

JK: Certo, Harry mi mancherà molto.

Domanda: Hai scritto Harry Potter per qualcuno in particolare? Sei stata ispirata da qualcuno?

JK: Me stessa! Era qualcosa che davvero volevo fare, e scriverlo è stato così divertente!

Richard: L'idea è saltata fuori dal nulla?

JK: Sì! Ero sul treno, da Manchester a Londra, e l'idea mi è venuta. Così, dal nulla! Non completamente sviluppata, ma già coerente. Quando il treno è arrivato a Londra, Harry era nato.

Judy: A me piacciono molto i giochi di parole. Adoro il nome "Diagon Alley" [= diagonally, "diagonalmente"]. Non è meraviglioso?

Domanda: Hai sempre voluto fare la scrittrice?

JK: Sempre. Da bambina usavo parole che mi piacevano, ma di cui ignoravo il significato. Ma amavo le parole. Ho sempre amato le parole.

Richard: Ti capita ancora di scrivere al tavolino di un caffè?

JK: Sì, è il luogo in cui mi concentro meglio. Ovviamente non rivelerò il nome del bar!

Domanda: E' stato difficile inventare le regole del Quidditch?

JK: Le ho inventate in mezz'ora, dopo aver litigato con il mio ragazzo di allora. Forse è per quello che ho inventato i Bolidi!

Domanda: Come fai a inventare tutti quegli animali?

JK: Molti degli animali che compaiono nei miei libri provengono dalla mitologia, anche se li ho un po' modificati. Per esempio gli ippogrifi, di cui la mitologia non dice molto.

Domanda: Il mio personaggio preferito è Hermione...

JK: Non ci posso credere! Sei il primo maschietto che incontro il cui personaggio preferito è lei! E dimmi, ti piaceva anche prima che Emma Watson la interpretasse?

[Tutti ridono; il povero bambino ammutolisce.]


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Hogwarts/trackback.php?msg=1359114

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
>> hair restoration su hair restoration
Ricevuto in data 25/07/07 @ 09:45
hair restoration (continua)
 
>> buy diflucan su buy diflucan
Ricevuto in data 25/07/07 @ 14:32
buy diflucan (continua)
 
>> diflucin su diflucin
Ricevuto in data 25/07/07 @ 18:59
diflucin (continua)
 
>> diflucon su diflucon
Ricevuto in data 25/07/07 @ 21:09
diflucon (continua)
 
>> diflulcan su diflulcan
Ricevuto in data 25/07/07 @ 22:51
diflulcan (continua)
 
Commenti al Post:
Nessun Commento
 
 
immagineimmagineimmagineimmagineimmagine
 
- 207 - Tassorosso
- 210 - Il LumaClub
 

INDICE - Film

Locandine

immagineimmagineimmagineimmagine
 

Libri

immagineimmagineimmagineimmagineimmagine

 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30