Creato da Gladys_Eysenach il 12/07/2012

Gladys_Eysenach

A giuramenti, suplliche, lacrime era assuefatta come l'alcolizzato lo è al vino

 

 

« 2.C'è più soddisfazione n... »

3.

Post n°3 pubblicato il 14 Luglio 2012 da Gladys_Eysenach

 " Facendo leva sul braccio, si teneva sollevato sopra di lei. Per
permetterle di accarezzarsi e per toccarla anche lui. Lei voleva
che l’uomo aspettasse e che giocasse fra le sue gambe col
suo sesso duro. Lui spingeva e premeva senza affondare, accarezzava,
si muoveva, ondeggiava e strusciava, godendosi la
morbidezza umida e il calore della carne di lei. Alla donna
piaceva il languore del desiderio che cresceva fino a diventare
così intenso da confondersi col dolore e si crogiolava. E si
perdeva nella voglia. Le piaceva aspettare e ascoltare il respiro
di tutti e due diventare più concitato. Le piaceva respirare
nella bocca di lui. Lei diventava lui, poi riprendeva il possesso
del suo corpo e ancora era di nuovo lui. Lei era il suo
sesso, ma anche quello dell’uomo che aveva sopra di lei e la
voglia che lui aveva di entrare in lei le apparteneva come se
fosse stata la sua.

L’uomo si nutriva di ogni suo brivido e la aiutava a far crescere il desiderio. E la sentiva. Sentiva il sessodi lei indurirsi e gonfiarsi, sentiva nel cuore, nella mente,
nel ventre tutto quello che provava la donna e percepiva come
fossero stati suoi quei frammenti di oblio che affioravano
nella carne di lei. L’uomo aveva occhi liquidi che si appannavano
sempre più, man mano che lui e lei si perdevano uno
nell’altro. Lei, invece, gli occhi a tratti li chiudeva. E immaginava,
e si perdeva in un sogno così intenso da diventare
realtà, colore, suono, materia, profumo. La donna vedeva,
sentiva, annusava: era in una grotta buia, tiepida e umida, e
subito dopo si lasciava scivolare, trascinata nel tunnel di
un’onda rischiarato dalla luce calda del sole e mille gocce di
schiuma di mare la spruzzavano e la rinfrescavano. Poi, riapriva
gli occhi e si rituffava in quelli verdi di lui che non la
abbandonavano neppure per un secondo, neppure per l’istante
di un battito di ciglia. E anche quando abbassava le
palpebre, lui la tratteneva e lei si arrendeva a quel piacere che
continuava a crescere, perché la calamita dello sguardo di lui
le impediva di allontanarsi. E il piacere saliva: ecco, era arrivato
il momento. Era pronta. Poteva dirglielo senza parole?
Lui avrebbe capito? Aprì gli occhi e lo fissò, come a chiedere
aiuto. L’uomo la vide farsi cedevole e vulnerabile. Occhi di
velluto e di fuoco, arresi. Capì e affondò finalmente dentro di
lei, seguendo l’onda delle sue contrazioni e dei suoi singhiozzi.
Rallentò, si fermò e restò immobile e poi, ma solo
poi, attento anche al più piccolo sussulto degli spasmi di lei,
ricominciò, col respiro che diventava sempre più irregolare.
E cercava. Cercava i punti dove riprendere il piacere di lei e
rigiocarci, come solo lui sapeva fare. La donna si aggrappava
come un naufrago alle sue spalle larghe, alle sue braccia dai
muscoli tesi. E accarezzava il suo collo forte, guardava l’ombra
dorata che la barba appena accennata gli dipingeva sulle
guance. Si ancorava a lui con la disperazione di chi sta per
perdersi, confondeva le sue labbra con quelle dell’uomo e
cercava nella bocca di lui il suo stesso respiro, come se solo
così potesse continuare a vivere. E si scioglieva ancora nei
suoi occhi verdi, da felino, magnifici, fieri, occhi da guerriero.
E da predatore. Occhi da vincitore. Occhi che guardando
la donna dicevano, con un linguaggio a cui non servivano
parole: «Siamo io e te. E noi, io e te assieme, possiamo conquistare
il mondo, perché nessuno ci può sconfiggere».
L’uomo trovò ancora una volta il punto dove le difese di
lei si abbassavano e la donna ricominciò a sospirare più forte.
Lui si addolcì in un sorriso e sussurrò con la sua voce roca,
sfiorandole il collo con un bacio umido: «Amore, ti sento,
ci sei. Ancora, ancora, so che puoi, che sei capace. Piccola,
lasciati andare in me. Sentimi, senti me, senti te. Non c’è
nient’altro. Solo io e te. Solo noi». E continuò. Continuò.
Continuò. Continuò. Lei sussultava, e lui, col sorriso del piacere
e dell’orgoglio, contava, pianissimo, sussurrando sempre
più dolcemente, mentre lei singhiozzava ancora una volta.E
poi ancora e ancora. Lei non avrebbe mai potuto contare,
persa nei misteri del suo corpo che mai nessuno, neanche lei
stessa, aveva conosciuto così bene. L’uomo, quando scherzava,
le diceva: «Sei la mia mappa geografica: di te conosco anche
i sentieri più nascosti».
Poteva portarla ovunque, la donna avrebbe potuto fare
qualunque cosa con lui al fianco: non le sarebbe successo
niente di male. Lui era la sua rete di protezione. La sua era
una vita in bilico, ma anche se fosse caduta, si sarebbe salvata:
c’era lui. Se fosse fuggita, lui l’avrebbe ripresa. Lui sapeva
come fare. Lui era la forza, lui era l’Uomo. Lei lo
guardò. Lo voleva, voleva sentirlo e in un soffio: «Lasciati
andare, ora, adesso, amore, lasciati andare, puoi, voglio.
Adesso, ti voglio…»
Lui intensificò i colpi, che divennero sempre più forti,
ravvicinati, profondi. Lei si sentiva morire. Quando faceva
l’amore diventava acqua. Una cascata scrosciante, impetuosa e inarrestabile.

Il cuore in gola, il respiro che manca. I sussulti
di tutti e due. E finalmente lui si rilassò. Lei anche, e lasciò
il suo corpo, vinta. E lui e lei ripresero a respirare e ritornarono
al mondo.
«Schiacciami, schiacciami, lascia le braccia, stammi addosso
», disse lei in un bisbiglio.
Quanto le piaceva, dopo, sentire il corpo grande e imponente
di lui, sentirlo abbandonato sopra di sé e fare un poco
di fatica a respirare. Neppure un filo d’aria avrebbe trovato
spazio fra le loro carni incollate. In quel momento la donna lo
amava. Sentiva che l’uomo era a casa e che lei era il suo porto,
il suo rifugio. Lui era arrivato alla meta. Che cosa impediva
a quell’attimo di durare in eterno? Quello era il momento
perfetto in cui niente poteva spaventarla. Né fermarla.
Invece, fuori dal letto, tutto di quell’uomo le faceva paura. "

 

Erica Arosio
L’uomo sbagliato

 

Alle donne che almeno una volta nella vita
si sono innamorate dell’uomo sbagliato. Tutte

E' il solo aspetto che ci accomuni. Tutte.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Jezabel/trackback.php?msg=11447040

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
funnycam
funnycam il 15/07/12 alle 22:06 via WEB
Ma soprattutto a quelle che passano da un uomo sbagliato all'altro, come se avessero racchiusa in loro specie di malvagia calamita, come se vivessere un maladizione ....... o forse solo perchè è l'unica vita che sanno vivere!!
 
 
Gladys_Eysenach
Gladys_Eysenach il 17/07/12 alle 16:52 via WEB
credo che lì ci sia qualcosa che non vada a monte. ad altre basta sbagliare una volta sola, massimo due.
 
lidermax.mv
lidermax.mv il 16/07/12 alle 09:15 via WEB
Bel modo d'iniziare la settimana...la mia poca voglia di lavorare è già scemata. Ma un commentino devo farlo, anzi due. Uno: nessun attimo potrà mai essere eterno o ricadrebbe comunque in qualche forma di abitudine. Due: non avraimica l'intenzione di usare solo parole altrui, vero? ;)
 
 
Gladys_Eysenach
Gladys_Eysenach il 17/07/12 alle 16:51 via WEB
bene, contenta che la settimana sia iniziata con un modo che apprezzi. Uno: nessuno ambisce all'eternità, basterebbe una parvenza di coerenza continuata. Due: non prevedo di usare parole mie. Sono dannatamente banali. Meglio lasciar parlare chi abbia davvero a che dire.
 
   
lidermax.mv
lidermax.mv il 18/07/12 alle 10:43 via WEB
Tu parole banali? Proprio non mi risulta. E' una tua scelta e come tale va rispettata, ma è assai dificile trovare parole scritte da altri che ci rappresentino sempre completamente, credo.
 
     
Gladys_Eysenach
Gladys_Eysenach il 18/07/12 alle 20:17 via WEB
mi sopravvaluti. Non hai tutti i torti però : difficile è trovare parole scritte da altri che ci rappresentino appieno. Non fosse che é più facile, comporta poca energia. Io di energie ne ho poche al momento, quindi preferisco prendere a prestito.
 
chicchi770
chicchi770 il 17/07/12 alle 13:04 via WEB
verissimo
 
 
Gladys_Eysenach
Gladys_Eysenach il 17/07/12 alle 16:49 via WEB
già !
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

matelettronicalucille0annamariamennittikirina_kninokenya1Mariboevamonchery10iolaurabilaura.brusvalewinnie94cosasarebbesenzaavvbiasara.lozafarfuglaitorenot_serious
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom