Creato da delego.in.te il 13/10/2012

Lamine sovrapposte

Flusso laminare - Flusso il cui comportamento è determinato dalle forze di attrito interno. Nel flusso laminare, a differenza del flusso turbolento, gli strati infinitesimi di fluido scorrono dolcemente uno sopra l’altro, senza che avvenga alcun rimescolamento, neanche a livello microscopico. (treccani)

 

ULTIMI COMMENTI

Grazie per le tue parole Gabriella. Tu ormai sei "una...
Inviato da: delego.in.te
il 17/01/2020 alle 23:42
 
Sono molto orgogliosa di te, mio caro Francesco, perchè sei...
Inviato da: gaza64
il 17/01/2020 alle 17:22
 
Quella gode di ottima salute.
Inviato da: delego.in.te
il 21/06/2018 alle 22:46
 
e dell'indigenza culturale?
Inviato da: Dizzly
il 20/06/2018 alle 21:14
 
Grazie per le visite sull'altro blog. Fa sempre...
Inviato da: delego.in.te
il 18/06/2018 alle 14:12
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 

AMICI DEL BLOG

Amici del blog[ger]

cricetodoc

donnacamminante

gaza64

     

Fanny_Wilmot

Less.is.more

misteropagano

     

Narcysse

Sbelerch

sciarconazzi

 

 

 

sofiaa7

 

 

 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

 

« Crash paintingBanzaiii! »

Battiato e le troie

Post n°68 pubblicato il 16 Aprile 2013 da delego.in.te
 


Musica: Franco Battiato - Povera patria

Alcuni giorni fa Franco Battiato è balzato sulle prime pagine dei giornali per le frasi dette in un'intervista.

Il 26 marzo è intervenuto al Parlamento europeo, in veste di assessore al Turismo della Regione Sicilia.
Dopo l'intervento è stato intervistato da un giornalista e parlando dei politici italiani ha detto:

 «Queste troie che si trovano in Parlamento farebbero qualsiasi cosa. È una cosa inaccettabile». 

«Questa Italia fa schifo. Sono servi dei servi dei servi».

La cosa ha scatenato molte polemiche soprattutto nel nostro Parlamento. Battiato e stato buttato fuori dalla Assemblea Regionale siciliana. Visto che si trovava, Crocetta, ha fatto fuori anche Zichichi. Tanto per gradire.

«Sono stato frainteso», si è difeso Battiato. «Prendo atto con dispiacere che la mia frase, che ovviamente si riferiva a passate esperienze politiche caratterizzate da una logica da mercimonio offensiva della dignità delle donne, sia stato travisata e interpretata come una offesa al Parlamento attuale, per il quale ho stima, o per le donne».

 

Ormai la frittata era fatta. Il cattivo è stato punito e l'Italia e il Parlamento Italiano possono continuare a agire nella loro purezza.

Nessuno si è posto domande sulla veridicità del contenuto delle sue dichiarazioni.  Battiato non è nuovo a questo tipo di affermazioni sui politici italiani. Lo ha già fatto in qualche canzone.

Un brano molto celebre in cui parla male dei governanti è "Povera patria" (1991).
Il testo recita così:

Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere
di gente infame, che non sa cos’è il pudore
si credono potenti e gli va bene
quello che fanno e tutto gli appartiene.


Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni
questo paese è devastato dal dolore
ma non vi danno un po’ di dispiacere
quei corpi in terra senza più calore?

Non cambierà, non cambierà
no cambierà, forse cambierà.

Ma come scusare le iene negli stadi
e quelle dei giornali?
nel fango affonda lo stivale dei maiali
me ne vergogno un poco, e mi fa male
vedere un uomo come un animale.

Non cambierà, non cambierà
sì che cambierà, vedrai che cambierà.

Voglio sperare che il mondo
torni a quote più normali
che possa contemplare il cielo e i fiori
che non si parli più di dittature
se avremo ancora un po’ da vivere…

La primavera intanto tarda ad arrivare.

Sembra che nessuno si sia scandalizzato per questa canzone quando è uscita. Fu, anzi, considerata splendida e piena di comprensibile indignazione. Siamo nel 1991, prima dell'era di Berlusconi e dei suoi lacchè a "destra" e a "sinistra". Come siano andate le cose dopo e soprattutto negli ultimi anni lo sappiamo benissimo. 

 

Veniamo al significato del termine "troia". Secondo il vocabolario Treccani:

tròia s. f. [lat. mediev. troia, forse voce espressiva che imita il grugnito del maiale]. –

1. La femmina del maiale, spec. con riferimento a quella destinata alla riproduzione; è sinon. pop. di scrofa (ma sentito in genere come volg.)

2. fig., spreg. Puttana, soprattutto come insulto. ◆ Dim. troiétta e troiettina; accr. troióna e anche troióne m.; pegg. troiàccia (tutti quasi esclusivam. in senso fig.).

Condideriamo il primo significato: la femmina del maiale. Ai tempi di Povera patria definiva i politici buffoni e gli uomini maiali. Come già detto nessuno si era scandalizzato. Non ci sarebbe da scandalizzarsi comunque neanche ora se le donne fossero definite maiale, ma non è questo il caso.

Probabilmente si riferiva al secondo significato: puttana. Sia nel senso di donna che vende il proprio corpo per soldi che nel senso di uomo o donna che per soldi, o per altri favori, vende la propria dignità e tradisce la fiducia datagli dagli elettori.

Di cosa ci si scandalizza?

Cosa bisognerebbe dire, allora, del libro di Paolo Guzzanti (ex-deputato del PDL) "Mignottocrazia - La sera andavamo a ministre"?
 

Mignottocrazia è diventato un neologismo per indicare una classe politica che ha al suo interno diverse figure passate direttamente dal letto ai banchi del Parlamento o di qualche consiglio regionale.

Nel 2008 Guzzanti parlando della "politica" dice: «Più di scambio, tratterebbesi di compenso. Come scrisse Cossiga: ai miei tempi si offriva un filo di perle o un appartamento. Il punto, lasciamo perdere la Carfagna, facciamo finta che non esista è: è ammissibile o non ammissibile, in una democrazia ipotetica, che il capo di un governo nomini ministro persone che hanno il solo e unico merito di averlo servito, emozionato, soddisfatto personalmente?».
(Il Messaggero)

Tutto ciò che è stato creato intorno alle dichiarazioni di Battiato, ha l'aria di un polverone perbenista e nient'altro. Si nega l'evidenza mascherandola con una "indignazione per l'offesa alle donne e alle Istituzioni" che non era affatto l'intenzione del cantautore.

«Le parole pronunciate dall'Assessore Franco Battiato offendono le Istituzioni e tutte le donne italiane» ha detto il presidente della Camera Laura Boldrini.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Presentata al contest sul blog GRAPHIC_U'