Creato da delego.in.te il 13/10/2012

Lamine sovrapposte

Flusso laminare - Flusso il cui comportamento è determinato dalle forze di attrito interno. Nel flusso laminare, a differenza del flusso turbolento, gli strati infinitesimi di fluido scorrono dolcemente uno sopra l’altro, senza che avvenga alcun rimescolamento, neanche a livello microscopico. (treccani)

 

ULTIMI COMMENTI

What weather today,Weather forecast, Weather, Wetter,...
Inviato da: What weather today
il 12/04/2022 alle 15:57
 
What weather today,Weather forecast, Weather, Wetter,...
Inviato da: Weather
il 12/04/2022 alle 15:57
 
What weather today,Weather forecast, Weather, Wetter,...
Inviato da: Weather now
il 12/04/2022 alle 15:57
 
Letto e risposto, ciao.
Inviato da: delego.in.te
il 05/05/2021 alle 21:00
 
Hai un messaggio in mail, ciao:)
Inviato da: misteropagano
il 30/04/2021 alle 19:35
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 

AMICI DEL BLOG

Amici del blog[ger]

cricetodoc

donnacamminante

gaza64

     

Fanny_Wilmot

Less.is.more

misteropagano

     

Narcysse

Sbelerch

sciarconazzi

 

 

 

sofiaa7

 

 

 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

 

« HORTI SICCIFucili per bambini »

Primo maggio

Post n°75 pubblicato il 01 Maggio 2013 da delego.in.te
 


Musica: Enzo Del Re - Lavorare Con Lentezza

Qualche giorno fa in Bangladesh è crollato un palazzo di otto piani. Era un edificio con delle fabbriche tessili. Ci lavoravano più di 1500 persone. I morti sono 387.
Tra le multinazionali di tutto il mondo che commissionavano lavori a queste fabbriche, ce n’erano quattro italiane. Una di queste pare sia la Benetton che aveva commissionato delle camice (Fatto quotidiano).

Gli operai che lavoravano in queste fabbriche guadagnavano circa 40 dollari al mese, al cambio odierno, circa 30 euro. Con 30 euro in Italia non si compra neanche una camicia di una delle marche che rifornivano queste fabbriche.
Se rapportiamo lo stipendio di uno di questi operai con lo stipendio medio di un operaio italiano, circa 1200 euro, vediamo che il rapporto è di 1 a 40. Con lo stipendio di un operaio italiano si pagano 40 operai in Bangladesh. In tutta questa situazione chi ci guadagna sono le multinazionali a discapito degli operai sfruttati in Bangladesh, ed in altre parti del mondo, e degli operai italiani che sono vittime di questo sistema e gli viene portato via il lavoro.
Credo che questo primo maggio debba essere dedicato a loro, agli operai sfruttati, vessati e derubati del Bangladesh, dell’Italia e di tutto il mondo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Presentata al contest sul blog GRAPHIC_U'