Creato da gabbiano642014 il 15/01/2015
Cultura,tempo libero,collegamenti occasionali
 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
Terzo_Blog.Giusannaincantogianor1surfinia60monellaccio19Coralie.frba.vi60woodenshipe_d_e_l_w_e_i_s_slicsi35penina.monamourriccidoraticardiavincenzoneopensionatakaren_71
 

Chi puņ scrivere sul blog

 
Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo  blog non rappresenta

una testata giornalistica,

non ha scopo di lucro.

Alcune foto e testi del Blog

sono state reperite dal web.

Qualora fosse stato violato

il diritto di copyright prego

di darmene avviso,per la

rimozione immediata.

 

SHINYSTAT

 
 
 

 

 
« DOPO 250 ANNI,STERNE E I...VIVERE A PARNASO NEL TEM... »

04 APRILE 1968: I HAVE A DREAM

Post n°285 pubblicato il 04 Aprile 2019 da gabbiano642014
 

 

   

   Martin Luther King - Lincoln Memorial 28 Agosto 1963


Martin Luther King, pastore protestante,leader del movimento contro

la segregazione razziale viene assassinato a Memphis (Tennesse) il

04 Aprile 1968.

Il flusso dei discorsi al Lincoln Memorial è l' interpretazione storica

di innumerevoli avvenimenti e personaggi.

Il 28 Agosto 1963, Martin Luther King al Lincoln Memorial parlò

dinnanzi alla manifestazione pacifica che riunì 250.000 persone.


"IO HO UN SOGNO,CHE UN GIORNO SULLE ROSSE

COLLINE DELLA GEORGIA I FIGLI DI COLORO CHE

                 FURONO SCHIAVI

E I FIGLI DI COLORO CHE POSSEDETTERO SCHIAVI

POTRANNO SEDERE INSIEME AL TAVOLO

                DELLA FRATELLANZA".*


Le parole raccolgono non il buonismo,ma i sentimenti,

la determinazione,i valori di alcuni uomini che non esauriranno

mai.

Lo sguardo fisso in lontananza è una lunga scacchiera multicolore,

dove un giorno uno scacchista umano riuscirà a porre fine

alle discriminazioni invisibili dello Jim Crow presenti in ogni parte

del mondo,a quell' inverosimile teatro di violenze,per rivelare

l'universalità che Dio ha creato:

"L'UOMO".


*Fonte: Enciclopedia Treccani

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog