Creato da Alicesar il 10/06/2008

ME.AND.I

Quanto è grande l'universo? Infinito:*

 

 

A volte ritornano!

Post n°458 pubblicato il 22 Ottobre 2014 da Alicesar

Una vita fa. E' passato un tempo indefinito da quando non scrivo più qui, sarà che è passato di moda il blog, sarà che invecchio ma mi sa che va bene così. Ogni tanto torno per rileggere il mio cuore qui impresso. Che delizia rileggermi, rivivermi....riviverti.

 

Mi manchi sempre. 

 

Il tempo non sistema le cose. Le cambia ma non le sistema.

 
 
 

Flash.

Post n°457 pubblicato il 05 Agosto 2013 da Alicesar

Ti ho sognato stanotte. Avevi comprato un'auto nuova. Non ricordo molto, solo vagamente ricordo la sensazione di agitazione nel cuore. Quell'agitazione data da chi è contento di vedere una persona a cui tiene molto ma che ahimè comincia a sbiadire a volte, a tratti, nella mente. La cosa mi spaventa un po'. Recentemente ho visto per caso una tua foto, forse l'ultima sul web. Che stranezza. La mancanza è diventata un'abitudine alla quale farei volentieri a meno, purtroppo è un fardello che mi porto dietro e che nascondo ai più. Era inevitabile. Strade diverse, parallele ma diverse, neanche uno scambio ferroviario. Si va. Sempre dritti, sempre avanti.  

Mah, chissà se stiamo facendo la cosa giusta.

Non ne sono convinta.

 

 
 
 

Empty space.

Post n°456 pubblicato il 25 Giugno 2013 da Alicesar

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

...è che se tu non ci sei, io ci sono di meno.


Cazzo,....tutto si racchiude in questa frase.

 
 
 

No sense

Post n°455 pubblicato il 21 Giugno 2013 da Alicesar

A volte mi rendo conto di quanto vuota sia la mia casa. Grande e silenziosa, soprattutto al mattino. La osservo e la ascolto mentre sorseggio una tazza di latte, in piagiama, con gli occhi ancora stropicciati. E mi chiedo se la mia casa in fondo non rispecchi quello che sono io. Quello che sono diventata. Mi spaventa un po'. A volte attacco una canzone, per non sentire quel che ha da dirmi, forse mi nascondo. Forse dovrei affrontarlo questo dialogo, questo interrogativo.

Lasciamo perdere. In questo momento ho paura. Te ne andrai oggi, via lontanissimo. Sorriso e occhiali specchiati. Il cuore pieno di voglia di avventura. E' giusto così. Emozioni contraddittorie mi si accavallano nel cuore, un grande tornado in effetti. Ma lo tengo quieto dentro di me. Che bello poterle scrivere queste cose, senza nessun giudizio o sguardo di disapprovazione. E' decisamente liberatorio. Non parlare mi fa male. Ho la lacrima facile oggi, ma io so il perchè e non me ne preoccupo molto. Mi passerà...ma cribbio sempre queste cose che si sommano nei momenti sbagliati.

Domenica andrò al mare. Per la prima volta quest'anno. L'entusiasmo non è molto,ma spero aumenti con il passare delle ore. Solo io so dove vorrei essere. Solo io. Neanche voi avrete l'onore di saperlo, non ha senso comunicarvelo. Vivo un senso di ingiustizia che va e viene, aumenta e diminuisce, cambia in gelosia, diventa indifferenza. Sta di fatto che c'è e io ormai ne convivo da un po'.

Bando alle ciancie, arriviamo alla conclusione di questo post sgangherato: vorrei essere lì con te, in volo e poi con il sole in faccia. Come in quell'immagine che ho nel cuore di noi abbracciati in quella panchina sul porto di Sydney. Un gelato in mano. Felici del nostro tempo.

In realtà sono al lavoro. Damn.

 
 
 

Vivendo a calamita.

Post n°454 pubblicato il 30 Maggio 2013 da Alicesar

Scrivo qui e attacco pezzi di parole e di immagini che in altro posto potrebbero essere interpretate come in realtà sono da persone che non sanno cosa sia il mio cuore. Perchè bisogna essere sempre sorridenti, andare avanti, positivi, pieni di positività.

Chi lo dice è uno stolto.

Senza il dolore non andiamo da nessuna parte, fa parte di noi, come tu facevi parte di me. E' inutile fingere. Il tempo è passato e passa inesorabile ma tu sei quella che ho scoperto essere la mia affinità elettiva. Non c'è nulla da cercare di nuovo e di diverso. Perchè il cuore lo sa. Perchè a volte mi manchi così tanto che non so cosa fare per non scriverti o chiamarti, solo per sentire la tua voce e star meglio. Perchè non guaritò mai. Perchè a volte vorrei solo essere una parte di un porta foto a calamita che avvicinandosi all'altra metà si attacca da sola. Click. E tiene in mezzo il tempo, fermandolo.

Macchè,sono solo parole. Canta Nina, dai voce al mio pensiero.

 
 
 

True.

Post n°453 pubblicato il 26 Maggio 2013 da Alicesar

 
 
 

Status.

Post n°452 pubblicato il 23 Maggio 2013 da Alicesar

Una delle più belle di sempre.

"Anche se aspetto il giorno, quello che dico io, dove ogni tuo passo si confonde col mio". 

 

 
 
 

Words.

Post n°451 pubblicato il 18 Maggio 2013 da Alicesar

"L'hai amata?- Sì.- Avete fatto l'amore?- No.- Allora perchè stavi con lei?- Non so se capirai. Una volta avevo visto come scivolano le lacrime sulla sua guancia, e allora mi sono reso conto che non lo permetterò mai più. Mi importava sempre se ha mangiato, se si sente bene, se non ha freddo. Non ho mai voluto portarla a letto, volevo solo abbracciarla mentre guardiamo un film, svegliarmi dai suoi baci. Volevo starle vicino. Mi piaceva vederla come mangia un cioccolatino come una bambina e si pulisce con la mano. Quando tutti la chiamavano e lei diceva "sono fuori con il mio amore". Non era come tutte le altre. Lei non mi amava come le altre. Lei mi amava sinceramente. E anche io. Lei era la mia bambina. - E perchè vi siete lasciati?- La bambina è cresciuta...- Ma?- Ma per me lei rimarrà sempre quella bambina stupidina.- E come va con la nuova fidanzata?- E' un idiota. Non le vieto di fumare, non mi frega di com'è vestita, di quello che sente, odio svegliarmi con lei la mattina. Questa la voglio soltanto. Ma a quell'altra l'ho amata...e continuo ad amarla."

 

(via moltoforteincredibilmentefragile)

 

 

 
 
 

Random.

Post n°450 pubblicato il 13 Maggio 2013 da Alicesar

- Forse un giorno ti capiterà di sentire il bisogno di avermi vicino,allora avrai voglia di chiamarmi ma non lo farai perchè tu sei uno di quelli che preferisce sentirle le mancanze piuttosto di confessarle, riempirle, curarle. - E.Calandrini.

-Quando ti diranno che ti ho dimenticato,e anche se sarò io a dirlo, quando te lo dirò, non credermi. - cit.

- Perchè nessuno possa dimenticare che non si è mai lontani abbastanza per ri-trovarsi.Mai. - Baricco

- Ed è stato guardandoti l'ultima volta che ho capito che non amerò mai più così. Ti cercherò dentro tutti gli altri e non ti troverò mai. - cit.

- Lo sapevo che era difficile ma pensavo che io gli sarei bastata. Io, che ci sarei sempre stata. Io, che non l'avrei lasciato mai. Io,che ho mantenuto la promessa, perchè alla fine è stato lui a lasciare me. -

- Soffrirai con un sorriso? E' il destino delle donne. - N.Sparks

- A volte mi chiedo se vale la pena lottare per amore. Poi mi ricordo il tuo viso e sono pronta per la guerra. - cit.

- Sto ridendo. E' questo quello che la gente superficiale vede. Nessuno è capace di leggermi negli occhi, eppure sono così trasparenti. - cit.

- Ricorderò di lui quello che è stato e quello che non sarà, quello che avrei voluto e non c'era. - cit.

- Quando ti importa veramente di qualcuno, i suoi errori non cambieranno mai i tuoi sentimenti perchè è la mente che si arrabbia. Ma al cuore continua ad importargliene. - cit.

- Credo che durante un abbraccio bisogna rimanere zitti. E' d'obbligo. E' il momento in cui le anime sussurrano tra loro. - cit.

- La vita va avanti amando chi non ci ama e essendo amati da chi non ameremo mai. - C.Bukowski

- Ti ho amato perchè il desiderio di te era più forte di qualsiasi felicità. - Baricco

- So che potrremmo andare ognuno per la sua strada e ce la caveremmo bene,ma ho visto cosa potremmo essere insieme e io scelgo noi. - The family man

- Non è che mi manchi. E' che se non ci sei tu, io ci sono di meno. - Sorge

 
 
 

33.

Post n°449 pubblicato il 25 Gennaio 2013 da Alicesar

Forte. Cos'è essere forte?

E' resistere sempre, oppure è arrendersi a quello che non si può impedire e così evitare la distruzione anticipata, sfiniti dal nostro lottare, e insieme la distruzione di chi si sta intorno e amiamo, travolti dal nostro essere travolti?

E' rinunciare alla battaglia. A volte. 

Assecondare le onde.

Questo essere forte è così umano, così leggero, come la neve quando ancora è in volo, come la brezza in cui Dio si nasconde.


("Il tempo è un Dio breve"- Cap.33)

 
 
 

Capitoli di vita.

Post n°448 pubblicato il 09 Gennaio 2013 da Alicesar

 

..."Il bilancio del bene e del male della mia vita è negativo. Sia per quanto ho sofferto, è stato troppo, troppo, troppo, sia per quanto ho fatto soffrire.

Qualche volta perchè non sono stata capace di essere migliore, qualche volta perchè non ho saputo resistere al piacere di schiacciare gli altri con l'arroganza dei giochi di parole, i giochi dello spirito. Mi pesa ogni dolore che ho procurato e non basterebbe una vita centenaria a fare pari perchè non c'è modo alcuno di pareggiare il dolore.

C'è chi è sicuro che si pareggia il dolore quando si ottiene il perdono di chi lo ha subito. E se la persona che hai umiliato facendole pesare la tua superiorità, oppure hai schiacciato con i tuoi giudizi o pregiudizi, oppure semplicemente hai ignorato inchiodandola a un'attesa che non hai voluto appagare, se questa persona non ha gli strumenti per capire di avere subito un torto, anche se in verità lo sente o lo ha sentito il dolore, come può darti il suo perdono? Bisognerebbe portarla ad essere consapevole, provocando altro dolore. Assurdo.

Al male non bisogna mai dare principio. Quando lo si è svegliato vive di vita propria, si moltiplica in proporzione dei buoni sforzi che si fanno per fermarlo, è una tenia che rinasce da ogni suo frammento.

Certo che ci sono anche le gioie e il bene fatto. Ma le gioie dovrebbero essere condizione normale della vita. La vita potrebbe non esserci, se c'è dev'essere perchè è migliore del nulla. Parla Pierre qui oppure parlo io? Forse parla la paura di ciò che mi accade? Il bene fatto è solo la gioia che gli altri si aspettano da noi. Fare il bene è il respiro normale della vita.

E' la normalità. E' il nulla. "...


( "Il tempo è un Dio breve" - Mariapia Veladiano)

 
 
 

Christmas time

Post n°447 pubblicato il 14 Dicembre 2012 da Alicesar

Il tempo vola si sa. Il Natale è praticamente già arrivato e io ho ancora parecchi problemi per i regali quest'anno. Azzeccare qualcosa che sia utile ma allo stesso tempo carino non è facile. E senza spendere una follia proprio è impossibile. Regalerò una busta piena di amore e simpatia a tutti e basta.

Sono settimane sempre tormentate, di caos e di confusione. Di sentimenti e di relazioni. Ho fatto l'albero. Qualche giorno in anticipo rispetto al canonico 8 dicembre perchè andava bene così. Ho cambiato le mie tradizioni quest'anno. Basta canzoni natalizie di sottofondo, basta fili argentati che cadono dall'alto e che non ho mai potuto sopportare. Nuove palline e nuovi addobbi. I vecchi ricordi affiorano sempre comunque, anche se cerco di non visualizzarli. Le regole base dell'addobbo restano sempre quelle: palline piccole sopra e grandi sotto. I fili di luci sono raddoppiati e cadono virtualemente fiocchi di neve in soggiorno.

La cosa che mi rattrista di più è sapere che sarà un Natale solo in famiglia, come l'anno scorso. Niente caos e sorrisi in compagnia. E so che mi mancheranno anche quest'anno. Ma il tempo delle feste passa in fretta e tutto tornerà alla normalità di vita e di sensazioni.

Spero solo che Babbo natale quest'anno mi porti ciò che voglio e non solo una copia di un originale troppo costoso. Purtroppo ciò che voglio non arriverà. Facciamocene una ragione.

 
 
 

Il tempo vola..come le foglie. Tu resti.

Post n°446 pubblicato il 29 Ottobre 2012 da Alicesar

Che dire, manco da un po' e di cose ne sono successe. La cosa che però non cambia mai è quella leggera sensazione di malessere che mi prende, ultimamente più spesso. Non lo so perchè, non è una cosa descrivibile. E' un mix di emozioni, di mancanze e di malinconie dovute a cose precise,ma che non mi va che emergano. E invece lo fanno. L'estate è ormai è finita e con lei sono rimasti solo ricordi, non dico sbiaditi ma deboli. Qualche giorno al mare, qualche bagno, immagini di dolci colline toscane e buon cibo. Tante cose non ho fatto in questa estate tra le quali abbracciarti. Stretto a me sorridendo. Non ho fatto nessuna grigliata. Non ho fatto feste o altro tipicamente estivo. L'estate è passata veloce, scivolando tra turni di lavoro assurdi e un caldo torrido. L'autunno è già inoltrato ormai. E io mi sono concessa una pausa lontana da qui, lontana da tutto e da tutti in un periodo che mi lascia sempre molta tristezza nel cuore. Un periodo di ricorrenze scomode, di feste confuse. Me ne sono andata fisicamente ma non sono riuscita a staccare con il cervello. Parigi mi ha assorbito ma non completamente o come avrei voluto. Splendidi giorni di sole e di passeggiate, di lingua sconosciuta e di spuntini fatti con brioches fragranti e metropolitana. Ma in realtà avrei voluto esserci. Non so come avrei potuto farlo, ma avrei voluto farlo. ESSERCI. Cosa che da un po' non faccio, non mi è permesso. Una lontanaza che ultimamente sento più forzata del solito, forse per le circostanze, forse per gli eventi. Continuo a rimanerci spiazzata. A non sapere cosa fare. La reazione più rapida è quella della chiusura, dell'allontanamento,ma non ha lunga durata, mai. E questa è una cosa della quale non mi capacito. Non capisco il perchè. Ho superato un dolore immenso, il più grande del mondo, mi sono rialzata e ho reagito, ho voltato pagina, cerco di scrivere nuovi capitoli di questo immenso libro bianco ma non c'è nulla da fare. Emergono respiri, immagini, odori. Ci sono sempre. Mi affollano la mente sempre. E mi rammarico di non poter condividere con te ciò che mi accade. Quel che ho visto e vissuto. La felicità non è tale se non è condivisa e io vorrei condividerla con te. Il mio Amico. Vado avanti e sono forte. Ma qualcosa manca. Forse quella parte di cuore che ti sei portato via quando mi hai lasciato e che,si sa,non si ricrea.

Mi avvolgo di foglie gialle e rosse, dell'odore della terra umida e del vento che porta novità. Chiudo gli occhi e spero che siano solo cose belle. Spero che mi riportino te. Anche solo per un abbraccio.

 

 

 
 
 

Back to school?!

Post n°445 pubblicato il 07 Settembre 2012 da Alicesar

Ieri girovagavo per negozi, senza un idea particolare su cosa acquistare...passavo per gli scaffali e guardavo cose per la casa e quant'altro. Altissimi scaffali metallici pieni zeppi di cose colorate, talvolta inutili ma che ti piace avere solo per il gusto di comprarle. E' da tre giorni che giro con in portafoglio 5 euro più qualche spicciolo, non di più..sia per evitare qualsiasi tentazione di comprare cose superflue, sia per avere la sicurezza di avere qualche soldo in caso mi venisse voglia di un gelato e basta. Giro giro giro...arrivo alla sezione scuola. Prendo in mano un diario e lo sfoglio. Maaaammaaaa...quanti ricordi! L'emozione della scelta del diario...una scelta che doveva essere fatta in modo oculato: doveva essere piccolo ma spazioso, divertente ma non troppo colorato. Tipo agenda da grandi ma non ancora così sterile e noiosa. Era un momento storico quello del suo acquisto, era come dare l'inizio ad un nuovo anno, ad una nuova fase della mia vita. Soprattutto perchè il diario per me diventava amico di sensazioni, di paure e di amori.

La verità? Sono stata tentata di comprarmene uno ieri. Tantissimo. Per avere di nuovo quell'impressione di poter dare inizio ad un nuovo anno, guardarlo fisicamente scritto tra pagine colorate e vignette divertenti. Vederli in mano quei giorni che verranno e capire come il tempo passa dallo spostamento del segnalibro. Ma non l'ho fatto. Ormai sono grande. Ormai ho una certa età. Ormai sono grande. Ma il profumo della carta nuova mi fa sempre emozionare.

 
 
 

Friday

Post n°444 pubblicato il 10 Agosto 2012 da Alicesar

Sì,è venerdì e io sono felicissima:) non lo so il perchè, sono al lavoro e tutto è una noia, ma l'idea che questa settimana sia già volata mi fa piacere:)

Unico neo? Cribbio siamo già al 10 di agosto!!!:/ Il tempo vola davvero...poco male per la questione atmosferica visto che io non vedo l'ora che arrivi la neve, ma poco bene per altre questioni. Il tempo scivola via e bisogna sempre occuparlo il più possibile e al meglio! Mi sto dando da fare:) tra mare e feste...:P

Procediamo! Buon weekend a tutti e soprattutto non limonate troppo stasera stesi a  guardare le stelle con il vostro lui/ vostra lei :) vi perdereste troppe buone occasioni per richiedere a chissà chi che i vostri desideri si possano realizzare! Occhi aperti!

 

^_________________^

 
 
 

Scrivo un libro?

Post n°443 pubblicato il 25 Luglio 2012 da Alicesar

Nel lavoro che mi ritrovo a fare io in questo periodo ho a che fare con tanta gente..per fortuna o purtroppo. Vedo e parlo continuamente con centinaia di persone ogni giorno ed è inevitabile che io mi faccia un'idea di come sta andando il mondo. Intanto credo di abitare in una città abbastanza fredda, le persone sono distaccate e scorbutiche...pochi i sorrisi e i grazie, poca la cordialità e la voglia di porsi in modo educato. Poi credo che la gente sia prevalentemente mediocre e ignorante, lo dimostra in mille diversi modi. Non ponendo attenzione al mondo che la circonda mi fa riflettere sul fatto che o lo fa perchè non si rende conto o perchè il mondo fa talmente schifo che è quindi una reazione naturale di difesa. Mah..resto comunque interdetta in molti modi e in troppe circostanze. Per non parlare poi dell' abbigliamento. Ok che la moda  rende tutti delle pecore (perchè secondo me pochi comprano certi capi perchè coscienti e decisi a farlo, per ricreare quello stile)certo è che sta al buon senso della gente indossare o no certi capi. E qui casca l'asino! Purtroppo mi sembra che sia propiro latitante questo buon senso...-_-'...:shorts inguinali indossati da donne di tutte le taglie,le forme e le età. Reggiseni in vista per seni sodi e non. Tacchi vertiginosi in dodicenni che sembrano 30enni e in anziane che vogliono trovar qualche anno in meno. Ciabatte infradito ovunque! Quelle di gomma, sciatte e adatte solo ed esclusivamente alla doccia! Portate e sciabattate come se fosero delle scarpe di Loubutin!:( Che tristezza..neanche fossimo sempre in vacanza dove la sabbia è più facile da eliminare semplicemente togliendole rapidamente. Fantasie di colori e non accostate per creare quadri di Picasso o Vedova. Assurdo... Donne di taglia XXL che passano inguainate in magliette S mettendo in evidenza antiestetici rotoli di grasso...e senza vergogna!:( Proprio non capisco..

Scusate lo sfogo...non porta a nulla e soprattutto non permetterà di cambiare il mondo, ma questo non è il mondo che sognavo. Tante cose sono da cambiare...

Buona giornata.

 
 
 

Slam!

Post n°442 pubblicato il 20 Luglio 2012 da Alicesar

Il mio mondo sta crollando, o perlomeno una parte di esso. Mi si sta sbriciolando sotto i piedi e io me ne sto a guardare. Molte volte l'intraprendenza e la testardaggine non servono se non a farti passare per una donna sciocca e penosa. Io ci provo a difenderla la mia vita e sono contenta di essermene impossessata di nuovo per una buona parte, ma un'altra piccola parte resta sempre ancorata a questioni vecchie e che ormai si tirano per le lunghe..o per lo meno mi sembra. A volte non mi rendo conto che sia così nonostante tutto il mio lavoro e il mio impegno. Non mi rendo conto che i giochi in realtà stanno già cambiando sotto ai miei occhi..che stupida. E che schiaffo che ho ricevuto oggi, una vera doccia gelida. Maledizione. Fa male al cuore ma serve molto. Sono di quelle situazioni in cui ti svegli da un torpore, inevitabilmente.

Com'è difficile la vita. Ma si cade e ci si rialza. Più forti, prima zoppicando, poi migliorando. E al cuore ci si mette lo scotch.

 

 
 
 

Tornare o partire?

Post n°441 pubblicato il 19 Luglio 2012 da Alicesar

Sono tornata. Un po' più abbronzata e con gli occhi più azzurri. I capelli si sono schiariti e le lentiggini hanno preso il sopravvento nelle mie guance. Gli occhi sono anche più sognanti e la mente più tranquilla. Questa pausa mi ha fatto bene lo devo ammettere, ma come sempre c'è il risvolto della medaglia:i turni che mi aspettano la prossima settimana sono allucinanti e non voglio pensarci. Ho ancora nelle orecchie le cicale e il vento che trasporta il profumo dell'erba secca,del grano e del silenzio. Ho ancora negli occhi quelle colline dolci create da un'alternanza di verde,giallo e marrone, che ti scaldano anche i pensieri più gelidi..è innegabile. Ho ancora nei piedi le salite e i gradini, le discese e la terra,l'acqua e l'abbronzatura delle infradito. Vorrei che tutto quello che ho immagazzinato non svanisse più, vorrei che mi servisse come ricarica per sempre...ma non sarà così purtroppo.

Vivo bene il momento, sfrutto la leggerezza e la sensazione di vacanza che ho ancora sulla pelle. Per ora mi basta:)

Buona giornata.

 
 
 

No signal.

Post n°440 pubblicato il 06 Luglio 2012 da Alicesar

Lo so, mi lamento troppo ma non sopporto vedere scorrere la mia vita rendendomi conto di aver perso un altro giorno inutilmente. Non vedo costruito nulla, il mio tempo scivola via senza che nulla lo fermi. E giorni preziosi passano. Sarà anche brutto da dire ma è come se avessi raggiunto la morte cerebrale. Non ce la faccio più. :'(

 
 
 

Sgabello ikea

Post n°439 pubblicato il 06 Luglio 2012 da Alicesar

Fiuuuu...che giornate!Oggi ultimo giorno di lavoro prima delle sognate e agognate ferie. Troppe peripezie per averle e troppa ansia per farmele confermare! Solo stamattina la conferma definitiva...e parto domenica. Cooperativa merdosa...uff...anche oggi sono sul mio classico trespolo Ikea (che non  consiglierei di acquistare a nessuno vista la scomodità e per il fatto che ha uno schienale di plastica totalmente fittizio visto che non ti ci puoi appoggiare pena uno sbilanciamento pauroso e pericolo per la vita) che non so se ridere o piangere: orario pieno, sola, in balia della noia e della stupidità umana. Ahhhh! Non devo pensarci pena la morte cerebrale.

Voglio il potere dell'invisibilità..lo voglio!

Basta, sto delirando.

Buona giornata.

 
 
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Alicesar
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 37
Prov: EE
 

Si sta facendo notte
c’è gente che non dorme ma riflette
sul tempo che va...
Non è un problema l’età
aprite quelle porte
e fate entrare amore in ogni cuore
finché ce ne sta.
Non fosse stata musica
a guarire i silenzi miei
non starei qui a difenderla
non ti chiederei
di credere in lei... lo sai...

 

UN AMORE...

 

ALWAYS.SMILE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mihaiscopertaMyNameIsVioletAlicesarAtena.88pantaleoefrancapagina171albertocinottiarjentovyvokalenifalsapiriteantropoeticopaolo1974latina.camlacky.procinotedoforo3
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

ULTIMI COMMENTI

non so... non mi sembra un amore sano così descritto. Ma...
Inviato da: zero_complicazioni
il 24/05/2013 alle 18:14
 
...e come vola! siamo già alle porte di...
Inviato da: dancewiththesun
il 28/08/2012 alle 15:40
 
^_^
Inviato da: Alicesar
il 27/07/2012 alle 13:30
 
Iniziamo dalle piccole cose, già ci farà star meglio ;)...
Inviato da: AlyPatella
il 26/07/2012 alle 16:07
 
Concordo pienamente con te..fa molto male si..prendiamola...
Inviato da: Alicesar
il 25/07/2012 alle 09:53
 
 
 


Dovete continuare a crescere a e progredire.
Ogni giorno dovete introdurre qualcosa di nuovo nella vostra vita.
La vostra responsabilità principale è nei confronti di voi stessi.
Se non la pensate così, non potete dare niente a nessuno.
Potete dare soltanto ciò che avete.
Se diventate vivi, se attraversate il mondo a passo di danza, facendo cose pazze, diventate affascinanti.
E' l' affinità che ci avvicina, ma è la novità che ci tiene insieme.
Siate saggi, siate stimolanti, siate eccitanti, condividete nuove idee, crescete, progtredite, evolvetevi.
Non siate mai prevedibili!

[L.Buscaglia]




 
 
 
 


Se io potessi vivere un'altra volta la mia vita, nella prossima cercherei di fare più errori; non cercherei di essere tanto perfetto; mi negherei di più; starei meno serio di quanto sono stato: difatti prenderei pochissime cose sul serio.
Sarei meno igienico, correrei più rischi, farei più viaggi, guarderei più tramonti, salirei più montagne, nuoterei più fiumi, andrei in più posti di quelli dove mai sono andato, mangerei più gelati e meno fave, avrei meno problemi reali e più immaginari.
Io sono stato una di quelle persone che ha vissuto sensatamente e precisamente ogni minuto della sua vita;
certo che ho avuto momenti di gioia, ma se potessi tornare indietro cercherei di avere solo buoni momenti.
Nel caso non lo sappiate, di questo è fatta la vita, solo di momneti; non ti perdere l'oggi.
Io ero uno di quelli che mai andava in nessuno posto senza un termometro, una borsa dell'acqua calda, un ombrello e un paracadute; se potessi vivere di nuovo comincerei ad andare scalzo all'inizio della primavera e continuerei così fino alla fine dell'autunno.
Farei più giri in carrozzella, guarderei più albe e giocherei di più coi bambini, se avessi un'altra volta la vita davanti.
Ma guardate, ho ottantacinque anni e so che sto morendo.

[J.B.Borges]

 

FREEDOM? IS IN THE AIR

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.