Creato da: Merube il 27/07/2014
Diafisario

Area personale

 

Ultimi commenti

 

 

 
« diafiṡàrio 9diafiṡàrio 11 »

diafiṡÓrio 10

Post n°10 pubblicato il 31 Luglio 2015 da Merube

 

Ha una sagoma aspra il dire quando le ruvidezze repentine di un tempus poris scontornano ogni lemma e tace il titillare convulso della lingua sul palato come uno sbattacchiare d'ali a misurare fiacco il ciglio del vocitus. In girotondo vorticano tutte le parole, prima dello schianto, prima di stramazzare in sincronia con il silenzio incrinandosi nel baricentro fino alla genesis di senso. Così il corpo abbandona peso all'anima e muta d'accezione e d'essenza, nello spiazzo dell'allocuzione si appunta come un fregio nero a margine, nel bianco esangue di una pausa muto, diserta la distanza, annichilendosi si fa senza verbo, cronico, sconfinato.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog