Creato da pierrde il 17/12/2005

Mondo Jazz

Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL JAZZ SU RADIOTRE

 

martedì 9 ottobre 2018 alle 20.30

------------------------------------------------------------------

JAZZ & WINE OF PEACE

Pipe Dream

violoncello, voce, Hank Roberts

pianoforte, Fender Rhodes, Giorgio Pacorig

trombone, Filippo Vignato

vibrafono, Pasquale Mirra

batteria, Zeno De Rossi

Registrato il 26 ottobre 2017 a Villa Attems, Lucinico (GO)



 

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre è possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembè di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco è possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« SUONI MOBILIXIX EDIZIONE DI ATELIER ... »

LA VITA CAMBIA. O NO ?

Post n°2306 pubblicato il 30 Giugno 2012 da pierrde

 

 

 

Il titolo del brano (La Vita Cambia) che Falzone e Arsene Duevi suonano nel post precedente mi ha dato la stura ad una serie di riflessioni e ricordi di natura musicale.

Nel 1968 avevo quindici anni, ascoltavo non senza difficoltà di reperibilità di materiali i Jefferson Airplane, Grateful Dead, Jimy Hendrix. Avevo già visto in concerto i Van Der Graaf, i Genesis, i Soft Machine. Ero attratto e incuriosito dal jazz pur senza averne nessuna esperienza diretta. 

Negli ultimi anni delle superiori mi capitò di vedere nell'arco di una settimana due guppi di jazz: il trio di Romano Mussolini, che suonando standards a me sconosciuti mi annoiò non poco. Ovviamente ero io a non avere gli strumenti per decifrare e comprendere quella musica, mentre un effetto galvanizzante e pienamente coinvolgente mi fece il gruppo di Nunzio Rotondo. Era da poco uscito l'album Bitches Brew di Miles Davis e il quintetto di Rotondo si ispirava apertamente a quell'incrocio di rock e jazz.

Mi entusiasmai, grazie anche all'approccio semplice e diretto di Rotondo verso noi studenti, e mi lanciai alla ricerca di quell'album dal titolo impronunciabile tanto consigliato dal trombettista italiano. Le difficoltà iniziarono quando finalmente riuscii ad acquistare il doppio vinile: mi sembrava musica difficilissima, astrusa, impenetrabile.

Per mesi riprovai a metterlo sul giradischi (era  poco più che un elettrodomestico, altro che hi-fi...): sconsolato e sconfitto, ogni volta rinunciavo dopo un pò. Passarono alcuni anni, e mi capito di ascoltare e vedere molti jazz, sia in concerto che su vinile.

Un giorno misi sul piatto Bitches Brew, senza aspettative e per pura assonanza ad un articolo che stavo leggendo su Miles: miracolo, mi sembrò una musica del paradiso, un torrente di energia e di bellezza...

La maggior parte degli amici di quei tempi però è rimasta ostinatamente attaccata a quello che di più leggero allora si ascoltava. Ancora oggi impavidi 50-60enni si pavoneggiano con l'impianto hi-fi di casa ascoltando (nel caso dei più evoluti) Pink Floyd e Led Zeppelin.

Devo confessare di avere un problema irrisolvibile: non riesco assolutamente a sopportare tutti quegli album che per anni ho letteralmente consumato. Non so cosa mi scatti in testa ma dopo un paio di minuti di qualsiasi disco rock anni 60-70, pur dei migliori, la noia ed il deja-vu mi rendono inascoltabile musica che pure ho amato profondamente.

E' il caso ad esempio del blues degli Zeppelin che posto (senza farlo partire per i motivi di cui sopra): allora per me era meglio di Ilona Staller, adesso, nonostante sia ancora un pezzo trascinante e bellissimo lo posso ascoltare solo per pochi minuti e solo grazie ai bei ricordi.

Mi è capitato anche, alcuni anni fa, di essere a Lugano ad Estival Jazz in attesa della esibizione del trio di Pat Metheny. Concerto di apertura, ahimè, degli Yes, gruppo britannico che nei primi 70' non mi dispiaceva affatto.

Vedere arrivare in scena degli ultrasessantenni vestiti da adolescenti, con improbabili chiome cotonate e prodighi di mossettine pericolose per l'artrite e le giunture logorate dal tempo mi ha messo di buon umore. La musica era (per me) assolutamente inascoltabile, vecchia non di decenni ma di secoli, sparata ad un volume alle soglie del dolore fisico, senza nessuna speranza di essere non dico attuale ma nemmeno appetibile per dei dinosauri sopravvisuti.

Ovviamente grande successo e grandi applausi, e allora, tornando al titolo del brano di Dueve e Falzone, La vita cambia, la controdomanda è : per chi ? Per pochi credo, almeno musicalmente, visto che nelle maggiori rassegne jazz si trovano molti dei nomi del rock di decenni fa. Ma la famiglia Marley, Sting, Jack Bruce, che cosa hanno da raccontare di nuovo e di stimolante oggi ? Se qualcuno lo sa mi faccia sapere, sono proprio curioso.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

AUTORI DEL BLOG

                 Andrea Baroni


                 Fabio Chiarini


                 Roberto Dell'Ava


                 Franco Riccardi

 

                 Ernesto Scurati

 

ULTIME VISITE AL BLOG

lacitignola.roccodottorpiconeavvocatomauriziorealpierrdesilcattleibenbartoli.vittoriofabio.morganti1robby0001monnoMariasolePortaleadordimarcodpr74paolapupulinmaturosicuro
 

ULTIMI COMMENTI

Non ti preocupare, capisco benissimo. Vi sto seguendo...
Inviato da: Less.is.more
il 24/08/2019 alle 11:46
 
Molto bello e interessante il nuovo blog.
Inviato da: Less.is.more
il 23/08/2019 alle 21:27
 
La musica di di Monk ne definisce la prepotente...
Inviato da: Piero Terranova
il 13/07/2019 alle 20:06
 
Grazie!
Inviato da: Luciano Linzi
il 19/10/2018 alle 15:44
 
Una notizia che scalda il cuore. Anche perchè è decisamente...
Inviato da: juliensorel2018
il 12/10/2018 alle 15:21
 
 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom