Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraaracnoid.999labrunetteflorence0AliNasir.386bubriskacassetta2StefanoP.74QuartoProvvisoriogeom.massimobraccoArianna1921sportautomotogiovanni.panichellinorise1animasugossimora
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Il vento della collera.Quando tocca a noi. »

Giulia e le altre.

Post n°2908 pubblicato il 08 Dicembre 2023 da fedechiara
 

Per Giulia e le altre (e per noi tutti).

Il grande rito del commiato da Giulia Cecchetin – collettore di una indignazione montante ad ogni notizia di 'femminicidio' che si somma in quest'altr'anno di disgrazie massime – si è concluso e ci permette di osservare con il necessario disincanto tutto quanto gira intorno agli eventi drammatici del rapporto violento tra un uomo e una donna misteriosamente congiunti in un amore tossico e nocivo per entrambi.
Funzionerà questa mobilitazione delle coscienze, questo peana di guerra contro i violenti di ogni risma maschile, riuscirà a ridurre al lumicino i delitti passionali e le brame di possesso esclusivo dei miserabili che compaiono in cronaca quali autori di efferatezze contro la compagna in fuga solitaria dalla loro ossessione?
L'ennesimo episodio commesso a ridosso del funerale di Giulia ci dice che questa è una illusione, che la mattanza non finirà e conteremo altre vittime nell'anno entrante, ahinoi e che nessun controllo sociale, né la vigilanza delle questure in seguito alle denunce riuscirà a fermare le mani e le menti femminicide degli orchi in agguato.
Le manifestazioni oceaniche servono a consolidare una vasta solidarietà, a mostrarla in video e in voce, ma una volta spente le luci delle videocamere si torna a bomba: il nemico è in casa – indifferente o più rabbioso che pria per il battage di denuncia che lo condanna quale criminale potenziale - o sta di sotto, malgrado il daspo ricevuto, e ti suona il campanello e chiede di entrare per un ultimo chiarimento e/o per chiederti scusa ancora una volta.
E se tergiversi e acconsenti o non sei in grado di chiamare qualcuno o la polizia tarda ad intervenire la tua vita è in serio pericolo e Lachesi, la parca assassina, sta per chiudere le lame delle forbici sul tuo fragile filo e altre coltellate saranno inferte, altre mani si stringeranno sui nivei colli, altro acido sarà gettato sui bei visi delle mal maritate o male accompagnate.
E, come è accaduto per i 'delitti d'onore' del nostro sud malato, solo il transito delle generazioni e la lenta evoluzione della società ridurrà al lumicino quelle morti e quei delitti e assisteremo ad altri funerali, sfileranno altre manifestazioni, si udranno altre commoventi omelie risonanti nelle silenziose navate delle chiese.
'Non cambiano, non cambiano.' piangeva in chiesa, davanti alla bara del marito, la vedova di un poliziotto ucciso in un agguato di mafia. Gli assassini non cambiano, bensì si struggono in carcere dopo il delitto in attesa di uno sconto di pena.
Canicatti Web Notizie -Palma di Montechiaro, getta acido in faccia alla ex compagna
CANICATTIWEB.COM
Canicatti Web Notizie -Palma di Montechiaro, getta acido in faccia alla ex compagna

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963