Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraChevalier54_ZQuartoProvvisorioGiulia0dgl12pragency177karel_ASoglioletta0Arianna1921Najkanewspaper_articles1ARCAN020orat6Ri.emersacapuzzomyassignmentservices
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Cartoonia 2, il ritorno.Scrittori di storie. »

La pena di ogni giorno.

Post n°3064 pubblicato il 14 Marzo 2024 da fedechiara
 

La barca-Italia male in arnese. Lo stato delle cose. 14 marzo 2022

Ogni giorno ha la sua pena. E, in cronaca, si alternano le notizie buone e le cattive, secondo che abbiate preso fazione di qua o di là dell'orizzonte degli eventi bellici.
E oggi prevale la tristezza dei bombardamenti sulle case e la donna incinta e il suo bambino morti (Ansa news), ieri e l'altro ieri prevalevano, invece, i toni duri e fieri dei combattenti ucraini invitti che ne avevano steso a migliaia, dei maledetti russi invasori - secondo suggestione di una narrazione eroica sostenuta a pieni titoli e articoli elegiaci da parte dei nostri giornalisti embedded e filo paesi Nato.
Una narrazione funzionale a farci digerire l'indigeribile dell'inflazione in picco ascendente (e i supermarkets di bel nuovo in prima linea) e le bollette stratosferiche del gas da pagarsi sull'unghia pena la sospensione della fornitura.
Il sostegno alla guerra e alle sanzioni contro la Russia pagato dai consumatori in bolletta. Con l'aggiunta della pia donazione di euro due ad ogni sms inviato alla Unhcr – cinque, se da telefono fisso.
L'imperativo categorico morale di oggi (dopo quello contro i no vax) è quello di avversare il 'fronte interno' dei disfattisti filo russi, scrivono le belle penne autorevoli sui giornaloni filo governativi – e non sognatevi, voi pravi cittadini, di barattare il lamento per le presenti difficoltà e i prezzi alle stelle (di noi che siamo per le sanzioni ad oltranza) con l'osanna e l'inno alla libertà dell'Ucraina che ci riversa i suoi profughi a milioni.
E la carità e la misericordia sono anch'essi dei costi, ahinoi. Costo su costo, se sommato ai barconi (di cui più non si parla, pudicamente) della liquida frontiera sud.
E la domanda che sorge spontanea é: 'Quanto a lungo possiamo sostenere a spese dello stato (che siamo noi) il carico di quest'altra guerra di sanzioni che ci auto puniscono, dopo i ristori pagati a piè di lista causa pandemia e le 'chiusure' relative? E basterà l'Europa con i suoi prestiti generosi a non far affondare la barca-Italia assai male in arnese?'
Ai posteri l'ardua sentenza.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
E la Lagarde ci toglie la sedia da sotto al c... .
HUFFINGTONPOST.IT
La Bce sta chiudendo l'ombrello. Tocca ai governi mettere in sicurezza l'economia (di F. Pagani)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963