Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaradalemmo.fabrizioQuartoProvvisoriocassetta2maresogno67azzurro781Paul12dglNemesys4m12ps12misteropaganoArianna1921Chevalier54_ZArtalekneveleggiadra0
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Benedicemus todos.Accertare le colpe, puni... »

Nel migliore dei mondi.

Post n°2986 pubblicato il 31 Gennaio 2024 da fedechiara
 

Nel migliore dei mondi possibili c'è un sistema giudiziario che è misericordioso con i colpevoli ad onta delle loro colpe – e le celle nelle carceri sono come quelle svedesi, con lavandino e toilette e televisione e molte ore di sole (quello che consente la latitudine) e non è chiaro, in tanto lusso carcerario ed umana disponibilità dei carcerieri, quale colpa si va a scontare, a parte la privazione della libertà.
Che, quasi quasi, converrebbe ad un senza tetto male in arnese di commettere un reato di una certa gravità per poter usufruire di quei servizi e i tre pasti al giorno garantiti da un paese illuminato dalla folgorante luce filosofica del Beccaria.
E, certo, la scena televisiva della nostra Salis, maestrina 'antifa' incatenata in pubblico processo, non appartiene al migliore dei mondi possibili, ma il reato che le è imputato è stato commesso in un paese che è piuttosto severo con i carcerati di ogni risma e colpa imputata e le catene della Salis sono applicate ad ogni e tutti i detenuti che entrano a processo in un'aula e non si vede perché la militante pulzella 'antifa' deve costituire eccezione. Perché è italiana?
A mio modesto parere questa sua appartenenza geografica e politica costituisce una aggravante, invece.
Andare a pestare due pretesi 'neonazi' in Ungheria invece che nel paese di provenienza (dove, a detta del pd, li si incontra ad ogni piè sospinto e alzano impunemente le mani nell'odioso saluto fascista) mi sembra cosa gravissima e di gran peso nel teatro del processo che vi si celebra - e, se è vero (come riferisce 'La Verità di oggi), che in Germania uguale trattamento di catene ai piedi e ai polsi sia stato riservato al Turetta prima dell'estradizione vengono a cadere tutte le veementi accuse di quelli del pd e associati contro l'Ungheria paese non rispettoso degli standards cercerari europei.
E la pretesa di quei dessi di una telefonata della nostra presdelcons. ad Orban contrasta con un principio che dovrebbe essere sacro di piena indipendenza della magistratura e del sistema giudiziario in genere dalla politica. O è solo voglia di 'buttarla in caciara' – come fa da un anno a questa parte una opposizione indegna di questo nome in pubblico parlamento?
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e testo

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Nebbieedintorni/trackback.php?msg=16739914

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
VIOLA_DIMARZO
VIOLA_DIMARZO il 31/01/24 alle 12:56 via WEB
La tua è la chiave di lettura che si sta facendo strada da qualche giorno. In effetti sono tante le variabili da tenere in considerazione e quelle che elenchi tu sono sancite dalla costituzione che ogni Paese si dà. Ma resta il fatto che nel 2024 tutti gli stati dovrebbero fare a meno di accompagnare il presunto colpevole in manette e guinzaglio in un'aula di tribunale. Pensa quanto sarebbe più facile controbattere contro chi ha voglia di 'buttarla in caciara'. Aggiungo, noi italiani dovremmo ricordarci delle condizioni disumane in cui versano le persone nelle nostre carceri e forse concluderemmo che la scena della nostra connazionale in catene è solo stata più pacchiana.
 
fedechiara
fedechiara il 31/01/24 alle 14:50 via WEB
Vi è un sentimento diffuso, in questo paese, di misericordia 'un tanto al chilo' - che, nel caso della Salis, arriva ad ipotizzare l'estradizione e i comodi 'domiciliari' - con il conforto di visite ed esultanze fuori luogo dei suoi sodali per la vittoria ottenuta. Ungheria-Italia 0-2. E Orban nella fossa mediatica. La colpa passa sempre in secondo piano ed è antecedente di nessun peso per gli acclamatori e i pietosi a sproposito. Il mondo al contrario.
 
 
Princejoint6
Princejoint6 il 08/02/24 alle 14:21 via WEB
Penso che in questo paese ci siano milioni di finti bonisti vi dico in sincera verità che non me ne frega niente della Salis perché c’è una grande differenza tra il nostro paese e gli altri paesi europei,loro fanno rispettare le leggi da noi le leggi hanno molteplici funzioni e variano a seconda del ceto sociale e da quanto può pesare l opinione pubblica e il fatto mediatico.Basta accendere la tv e tutti parlano parlano sono presenti psicologi e opinionisti presi a caso e nessuno e dico nessuno dice veramente quello che pensa solo bugiardi e bonisti ma basta io sinceramente sono stufo .
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963