Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarapippolodgl17nicolettaleonerussobaudanzasrlfulvio.franzonicecc.carl1finsaneCherryslSoloDaisydon.francoblorislebretonAttrazionebanalevololowthorn2021
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 06/12/2020

Imbonitori

Post n°1440 pubblicato il 06 Dicembre 2020 da fedechiara
 

06 dicembre 2016

Pare che alcuni 'renziani' ostinatamente marziani e refrattari a orientare le loro antenne neuroniche su quanto avviene nel vasto territorio del paese depresso e stagnante che ha dato loro i natali si siano piccati di segnalare ai giornali e sui social che il 'si' (con tutto ciò che comporta di affiliazione politica) ha vinto nelle zone economicamente più forti del paese - Milano, L'Emilia, il Trentino.
E Laura Puppato (pd) ha aggiunto la chiosa velenosa che i cervelli in fuga all'estero hanno anch'essi votato 'si' in larga maggioranza (brogli a parte, che la vittoria schiacciante ha lasciato correre) e, conseguentemente, la loro sarebbe una fuga dall'Italia del 'no'. Come a dire: 'Noi rampanti ed emergenti versus i perdenti dell'immobilismo.'
C'è una punta di arroganza ferita, in questa sua chiosa – condivisa, credo, da molti di quei 'renziani-marziani' che oggi constatano dolorosamente che il loro progetto politico 'volava alto' – tanto alto da rasentare la rarefazione di ossigeno della stratosfera; e l'aver riportato a terra la loro navicella spaziale, sia pure con qualche ammaccatura e bruciacchiata, è nostro merito: di noi pezzenti del 'no' che osservavamo che il tanto osannato job act altro non è che l'istituzionalizzazione del precariato a vita e un monumento ai famigerati 'vouchers' e alla piena deregulation del mondo del lavoro.
Una 'cinesisazione' de facto del lavoro in Italia – e hanno vinto loro, i cinesi che hanno assassinato il 'distretto tessile' di Prato e quegli extra comunitari disposti ad ogni mansione e orario di lavoro che hanno appiattito i diritti sindacali omologandoli al ribasso estremo della maledetta 'globalizzazione' dei 'barconi' e delle frontiere europee violate come gruviera grazie alla nostra 'frontiera sud' sempre aperta, estate e inverno – e il folle messaggio de 'venite tutti, vi salviamo tutti' lanciato sull'intero territorio africano dal duo Renzi-Alfano. Si salvi chi può – è appena il caso di dire, data la costanza dei morti annegati.
Ma questi pensieri e queste analisi terra-terra non sfiorano i 'cervelli in fuga' arroganti e 'sei metri sopra il cielo' – e ieri ascoltavo l'eloquio tipico renziano di Davide Serra a 'Piazza Pulita' che elencava i dati Istat del governo Renzi sul ritorno del lavoro in Italia e la disoccupazione in calo, a sentir lui, - ma a ben analizzare i dati, il calo è dovuto alle cifre di coloro che il lavoro ormai hanno smesso di cercarlo e una gran fetta di quelli che lavorano sbandierano nelle piazze i vouchers del loro scontento e della miseria nera in cui affondano le loro vite grame.
La grande menzogna renziana disvelata dal 'no' al 60 per cento e i suoi esponenti ex rampanti definitivamente bollati quali 'imbonitori' da un tanto al chilo.
S.p.q.r. Sono pentolari recidivi questi renziani
Nessuna descrizione della foto disponibile.
I vitelloni di Federico Fellini - Lavoratori!
YOUTUBE.COM
I vitelloni di Federico Fellini - Lavoratori!