Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

TOPINA6411whiteherpstargeyfedechiaradavide.russiellopaghostrobertonik1P.aol.ofridapmRavvedutiIn2Pagura66Oddo4zaghenautoNapoletano.omisruli
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 03/06/2019

Amor ch'a nullo amato

Post n°888 pubblicato il 03 Giugno 2019 da fedechiara
 

Amor ch'a nullo amato amar perdona - 03 giugno 2013

Di vivere una storiaccia di violenza non lo auguriamo a nessuno, nemmeno se maschio – neanche se, da troppo tempo, la cronaca ci rimbalza, un giorno si e l'altro pure, storie di spaventosi 'femminicidi' o di 'stalking' maschile e questo rovesciamento potrebbe indurre qualcuno/a a un liberatorio pensiero di 'ben gli sta!'.

E bisogna sentire la 'cose turche' che questa giovane bulla romana ha minacciato e poi attuato (getto dell'acido in faccia su commissione) per non saper tollerare l'abbandono dell'uomo 'amato' – e forse dovremo istituire dei corsi a scuola (obbligatori per i vocati e recidivi) di cosa sia amore e quali le sue patologie infiammatorie e le eventuali prime cure. 
E insegnarvi come si riconosce, fin dai primi approcci para amorosi, uno che 'è fuori di testa' e la sua violenza annunciata. Far scattare l'interno allarme da subito, ad esempio, nel caso qualcuno si lasciasse andare ad espressioni tipo: 'Ti amo follemente'. Vada per il 'ti amo'; il 'follemente' è parola grossa e andrà usata 'cum grano salis'.

E, coniugato sulla cronaca dei 'femminicidi' e delle violenze di genere, fa accapponare la pelle il bel distico dantesco: 'Amor ch'a nullo amato amar perdona' - che condanna a un suo privato inferno colui/ei che affonda nel gorgo di una passione che non si sa dominare e 'tenere a freno' e 'imbrigliare' dentro le corregge di un rispetto dell'altro che è rispetto dei 'diritti fondamentali della persona'.

Alla luce di ciò dovremmo guardare con vivo sospetto le espressioni 'Amore senza limiti' e confini e 'A l'amour comme à la guerre' - che noi traduciamo con 'In amore e in guerra tutto è lecito'? 
Per una volta mi si consenta di rispondere con una domanda: 'Davvero tutto?' 
Anche l'acido in faccia? Anche lo stalking forsennato?

L'immagine può contenere: 1 persona