**TEST**
Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraMonnalisa5100roby24007questovogliopaololegrenziMinucci.MarcoRullianusivri98pincos2suorlisasg53downloadgamespetercar0il_tempo_che_verraantoniomarchetti47
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 13/03/2020

Paese che vai stupidari che trovi. il virus oltre l'estate.

Post n°1180 pubblicato il 13 Marzo 2020 da fedechiara
 

 

Paese che vai stupidari che trovi. il virus oltre l'estate.

L'altro ieri la voce grave del responsabile dell'organizzazione mondiale della sanità ammetteva che è in atto una pandemia – la cui voce vi invito a controllare su wikipedia o sul vocabolario – per averne contezza della sua gravità.
Ma ieri Macron-L'Ardito, monsieur le president, con voce meno grave, ha avvisato i francesi che hanno a disposizione ancora tre giorni per folleggiare in barba ai 2000 contagiati francesi conclamati – che lunedì, data di inizio delle blande misure di contenimento del virus, saranno verosimilmente il triplo, controllate gli algoritmi relativi. 
E abbiamo visto tutti in tivù le scene dei suonati tifosi del Paris-saint Germain stringersi a coorte sugli spalti e fuori dello stadio pronti alla morte per corona virus annunciato e allegramente noncurato.
E se il massimo funzionario della O.m.s. avvisa i governanti che è in atto una pandemia, senso comune vorrebbe che si allineassero le misure di contenimento più severe e i comportamenti di ognuno e tutti più rigorosi - perché se ne esce tutti insieme presto e bene (con le misure draconiane prese dall'Italia) o non se ne esce affatto e si prolunga il disastroso fermo dell'economia mondiale ben oltre l'estate.

Ma se il virus contagiasse anche le menti di questi s-governanti incapaci e piacioni, no eh? A chi la tocca la tocca, ahinoi, e il virus dell'imbecillità è davvero duro a debellarsi.

L'immagine può contenere: 3 persone, testo
 
 
 

Virus e viralità di ieri e di oggi

Post n°1179 pubblicato il 13 Marzo 2020 da fedechiara
 

 

Del prestare voce e del predire

Nell'era di internet tutto diventa 'virale', nel bene e nel male. Una replicazione di un 'troppo di tutto' che dovrebbe preoccuparci, considerato che viene da 'virus' - ed è nota la soccombenza del nostro organismo, il cervello incluso, a questa categoria di viventi e dannosi replicanti.

Ma esiste, e va segnalata, una replicazione positiva di video e notizie e informazioni che dovrebbe migliorare le nostre attitudini alla riflessione e all'esercizio delle virtù riconosciute nei nostri comportamenti quotidiani – e cito il caso recente delle mille e mille 'condivisioni' del 'post' di una tale che si immedesima e da voce postuma ad una delle due ragazze morte assassinate per aver sconsideratamente accettato l'ospitalità e la compagnia dei loro assassini, che le hanno chiuse in un sacco della spazzatura dopo averne abusato. E 'viaggiare da sole' è sicuramente un diritto da riconoscere e sostenere, raccomandando solo quel minimo di 'grano salis' e di sana diffidenza e sospetto negli incontri che evita le tragedie e le cose fastidiose, sgradevoli e/o orribili di cui è pieno il mondo, sopratutto quello di parte maschile.

E diventerà 'virale', ne sono certo, anche lo scritto di una nostra buona scrittrice su 'la Repubblica' che dà voce al piccolo siriano neonato che i genitori lavano amorevolmente usando una bottiglia di acqua minerale fornita dai bravi volontari che li aiutano a sopravvivere nel fango dell'improvvisato campo-profughi alla frontiera tra la Grecia e la Macedonia.
Una voce dolente, quella di Melania Mazzucco, di umana pietas e di interrogativi inquietanti che il ragazzino, forse, si porrà - se sopravviverà e se la sua vicenda esistenziale avrà esito di accoglienza.

Una voce a lui prestata che si/ci chiede quanta capacità abbiamo collettivamente noi europei disincantati di esercitare e praticare l'umana compassione - pur se affannati e sconvolti e impauriti dal troppo di tutto catastrofico di questo ultimo decennio di orrori e di attentati e di morti per le strade e le periferie urbane ghetti di immigrazione e polveriere sociali, e costernati dalla arrogante distorsione del diritto preteso dei 'no borders' di dilagare e invadere e premere clamorosamente sulle nostre frontiere e gravare a milioni sulle nostre fragili economie e sul nostro 'welfare' sempre più asfittico ed economicamente insostenibile.

E, leggendo quel merlettare 'buonista' della pur brava scrittrice mi tornava in mente la polemica suscitata da una vignetta pubblicata qualche mese fa su 'Charlie Hebdo' in cui si mostrava il rovescio della medaglia di tutto il buonismo che si è raccolto intorno al corpicino di Aylan carezzato dalle onde del mare sulla battigia. 
E la caustica vignetta ci interrogava, invece, spietatamente ma realisticamente, su quanto e cosa resterebbe di tutto quel buonismo versato a fiumi di inchiostro e singhiozzi telegiornalistici e nei 'talk show' embedded se avessimo potuto prevedere per un Aylan miracolosamente sopravvissuto un futuro di 'radicalizzato sul web' e aspirante 'foreign fighter'.

Nessuna descrizione della foto disponibile.